Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
fradel

Acconto cedolare secca canone libero+concordato

Buon giorno, io ho avuto per 3 mesi fino a marzo un contratto di affitto con cedolare secca a canone libero, poi l'inquilino ha risolto il contratto e ad aprile ho riaffittato casa con cedolare secca a canone concordato. Dovendo pagare l'acconto 2016 come devo regolarmi con la compilazione del F24, sommare gli importi dei 2 acconti in un unico rigo col codice tributo 1840 oppure scrivere due righe con gli importi separati dei due acconti seppur col medesimo codice tributo? Grazie in anticipo a chi gentilmente saprà dissiparmi questo dubbio.

Francesco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

hanno due tassazioni diverse, quindi righe diverse.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
ciao

 

hanno due tassazioni diverse, quindi righe diverse.

Grazie, molto gentile

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Buonasera, ho lo stesso problema di fradel, ma relativamente al saldo IMU - TASI per l'anno 2017. Ho un appartamento affittato con contratto di cedolare secca a canone libero (4+4) che è stato risolto il 31/10 di quest'anno. Dal 1 novembre ho affittato con contratto a cedolare secca e canone concordato. Premesso che a giugno ho pagato l'acconto previsto per contratto a canone libero, come pago il saldo in scadenza il 18 dicembre p.v.? Pago due rate, al 100% per 4 mesi ed al 75% per i restanti 2 mesi di novembre e dicembre? Oppure pago il saldo che sarebbe stato dovuto per contratto libero e l'anno prossimo avrò un conguaglio di imposta? Grazie in anticipo a chi gentilmente saprà darmi delucidazioni. Bit1962

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
ciao

 

hanno due tassazioni diverse, quindi righe diverse.

Il codice è uno solo (1840 primo acconto a giugno, 1841 secondo o unico acconto a novembre) quindi un solo rigo sull'F24 con il totale del'importo dovuto sia per la cedolare al 21 che quella al 10. Peraltro gli acconti sono dovuti in base all'importo della cedolare dell'anno precedente quindi dovresti prendere quello come riferimento (vedere cosa dice il tuo 730 o Redditi presentato nel 2017.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Scusa non so se ho capito bene la tua risposta, ma il mio quesito si riferiva al saldo dell'IMU e della TASI in scadenza il prossimo 18 dicembre. Che faccio, pago il saldo IMU e TASI al 100% che sarebbe dovuto in caso di contratto libero per tutto il semestre (luglio - dicembre) oppure pago sino al 31 0ttobre l'IMU e TASI al 100% e novembre e dicembre IMU e TASI al 75% (canone concordato)? Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Come puoi notare dal riferimento io ho risposto al quesito sulla cedolare secca.

Per quanto riguarda IMU e TASI devi fare il calcolo per 10 mesi al 100% e per due mesi al 75%, anche qui nell'F24 indicherai cumulativamente l'importo dovuto. Qualsiasi programma di calcolo IMU è in grado di gestire correttamente la doppia situazione. L'IMU e la TASI si chiudono nell'anno in corso quindi se paghi di più quest'anno non c'e' compensazione automatica ma per riavere quanto versato in più dovrai fare una specifica richiesta al comune.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Salve. un'informazione. Sto per firmare un contratto di locazione cedolare secca come conduttrice. Informandomi presso l'agenzia delle entrate mi hanno detto che non si paga niente. Il locatore invece vuole una quota per pagare la parcella del commercialista che provvederà alla registrazione di questo contratto. Può chiedermi questa quota o siccome è un professionista di cui si è avvalso lui deve pagarlo lui? Fermo restando che nè sul contratto nè verbalmente si è optato per avvalersi di un professionista per la registrazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie per il chiarimento sei stato molto chiaro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Salve. un'informazione. Sto per firmare un contratto di locazione cedolare secca come conduttrice. Informandomi presso l'agenzia delle entrate mi hanno detto che non si paga niente. Il locatore invece vuole una quota per pagare la parcella del commercialista che provvederà alla registrazione di questo contratto. Può chiedermi questa quota o siccome è un professionista di cui si è avvalso lui deve pagarlo lui? Fermo restando che nè sul contratto nè verbalmente si è optato per avvalersi di un professionista per la registrazione.

Le spese di cui parla l'Agenzia delle Entrate sono solo quelle relative alla registrazione (bolli e imposta di registro) e si conferma che se c'è l'opzione per la cedolare secca queste spese sono zero. Diverso è il discorso per quanto riguarda le eventuali competenze per chi sta gestendo il contratto: queste sono spese concordate tra il locatore e il futuro conduttore e sono a libera contrattazione tra le parti, controllaquanto c'è scritto su un eventuale accordo di locazione che potresti aver firmato (vedi agenzia immobiliare o altro).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Buongiorno, ho un altro dubbio in merito alla presentazione della Dichiarazione IMU al comune da fare entro il 30 giugno 2018 in caso di riduzione delle imposte IMU e TASI intervenute nell'anno 2017. Ho letto su un sito che la dichiarazione IMU non va presentata se, la registrazione del contratto di locazione e affitto, è avvenuta dopo il 1° gennaio 2010, poiché è da tale data, che è partito l’obbligo di comunicare i dati catastali sugli immobili in sede di registrazione. Nel mio caso (ho registrato il contratto il 7/11/2017), la devo presentare? Grazie!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×