Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
mavipa4

Affittacamere in condominio vietato dal regolamento

Buongiorno, sono una signora di Torino e volevo avere una delucidazione sulla ripartizione delle spese condominiali in quanto quest’anno un nuovo proprietario ha deciso di trasformare un alloggio affittandolo giornalmente a delle persone es. turisti.

Nel regolamento di condominio c’è scritto: “ Per tutti i locali è vietata la destinazione ad alberghi, pensioni, sanatori, sale da ballo, depositi infiammabili, industrie rumorose e causanti odori molesti ecc...

E’ permessa la locazione dei locali sotto l’osservanza dei vincoli e delle limitazioni su elencate.

Ho letto su internet le sentenze della Corte n. 109 del 7 gennaio 2016 sull’attività di affittacamere che dice che questo tipo di attività è vietato e bisogna seguire il regolamento di condominio, ma non ho trovato notizie sulle ripartizioni delle spese condominiali in quanto gli affittuari di questo alloggio hanno già rovinato l’imbiancatura nelle scale e viene utilizzato continuamente l’ascensore per il trasporto di valigie. Inoltre il nuovo proprietario vuole chiedere al condominio il permesso di collocare nel cortile cieco, senza uscita diretta sulla strada, il porta bicicletta con alcune bici a disposizione degli affittuari che comporterebbe il passaggio delle bici nel portone con conseguenze e danni sulla imbiancatura e sugli spigoli dovuto al passaggio di quest’ultime.

Come condomini e proprietari di alloggio possiamo NON autorizzare questa nuova attività , durante la riunione di condominio e possiamo chiedere al nuovo proprietario eventualmente se fosse deciso di autorizzarlo di partecipare con una maggiorazione superiore ai millesimi del suo alloggio alle spese

Straordinarie ( es. nuova imbiancatura scale) e al consumo dell’ascensore (elettricità) e relative spese ascensore ( manutenzione ( sostituzioni parti ecc…)?

Anticipatamente ringrazio e porgo distinti saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Regolamento contrattuale o assembleare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buongiorno, sono una signora di Torino e volevo avere una delucidazione sulla ripartizione delle spese condominiali in quanto quest’anno un nuovo proprietario ha deciso di trasformare un alloggio affittandolo giornalmente a delle persone es. turisti.

Nel regolamento di condominio c’è scritto: “ Per tutti i locali è vietata la destinazione ad alberghi, pensioni, sanatori, sale da ballo, depositi infiammabili, industrie rumorose e causanti odori molesti ecc...

E’ permessa la locazione dei locali sotto l’osservanza dei vincoli e delle limitazioni su elencate.

Ho letto su internet le sentenze della Corte n. 109 del 7 gennaio 2016 sull’attività di affittacamere che dice che questo tipo di attività è vietato e bisogna seguire il regolamento di condominio, ma non ho trovato notizie sulle ripartizioni delle spese condominiali in quanto gli affittuari di questo alloggio hanno già rovinato l’imbiancatura nelle scale e viene utilizzato continuamente l’ascensore per il trasporto di valigie. Inoltre il nuovo proprietario vuole chiedere al condominio il permesso di collocare nel cortile cieco, senza uscita diretta sulla strada, il porta bicicletta con alcune bici a disposizione degli affittuari che comporterebbe il passaggio delle bici nel portone con conseguenze e danni sulla imbiancatura e sugli spigoli dovuto al passaggio di quest’ultime.

Come condomini e proprietari di alloggio possiamo NON autorizzare questa nuova attività , durante la riunione di condominio e possiamo chiedere al nuovo proprietario eventualmente se fosse deciso di autorizzarlo di partecipare con una maggiorazione superiore ai millesimi del suo alloggio alle spese

Straordinarie ( es. nuova imbiancatura scale) e al consumo dell’ascensore (elettricità) e relative spese ascensore ( manutenzione ( sostituzioni parti ecc…)?

Anticipatamente ringrazio e porgo distinti saluti.

se il regolamento di condominio è di natura contrattuale (richiamato cioè sugli atti di vendita), l'attività di affitto giornaliero sembra vietata (pensione).

di conseguenza potete interessare l'amministratore affinchè indica un'assemblea dove la maggioranza darà eventualmente mandato per far cessare la violazione al regolamento condominiale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Credo che "affittacamre" e non è la stesa cosa. Per l' attività di case vacanze o Bed & Breakfast è sufficiente dare comunicazione ' al Comune e questa attività non è commerciale perché è a supporto e a stimolo dello sviluppo di turimo locale e non può essere vicolata dal regolarmento conominiale. Il condominio prenderà carico di tutte le eventuali danneggiamenti, usura, danni provocati dai turisti etc., a meno che non vi mettete a'ccordo in assemlea. Invce è un'attività commeriale diversamente chaimta "pensione", con obbligo iscrizione alla Camera di Commercio, P.Iva e Licenza e tassazione reddito da impresa. Ci sono state sentenze della Cassazione in merito all' argomento , a favore .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il regolamento di condominio mi è stato consegnato dal proprietario quando ho acquistato l'alloggio: perchè viene usato il termine contrattuale? Esiste un'altra forma di regolamento di condominio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Il regolamento di condominio mi è stato consegnato dal proprietario quando ho acquistato l'alloggio: perchè viene usato il termine contrattuale? Esiste un'altra forma di regolamento di condominio?

si.

è il regolamento "assembleare" o ordinario che a differenza del primo può essere approvato a maggioranza ma non può contenere vincoli che limitino le libertà individuali.

 

http://www.dirittierisposte.it/Schede/Condominio/Parti-comuni/il_regolamento_di_condominio_id1135318_art.aspx

 

http://www lavorincasa it/il-regolamento-di-condominioobbligatorieta-funzione-natura-e-opponibilita/

 

nel regolamento contrattuale che si accetta e si firma con l'atto di acquisto si accettano anche i vincoli alle propria libertà sulla proprietà privata.

se è registrato alla conservatoria è opponibile (trasmissibile) anche a tutti i futuri acquirenti, se non è registrato vale per chi lo ha firmato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×