Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
ziogia

Acquisto box pertinenziale, detrazione 36% e tempistica boni

Salve, sto acquistando un box auto presso una società edilizia che li sta costruendo nuovi. Ho già versato un assegno per bloccare il box, che mi è stato detto mi sarà restituito al momento della firma del compromesso. I lavori sono iniziati e la procedura di pagamento prevede un bonifico preventivo prima del preliminare (compromesso) con causale "acquisto box pertinenziale legge 449/97 Ex art.1". E successivi pagamenti fino al rogito che avverrà l'anno prossimo a data fine lavori.

Leggo che però per poter usufruire delle quote versate o anticipate al rogito, devo provvedere al pagamento del bonifico solo successivamente alla registrazione del compromesso e non prima come mi è stato raccomandato, pena perdita della detrazione per dette somme.

Nello scusarmi per la terminologia poco professionale, vorrei capire come comportarmi per essere sicuro di poter detrarre in toto la somma versata e spettante (costo di costruzione del box con dichiarazione della ditta costruttrice).

Nella speranza che la risposta arrivi prima possibile, vi ringrazio anticipatamente per le delucidazioni.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Confermo, purtroppo, quanto hai letto ed interpretato.

Al momento della corresponsione ed effettuazione del bonifico TU devi risultare già o proprietario o promissionario acquirente,quindi,deve esser già stato registrato il preliminare da cui si evinca la pertinenzialità del cespite.

Potrebbe esser anche contestuale,nello stesso giorno,ma non prima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La società asserisce che non può senza che venga corrisposto il primo acconto con bonifico ( proprio per poter usufruire della detrazione ) effettuare la registrazione del compromesso.

E che i casi considerati nulli dall'agenzia delle entrate si riferiscono a casi in cui il preliminare non è stato fatto o registrato prima del rogito.

Nel mio caso invece il preliminare verrà registrato entro venti giorni e ci saranno tutte le comunicazioni necessarie sia di inizio lavori, sia della determinazione dei costi di costruzione.

In pratica una volta effettuato il bonifico, registrato il preliminare come promissario acquirente ed aver scritto nel preliminare stesso che il pagamento avviene tramite bonifico con i cf mio e della ditta costruttrice e la dicitura per la detrazione, che il box viene annesso all'appartamento x, e che in seguito ci saranno sempre tramite bonifico gli altri pagamenti fino a saldo a rogito, non ho alcun problema a detrarre anche la somma versata precendentemente alla registrazione del preliminare.

Non ci sto capendo più nulla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

forse l'unica potrebbe essere quella di dare al venditore un assegno bancario a titolo di cauzione e uno dell'importo necessario alla registrazione del preliminare

quando l'atto è poi registrato fai il bonfico con tutti i dati (vedi in fondo) e ti fai restituire l'assegno...

io, più o meno, sto facendo così...

in bocca al lupo

M

 

causale del versamento: Acconto per acquisto box (censito al Catasto Fabbricati di ......., sezione ...., foglio ...., Mappale...., subalterno ..., classe ..., ZC ...., cat C/6, Via ..... citta............) soggetto a interventi edilizi e quindi rientrante nelle agevolazioni previste dall'Articolo 1, comma 3, decreto del Ministro delle Finanze e dei Lavori Pubblici 18 febbraio 1998, n. 41; in base al preliminare debitamente registrato in data ............ presso ......

codice fiscale del beneficiario dell'agevolazione: nome cognome, cod. fisc

partita IVA o il codice fiscale dell'impresa beneficiaria del bonifico: società nome e ragione sociale, cod.fisc o part.iva

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non è andata proprio cosi.

Ho fatto il bonifico online poco prima di firmare il compromesso.

La somma relativa al bonifico iniziale è senza iva.

Dovrò effettare altri due bonifici rispettivamente : Il secondo comprensivo di iva al 4% dopo comunicazione da parte della società costruttrice della cementificazione. Il terzo a saldo comprensivo di iva anche del primo bonifico (fatto al compromesso) quando avverrà il rogito.

 

Io penso che finchè la società costruttrice non può fare un calcolo delle spese, non potrò usufruire di alcuna detrazione, ecco perchè non ha alcun valore la data del primo bonifico senza iva. Indifferente a questo punto se fatto prima o dopo la registrazione del compromesso.

E' vero che non potrò considerare la somma versata prima della registrazione del compromesso, ma è vero anche che la somma cumulativa degli altri due che sono comprensivi di iva (fatti dopo la registrazione del compromesso quindi validi) è sicuramente uguale se non superiore alla spesa effettuata dalla società costruttrice per la realizzazione dell'opera che è infatti l'effettiva somma che posso detrarre, che dovrebbe corrispondere a circa il 70% della somma totale spesa per l'acquisto del bene.

 

Spero di essermi spiegato e di aver bene inteso.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

"Ho fatto il bonifico online poco prima di firmare il compromesso"

 

credo che se il giorno sia lo stesso allora vada bene....

 

diversamente, per quello che ho imparato da tutta questa faccenda, penso che come tu abbia operato NON vada bene...

 

infatti, l'intera somma deve essere corrisposta per bonifico con le modalità minime in riferimento ai dati da dichiarare...

 

è come una corsa ad ostacoli

al primo abbattuto sei eliminato dal beneficio…

 

Ricorda ancora che la detrazione Irpef del 36% è subordinata alla condizione che il costo della manodopera sia evidenziato nella fattura che ti darà la ditta…

Good luck…

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Mi riferisco al "potrebbe ....." di Patrizia:

io a gennaio farò l'acquisto del box, senza aver fatto alcun compromesso, vista la reciproca conoscenza con l'impresa.

Andrò al mattino in banca, farò il bonifico come previsto e più tardi, davanti al notaio, consegnerò la ricevuta del bonifico, con tanto di CRO, alla venditrice.

Il fatto che il bonifico sia fatto prima della stipula e quindi della materiale firma del contratto di acquisto, ma nella stessa mattinata non potrà mica mettere in dubbio il diritto ai benefici irpef?. Occorrerà per maggior tranquillità qualche altra cautela e , se si, quale?.

Ringrazio.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

fatto lo stesso giorno non dovrebbero esserci problemi...

 

per maggior cautela, visto che poi l'atto dovrà andare lisco non avendo più nulla in mano per contrattare (come capita quando si acquista una casa con assegni circolari) suggerisco di fissare un appuntamento con il notaio il giorno prima in modo da essere ben sicuri che il giorno delle firme si trasformi in una mera formalità...

se qualcuno a qualche idea migliore...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da ziogia il 16 Dic 2010 - 13:41:24: Io penso che finchè la società costruttrice non può fare un calcolo delle spese, non potrò usufruire di alcuna detrazione, ecco perchè non ha alcun valore la data del primo bonifico senza iva. Indifferente a questo punto se fatto prima o dopo la registrazione del compromesso.

Sbagliato.

Se tu ,con compromesso registrato, anticipi un valore nel 2010 lo detrarrai nel 2011 con la relativa dichiarazione dell'anno d'imposta 2010,poi,quando rogiterai ed avrai la "dichiarazione" del valore finale rilasciata dal costruttore,farai la differenza tra l'anticipato ed il definitivo e se vi sarà una differenza la detrarrai in quell'anno(l'ho scoperto anch'io di recente.)

Scritto da lube il 16 Dic 2010 - 16:38:33: Il fatto che il bonifico sia fatto prima della stipula e quindi della materiale firma del contratto di acquisto, ma nella stessa mattinata non potrà mica mettere in dubbio il diritto ai benefici irpef?.

Questo non inibisce la detraibilità,lo stesso giorno è accettabile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Scusami patrizia, ma non devo dividere la somma totale per 10 e detrarla di anno in annno?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da ziogia il 17 Dic 2010 - 10:24:31: Scusami patrizia, ma non devo dividere la somma totale per 10 e detrarla di anno in annno?

No,la detrazione segue il principio di cassa.

Quindi,se anticipi 100 nel 2010 e nel 2011 a fine lavori il valore dichiarato(non fatturato)sarà 120,tutto corrisposto via bonifico,nelle due annate avrai due situazioni distinte.

 

Avrai:

anno d'imposta 2010 spesa detraibile su cui poi recuperare il 36%

100 (recuperabile in 10 annualità a partire dal 2011)

anno d'imposta 2011 spesa detraibile su cui poi recuperare il 36%

20 (recuperabile in 10 annualità a partire dal 2012)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

mi sa che mi sono sbagliato anche io...

 

il preliminare l'ho fatto registrare, ma mi sono accorto dopo aver fatto il bonifico (in data successiva), che l'impresa non ha messo nell'atto che si tratta di un box pertinenziale...

ho guardato e sono stato attento a tante cose e poi vado a sbagliare sulla cosa più banale...

 

visto che sono ancora al preliminare si può ancora aggiustare?

grazie x i suggerimenti...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

quindi in pratica mi posso salvare pagando il giorno dell'atto (ed in quel documento verrà riportata la pertinenzialità fiscale) essendo un box x il quale non è l'intera cifra che poi andrà a detrazione ma solo quella parte , infatti in base a quanto letteralmente scritto: "...all’acquisto

degli stessi limitatamente al costo di costruzione..."

quindi dovendo ancora pagare circa il 70% del valore del bene, ma essendo solo circa il 30% poi recuperabile con il 36x cento, forse sono a posto?

ho capito bene?

grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da locontim il 17 Gen 2011 - 10:21:42: quindi in pratica mi posso salvare pagando il giorno dell'atto (ed in quel documento verrà riportata la pertinenzialità fiscale) essendo un box x il quale non è l'intera cifra che poi andrà a detrazione ma solo quella parte , infatti in base a quanto letteralmente scritto: "...all’acquisto

degli stessi limitatamente al costo di costruzione..."

quindi dovendo ancora pagare circa il 70% del valore del bene, ma essendo solo circa il 30% poi recuperabile con il 36x cento, forse sono a post [...]

Forse sei a posto.

la Risoluzione 7/e spiega,invece,che in caso di acconti corrisposti in sede di preliminare essi risultano valevoli anche se bonificati nello stesso giorno ma in orario anteriore alla stipula del preliminare stesso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ma nel testo c'è

"Al riguardo si premette che l’agevolazione si applica, altresì, agli interventi relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, nonché all’acquisto degli stessi limitatamente al costo di costruzione."

 

oppure non avendo ancora fatto il rogito posso salvarmi in qualche modo?

il guaio è che c'è l'acconto del 10% che si prende lo stato e quindi l'operazione di storno mi pare difficile...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da locontim il 17 Gen 2011 - 10:35:25:

 

1)oppure non avendo ancora fatto il rogito posso salvarmi in qualche modo?

2)il guaio è che c'è l'acconto del 10% che si prende lo stato e quindi l'operazione di storno mi pare difficile...

1)Diciamo che mi sorge un dubbio di cui non trovo risposta.

Come è data la possibilità di recuperare fiscalmente gli acconti,se accompagnati da un preliminare registrato e bonificati,mi chiedo se altrettanto si possa poi non decurtarli dal valore di realizzazione se non si sono dichiarati nell'anno di corresponsione.

Potresti salvarti,a mio giudizio,se considererai il valore costruzione diminuito di quel 10%.

 

Esempio:

-30% corrisposto nel 2010 ma non bonificato,quindi non valevole ai fini fiscali dell'agevolazione.

-il valore di realizzazione dovrà comunque tener conto di quel 30% da decurtare oppure no?

E' un obbligo o una facoltà?

 

2)Concordo sulla difficoltà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

"30% corrisposto nel 2010 ma non bonificato"

 

in realtà il bonifico c'è stato, il guaio è che il costruttore non ha evidenziato la pertinenzialità nel prelimiare registrato... io sono stato attento a tante cose e poi ho sbagliato sulla cosa più banale...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da locontim il 17 Gen 2011 - 10:59:45: "30% corrisposto nel 2010 ma non bonificato"

 

in realtà il bonifico c'è stato, il guaio è che il costruttore non ha evidenziato la pertinenzialità nel prelimiare registrato... io sono stato attento a tante cose e poi ho sbagliato sulla cosa più banale...

Appunto non so dirti se mancando il requisito di pertinenzialità nel preliminare,requisito obbligatorio,tu perda la sola possibilità di recupero fiscale sul 2010 di quel 30% o tu ne debba tener conto in sede di definizione,togliendolo, comunque, dal valore di realizzazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da Patrizia Ferrari il 17 Dic 2010 - 10:29:42:

 

No,la detrazione segue il principio di cassa.

Quindi,se anticipi 100 nel 2010 e nel 2011 a fine lavori il valore dichiarato(non fatturato)sarà 120,tutto corrisposto via bonifico,nelle due annate avrai due situazioni distinte.

 

Avrai:

anno d'imposta 2010 spesa detraibile su cui poi recuperare il 36%

100 (recuperabile in 10 annualità a partire dal 2011)

anno d'imposta 2011 spesa detraibile su cui poi recuperare il 36%

20 (recuperabile in 10 annualità a partire dal 2012)

Vorrei ripartire da qui per poter capire quando e quali documenti devo mandare con A/R a Pescara.

Nel frattempo ho avuto indietro il preliminare registrato e le due fatture riferite alle spese ivate d'agenzia e a quelle per la registrazione del preliminare (che naturalemente non posso detrarre).

Da quanto ho letto, dovrei possedere anche la dichiarazione di inizio lavori e il documento attestante le spese effettivamente sostenute per la costruzione del box.

La domanda sorge spontanea : se voglio poter detrarre i 7000 euro (senza iva) versati con bonifico specifico nel 2010 nella prossima dichiarazione dei redditi (36% di 7000 / 10) devo necessariamente inviare la documentazione al centro operativo di Pescara entro e non oltre il 31/3/2011.

Ma come faccio visto che la documentazione sarà per forza di cose incompleta? I lavori sono in corso, come fa la società costruttrice a farmi un documento in cui attesti le spese effettivamente sostenute per la costruzione del box?

Non sarà meglio aspettare l'anno prossimo per fare tutto?

In pratica, io dovrò nel 2011 fare due bonifici, uno da 7000+iva e uno da 21000+iva al rogito, più la sola iva riferita al primo bonifico di 7000 euro effettuato nel 2010. Tutti pagamenti che effettuerò nel 2011 e che potrò portare in detrazione nella dichiarazione dei redditi del 2012 (redditi 2011) previo invio a Pescara con raccomandata A/R entro 31/03/2012 di tutta la documentazione che finalmente avrò completa anceh delle spese sostenute dalla società costruttrice.

A quel punto potrò portare in detrazione 7000+iva + 21000+iva + la sola iva dell'anno precedente) fare la differenza con le spese totali sostenute per la costruzione del box, trovare il totale detraibile, dividerlo per 10 rate e cominciare la detrazione.

Ricordo che il totale costo del box è 35000+iva(4%)+ spese agenzia e registrazione preliminare(tot.1440+500) che non dovrò certamente considerare.

Ricapitolando, nel 2011 pagherò in totale (7000+280)+(21000+840)+(280)= 29400,00 euro con due bonifici con causale "acquisto box pertinenziale legge 449/97 Ex art.1" + codice fiscale mio e partita iva società costruttrice.

Considerando che la spesa totale è 35000+1400 escludendo le spese di agenzia e registrazione preliminare, ma com'è possibile che la società potrà dichiarare che per la costruzione del box avrà speso una somma superiore a ciò che ho pagato nel 2011? Cioè 29400,00 euro?

A che serve considerare anche i primi 7000 euro versati nel 2010? Secondo me niente, anzi farei doppio lavoro e carte senza nessun beneficio effettivo. Scusate sembra contorto, sicuramente sbaglio, non sono competente e cerco solo di capire e comportarmi correttamente. Grazie per la vostra gentilezza e competenza messa a disposizione di tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Hai perfettamente ragione.

Molto difficile che il valore di costruzione possa superare i 29.400€ che andrai a bonificare entro il 31/12/2011.

Quindi,a mio giudizio,i 7000€ bonificati nel 2010 puoi non considerarli,diciamo solo che rinunci ad anticipare di un anno una parte della detrazione.

In ogni cao,se tu avessi voluto,usufruire dell'anticipo ed inserire tali 7000€ nella prossima dichiarazione dei redditi,NON avresti dovuto:

-nè inviare alcunchè al Centro operativo di Pescara,troppo presto,mancanza dei documenti e non richiesto dalla normativa;

-nè avere alcun documento relativo al valore costruzione,sarebbe bastato,per il consulente,fattura,bonifico e preliminare registrato.

Inoltre,la normativa NON richiede tra i documenti finali da inviare al COP, quello di inizio lavori,ossia la concessione edilizia,al contrario,dovrà esser inviata una Comunicazione postuma con allegato:

-copia atto con indicazione del requisito di pertinenzialità

-due righe di spiegazione cui la comunicazione si riferisce.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×