Vai al contenuto
akko69

Accesso su cortile privato: servitù di passaggio?

Buongiorno a tutti.

è il mio primo messaggio su questo forum per cercare di risolvere una questione con un vicino...

abito in un alloggio al pian terreno sito in un piccolo condominio di sole 5 unità. il cortile non è parte comune ma è di proprietà del primo piano.

il mio alloggio ha (da sempre) una porta finestra che accede al cortile.

questo fatto, di per sé, costituisce una servitù di passaggio?

 

ho controllato l'atto di acquisto fatto da mio padre (1958) ma mi sembra che citi una dizione generica relativamente alle servitù attive e passive senza effettivamente specificarle.

 

risalendo invece all'atto originario della casa, ho trovato chiara indicazione dell'esistenza della servitù di passaggio sul cortile a favore degli altri proprietari.

alla data dell'atto (1925!) il proprietario del cortile era anche proprietario del pian terreno.

non ho idea se nell'atto di acquisto "intermedio" che mi manca, tale diritto sia stato esplicitato.

 

se non riportato, è perso oppure ci si può rivalere all'atto di costruzione?

 

inoltre, data l'epoca dell'atto originario, si fa riferimento ad una servitù di passaggio per carico e scarico; se fosse ancora valido tale diritto è quindi da interpretare come una servitù carrabile?

 

grazie

La situazione che descrivi è una rogna non da poco.

Sotto il profilo trascrizioni ti spetterebbe una servitù pedonale per il solo carico/scarico ...; sotto l'aspetto fattuale, dato che dichiari una porta finestra che adduce su proprietà altrui, direi che esiste una servitù di passaggio pedonale.

Renderla carraia??? La vedrei molto dura e tu non chiarisci infatti dove sarebbe in sosta eventuale autoveicolo; sosti sulla proprietà altrui senza titolo???

provo a precisare meglio...

a me principalmente interessa capire se ho diritto alla servitù di passaggio.

il fatto che la mia abitazione abbia dall'origine una porta-finestra che da sul cortile privato mi fa supporre che tale servitù esista.

il cortile ha un cancello con passo carraio ed una porta di accesso (senza alcuna serratura) dall'atrio comune.

il cortile inoltre è composto da un'area principale, un garage/magazzino (sempre di proprietà dello stesso) e una piccola zona di circa 3 metri x 3 prospiciente alla mia porta-finestra.

già i miei nonni utilizzavano liberamente questo piccolo cortiletto per parcheggiare la bici e tenere vasi.

ora chi è diventato il nuovo proprietario del primo piano e cortile mi ha invitato a togliere bici e vasi, dicendo che ho occupato una sua proprietà e che se volesse potrebbe parcheggiare la sua auto proprio nel "mio" cortiletto.

non sapevo che la servitù di passaggio può essere pedonale o carrabile e onestamente nell'atto originale della casa non si specifica quale tipologia di servitù abbiano gli altri condomini, forse anche per l'epoca dell'atto.

dato che si parla di "carico e scarico materiale" vorrei che si intendesse carrabile!

 

se avessi la sicurezza di avere a pieno titolo una servitù di passaggio carrabile pensavo di proporre una compensazione al proprietario, nel senso che io rinuncio a tale diritto e lui mi lascia tenere vasi e bici.

altrimenti, potrei impedirgli di fatto di parcheggiare l'auto in cortile dato che impedirebbe a me di esercitare il mio diritto.

grazie.

Se sotto l'aspetto istitutivo la servitù è tranquilla, non è abbastanza sereno l'uso contrattuale della stessa.

In effetti negli anni '20 c'erano poche macchine ...

Nel tuo caso, dato che parliamo di servitù ultraventennali, è maggiormente rilevante la modalità d'uso praticata rispetto alla trascrizione originale: se la hai usata carraia da oltre un anno, resta tale; se l'hai usata solo pedonalmente (o con la bicicletta) nell'ultimo anno, resta tale.

Circa il togliete "tout-court" le tue fioriere, aspetta un attimo perchè mi pare di capire che sono posizionate sul posto da oltre un anno (il che cambia molto l'impostazione ed il costo della lite da parte del proprietario).

Idem per la tua bicicletta perchè, in ogni caso, l'azione del legittimo proprietario resta tardiva e può andare solo in petitoria.

Il problema "grosso" è che tu non hai un passo carraio sulla tua proprietà, il che complica la prova dell'uso carraio della servitù; ora come ora, da quanto scrivi, sembra che tu la possa usare carraia solo per il carico scarico. Ciò può anche significare che se vuoi portare la spazzatura da casa tua sino ai cassonetti con la tua autovettura, questo a termini trascritti lo puoi fare ed il proprietario non lo potrebbe impedire.

Purtroppo con le servitù "datate" e/o poco specificate, sorgono sempre problemi interpretativi; il primo atto trascritto prevede il carico-scarico, ma non specifica cosa. Di fatto qualsiasi cosa la potresti caricare e scaricare usando la servitù...

Cerca di valorizzare questo aspetto se ritieni di andare in trattativa.

Ciao a tutti,

anch'io ho un problema molto simile.

Ho acquistato un appartamento sito all'interno di un casolare, con un giardino di mia proprietà.

Cito testualmente cosa sia riportato sul decreto di trasferimento fatto dal giudice (casa acquistata all'Asta):"...bensì solo attraversando la corte esclusiva connessa alla particella catastalmente identificata con....... che peraltro risulta gravata di servitù di passo in suo favore."

La domanda è questa: posso usare la servitù di passo per accedere con la mia macchina al mio giardino e lasciare all'interno la macchina, così da potere utilizzare il giardino come parcheggio dell'auto?

 

Buondi’

Abito in un condominio di tre unità

Due alloggi rispettivamente 1 e 2 piano e ristorante al pian terreno.

L’ingresso principale delle abitazioni, tanto per intenderci dov’e’ posizionato il numero civico è di proprieta’ escusiva del ristorante.

Noi abbiamo il diritto di passaggio.

Il ristorante lo utilizza per mettere i tavoli per i clienti e quindi lascia poco spazio per poter passare e utilizzare l’ingresso.

Infatti noi da tempo per evitare discussioni utilizziamo un ingresso secondario per non scontrarci con i clienti e per evitare problematiche.

Quali diritti ha il proprietario del ristorante in merito: dovrebbe sgomberare i tavoli o solamente rendere il passaggio piu’ agevole?

Grazie

marcello

×