Vai al contenuto
Umbertodoctor

Adozione tabelle millesimali

Salve nel condominio dove appena mi sono trasferito non ci sono le tabelle millesimali la ripartizione delle spese è stata fatta mi hanno detto sempre dividendola in parti uguali, ora mi chiedo quanti condomini minimo bastano per proporre di adottarle?

e dopo la proposta con che maggioranza si decide di deliberazione per l'adozione delle tabelle?e quindi di nominare un tecnico e tutta la procedura?

Per quelle annesse a un regolamento contrattuale ci vuole l'unanimità.

 

Per quelle annesse a un regolamento assembleare, puoi leggere quanto previsto dal nuovo testo dell'art.1138 cc. Pochi anni fa, una sentenza della C. di Cass. aveva eguagliato le maggioranze per il regolamento e quelle per le tabelle.

 

Da notare che l'art.1138 non nomina le tabelle, ma quando parla di ripartizione delle spese a mio avviso è sufficiente.

 

1138. Regolamento di condominio.

 

Quando in un edificio il numero dei condomini è superiore a dieci, deve essere formato un regolamento, il quale contenga le norme circa l'uso delle cose comuni e la ripartizione delle spese, secondo i diritti e gli obblighi spettanti a ciascun condomino, nonché le norme per la tutela del decoro dell'edificio e quelle relative all'amministrazione.

 

Ciascun condomino può prendere l'iniziativa per la formazione del regolamento di condominio o per la revisione di quello esistente.

 

Il regolamento deve essere approvato dall'assemblea con la maggioranza stabilita dal secondo comma dell'articolo 1136 ed allegato al registro indicato dal numero 7) dell'articolo 1130. Esso può essere impugnato a norma dell'articolo 1107.

Le norme del regolamento non possono in alcun modo menomare i diritti di ciascun condomino, quali risultano dagli atti di acquisto e dalle convenzioni, e in nessun caso possono derogare alle disposizioni degli articoli 1118, secondo comma, 1119, 1120, 1129, 1131, 1132, 1136 e 1137.

 

Le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Art.1136 C2

 

Sono valide le deliberazioni approvate con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell'edificio.

a grazie... ma una ultimissima domanda cioè che differenze ci sarebbero tra tabelle allegate ad un regolamento contrattuale e quelle allegate ad uno assembleare?

e dopo la proposta con che maggioranza si decide di deliberazione per l'adozione delle tabelle?e quindi di nominare un tecnico e tutta la procedura?

Art. 68

Ove non precisato dal titolo ai sensi dell'articolo 1118, per gli effetti indicati dagli articoli 1123, 1124, 1126 e 1136 del codice, il valore proporzionale di ciascuna unità immobiliare è espresso in millesimi in apposita tabella allegata al regolamento di condominio.

Secondo me la tabella millesimale è obbligatoria solo se è obbligatorio il regolamento e quindi solo quando i condòmini sono più di 10.

Questo però non significa che nei condominii fino a 10 condòmini si debbano ripartire le spese in parti uguali.

Il criterio legale di riparto è in proporzione al valore della proprietà di ciascuno ed in proporzione all'uso, perciò anche in mancanza di tabelle millesimali si deve quantificare il valore di ciascuna proprietà, magari proporzionandolo in metri quadri o tenendo conto del valore catastale.

a grazie... ma una ultimissima domanda cioè che differenze ci sarebbero tra tabelle allegate ad un regolamento contrattuale e quelle allegate ad uno assembleare?

Principalmente che ogni nuovo acquirente sarebbe obbligato a seguirne le disposizioni. Oltre al costo per le operazioni di carattere tecnico ci sono dei costi notarili.

Questo però non significa che nei condominii fino a 10 condòmini si debbano ripartire le spese in parti uguali.

Il criterio legale di riparto è in proporzione al valore della proprietà di ciascuno ed in proporzione all'uso, perciò anche in mancanza di tabelle millesimali si deve quantificare il valore di ciascuna proprietà, magari proporzionandolo in metri quadri o tenendo conto del valore catastale.[/color]

Sai quanto me che metri quadrati e rendita catastale sono solo un riferimento assolutamente insufficiente ai fini di una corretta ripartizione delle spese condominiali e possono essere utilizzati ragionevolmente fino a che non si ottenga un criterio più oggettivo possibile con la redazione delle tabelle millesimali.

Sulla lettura di una obbligatorietà o meno delle tabelle in funzione dei requisiti di obbligatorietà del RDC non sono d'accordo perchè, secondo me, l'art.68 nel riferirsi all'allegato al RDC ne indica semplicemente la destinazione fisica delle tabelle e non la correlazione ai criteri di obbligatorietà del RDC.

Sai quanto me che metri quadrati e rendita catastale sono solo un riferimento assolutamente insufficiente ai fini di una corretta ripartizione delle spese condominiali e possono essere utilizzati ragionevolmente fino a che non si ottenga un criterio più oggettivo possibile con la redazione delle tabelle millesimali.

Sulla lettura di una obbligatorietà o meno delle tabelle in funzione dei requisiti di obbligatorietà del RDC non sono d'accordo perchè, secondo me, l'art.68 nel riferirsi all'allegato al RDC ne indica semplicemente la destinazione fisica delle tabelle e non la correlazione ai criteri di obbligatorietà del RDC.

Ma l'art. 1138 parla di obbligo del regolamento citando la ripartizione delle spese, che col mero regolamento sappiamo tutti essere impossibile. Ovviamente include le tabelle.

Salve nel condominio dove appena mi sono trasferito non ci sono le tabelle millesimali la ripartizione delle spese è stata fatta mi hanno detto sempre dividendola in parti uguali, ora mi chiedo quanti condomini minimo bastano per proporre di adottarle?

In verità dipende da quanti siete.

Se meno di 10 non sussiste l'obbligo di adozione e pertanto basta trovare un criterio proporzionale condiviso.

Se più di 10 diverrebbe obbligatorio adottarle insieme ad un regolamento.

In quale situazione sei?

Ma l'art. 1138 parla di obbligo del regolamento citando la ripartizione delle spese, che col mero regolamento sappiamo tutti essere impossibile. Ovviamente include le tabelle.

In effetti sembra essere come dici tu. Non mi ci ero mai soffermato.

Quindi ammesso che un solo condomino proponga di adottarle si discute in assemblea e che maggioranza serve per dare un incarico ad un tecnico per redigerle?....al di là della approvazione successiva delle tabelle redatte dal tecnico incaricato

Quindi ammesso che un solo condomino proponga di adottarle si discute in assemblea e che maggioranza serve per dare un incarico ad un tecnico per redigerle?....al di là della approvazione successiva delle tabelle redatte dal tecnico incaricato

premesso che per approvare delle tabelle da allegare ad un regolamento assembleare occorra la maggioranza degli intervenuti che rappresenti almeno 500 millesimi ritengo che occorra la stessa maggioranza per dare l'incarico.

Fosse altro per testare la volontà di volere veramente le tabelle e non spendere soldi inutilmente qualora la maggioranza poi non volesse approvare.

×