Vai al contenuto
nuovo01

Acquisto immobile PARZIALMENTE ipotecato

Salve a tutti.

 

Vi pongo questo quesito vorrei acquistare un'immobile gravato parzialmente da ipoteca...

 

Spiego meglio: 1/7 della quota assieme ad altri possedimenti di una persona risultano ipotecati.

 

Vorrei acquistare i restanti 6/7 (da persone diverse ovviamente) senza estinguere l'ipoteca in quanto ovviamente non mi riguarda! posso farlo?!

 

In un secondo momento poi quando e se la quota ipotecata verrà venduta all'asta o quando avrò la possibilità vorrei acquistare (non riscattare) la quota che mi mancherebbe per avere la piena proprietà.

 

Posso quindi acquistare e andare a rogito acquistando solo le parti di immobile libere da ipoteca?

 

Posso anche mediare nel caso con il creditore (il solito in italia) in quanto l'ipoteca totale imponibile riguarda anche altri possedimenti del debitore che a me non interessano?

 

Per dare un prezzo alla quota di immobile ipotecata posso scrivere in atto notarile che pagherò una cifra in ogni caso non superiore a quanto riconosciuto agli altri 6 proprietari per acquistare la quota ipotecata?

 

In che modo viene calcolato l'eventuale valore di riscatto sul valore catastale dell'immobile?

 

Con la revisione degli estimi nel caso rischierei di pagare di più oltre che di imposte anche di somma per acquisto parte ipotecata?

 

Grazie a tutti

 

Ps specifico ancora meglio in ogni caso vorrei acquistare la quota ipotecata senza contattare il debitore ma trattando direttamente con la società di recupero.

 

Vorrei cioè che la società di recupero mi cedesse la piena proprietà della quota da loro ipotecata a fronte di un rientro economico da concordarsi.

Modificato Da - nuovo01 il 07 Mag 2012 alle ore 19:06:37

Fai una serie di domande che richiedono il possesso di una competenza specifica. Ti auguro di trovare nel forum qualcuno pluricompetente che ti possa rispondere con sicurezza, ma, data la complessità dell'argomento, io per primo non mi fiderei di un "madly" qualsiasi, ma mi rivolgerei a un professionista. Auguri e saluti.

Puoi acquistare le quote non ipotecate dai rispettivi proprietari, sulla possibilità di mediare con il creditore la vedo dura, non mi sembra tu abbia molte carte da giocare.

In atto notarile puoi scrivere quello che vuoi, per il creditore è come se non esistesse.

Non puoi acquistare la quota direttamente dal creditore per il semplice motivo che non ne è il proprietario, puoi saldare il debito e far cancellare l'ipoteca,altrimenti la quota andrà all'asta e sarà aggiudcata al maggiore offerente.

Grazie ad entrambi.

 

Quello che mi premeva di più era l'acquisto (se possibile)delle singole quote non ipotecate...?!

 

Se come dice @gioro si possono acquistare singolarmente lasciando stare la parte di immobile ipotecato "da parte" è un discorso in caso contrario invece non vi è convenienza alcuna in nessun caso!

 

Aspetterò le risposte magari di qualche esperto ma mi pare ovvio che da parte mia non c'è interesse a togliere l'ipoteca su una quota di bene che non mi appartiene anche dato che come specificavi tu @madly io posso togliere un'ipoteca ma non acquistare la proprietà per la quota ipotecata ed ovviamente non mi interessa pagare debiti altrui!

 

Comprando invece le restanti quote non ipotecate mi pare ovvio che in ogni caso avrò un domani un diritto di prelazione in caso il creditore venda 1/7 di immobile ed inoltre il creditore stesso sa che la settima parte della casa ha un valore solo per i/il possessore delle altre quote ovviamente e questo lascerebbe forse spazio a una mediazione molto "generosa"

Perchè se è vero che possono aspettare è anche vero che prendere poco è meglio che prendere niente e loro lo sanno soprattutto di questi tempi.

 

In ogni caso grazie a chi è già intervenuto e a chi vorrà intervenire.

Cerca almeno di comprare le altre quote con un unico atto, convocando tutti i proprietari, altrimenti vai a spendere un pozzo di soldi in notaio. Per il resto è vero: il restante pezzetto ha valore solo per te, ma la cosa si può rivelare un'arma a doppio taglio: proprio perché tu saresti l'unico compratore interessato, potrebbe chiederti una cifra ben superiore al suo valore reale. Saluti.

Acquistando le quote non ipotecate non acquisiresti nessun diritto di prelazione sulla quota rimanente e se è vero che l'unico interessato ad acquistare la quota ipotecata saresti tu è anche vero che senza quella parte dell'appartamento il tuo investimento non avrebbe un mercato e sarebbero soldi buttati.

Dovresti acquistare contestualmente tutte le quote facendo intervenire al rogito un funzionario del creditore che incassando una cifra precedentemente concordata rilasci una liberatoria alla cancellazione dell'ipoteca.

Scritto da gioro il 08 Mag 2012 - 17:04:59: Acquistando le quote non ipotecate non acquisiresti nessun diritto di prelazione sulla quota rimanente e se è vero che l'unico interessato ad acquistare la quota ipotecata saresti tu è anche vero che senza quella parte dell'appartamento il tuo investimento non avrebbe un mercato e sarebbero soldi buttati.

Dovresti acquistare contestualmente tutte le quote facendo intervenire al rogito un funzionario del creditore che incassando una cifra precedentemente concordata rilasci una liberatoria alla c [...]

NO!Scusami ma così si ok cancello l'ipoteca ma non ho il possesso della quota rimanente!!!

 

Che dovrei pagare al legittimo proprietario aspettando poi un tempo x in cui magari la ri-ipotecano?!

 

Una volta acquistate le altre quote l'ultima sarebbe messa all'asta nel caso dal creditore se l'ipoteca non viene cancellata mal che vada pagherei al massimo una cifra pari alla richiesta ipotecaria del creditore..... Per avere la proprietà della quota stessa! Esatto?

 

La storia del funzionario non ha senso in questo momento perchè io non voglio liberare l'immobile da ipoteca (ci dovrebbe pensare il debitore-possessore che ha contratto la stessa) vorrei solo anche in futuro la PROPRIETà della parte che mi manca.

 

Ripeto l'importante è acquistare tutte le quote libere visto che dite sia possibile senza problemi. Poi si valuterà tanto se è vero che sarei l'unico interessato è pur vero che tale possesso immobiliare di 1/7 deve avere per forza un valore se pur magari sopravalutato di mercato!

 

Cioè per quella quota possono chiedermi un massimale a seconda del valore immobiliare dato all'abitazione non possono chiedermi cifre astronomiche perchè non sarebbe conveniente per nessuno dei 2 soggetti (io e il creditore).

 

Che dite?

Non possono chiederti cifre astronomiche, altrimenti tu non compreresti e loro non venderebbero, ma comunque ti chiederanno almeno la cifra pari a un settimo del valore dell'appartamento, magari aumentata di un 20 o 25%. Quella volta che andai a chiedere informazioni al notaio circa l'acquisto di una quota di immobile (si trattava del 50% di una casa a schiera) ebbi come risposta il consiglio di non iniziare nemmeno la trattativa e che se avessi proceduto mi sarei cacciato in una situazione spinosa. Quella casa l'ho poi acquistata, ma solo dopo tre anni, quando gli eredi avevano proceduto alla divisione dell'eredità e uno di essi se la era intestata per intero. Saluti.

×