Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
ChannelMaster

Affidamento incarico professionale - i soldi?

Salve a tutti,

in una assemblea l'amm.re ha messo all'o.d.g.: "affidamento incarico professionale per l'ottenimento del c.p.i. autorimessa", portando poi in assemblea tre preventivi.

L'assemblea ha scelto il professionista e sul verbale è riportato: "si affida l'incarico per l'ottenimento del c.p.i. all'ing. Tizio Caio per la somma di x €".

Nulla è stato deliberato sul preventivo né sul riparto perché non previsti nell'o.d.g.

L'amm.re ha titolo a emettere bollettino per chiedere i soldi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Una delibera dove non viene specificato il riparto, peraltro potrebbe già essere disposto dal RdC oppure lo è in maniera prevista dai criteri legali, è una delibera annullabile, perciò se l'amministratore invia i bollettini e nessuno impugna nei modi previsti dall'art 1137 cc, la richiesta è valida.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ma se l'amm.re non ha uno straccio di riparto sia esso preventivo o consuntivo non può categoricamente richiedere decreto ingiuntivo. Non c'entra l'annullabilità. Peraltro il giudice non entra nel merito della delibera ma si limita a dire se è annullabile o meno.

 

Più in generale, se l'esercizio di un condominio a consuntivo viene approvato ma non viene discusso il riparto l'amm.re non ha titolo a chiedere niente.

E' il riparto che da questo potere di riscossione, senza di esso il condomino può anche non pagare.

 

https://www.condominioweb.com/senza-il-piano-di-ripartizione-della-spesa-il-condomino-moroso.11595

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

se è stato deliberato soltanto l'affidamento dell'incarico al professionista, senza stabile l'importo della spesa, è una delibera mozza, l'amministratore dovrebbe convocare una nuova riunione per far approvare il preventivo del professionista

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ma se l'amm.re non ha uno straccio di riparto sia esso preventivo o consuntivo non può categoricamente richiedere decreto ingiuntivo. Non c'entra l'annullabilità. Peraltro il giudice non entra nel merito della delibera ma si limita a dire se è annullabile o meno.

 

Più in generale, se l'esercizio di un condominio a consuntivo viene approvato ma non viene discusso il riparto l'amm.re non ha titolo a chiedere niente.

E' il riparto che da questo potere di riscossione, senza di esso il condomino può anche non pagare.

Certamente, non essendo stato approvato un riparto, fatto salvo non già stabilito da un RdC, ciascun condomino potrebbe non pagare sino a ratifica, però stiamo attenti, il professionista incaricato con delibera per il CPI, se non pagato potrebbe richiedere il Decreto Ingiuntivo verso il Condominio, quale è il male minore?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Che il decreto ingiuntivo non può essere emesso perché non c'è il riparto. Se non c'è il riparto il credito non è esigibile (vedasi il link che ho postato) - almeno così c'è scritto. E' comunque una delibera da rettificare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×