Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
garant44

Accesso alla documentazione condominiale con l'Ordinanza del Giudice. Come fare? Mi suggerite le Modalità!

Cari amici del Forum, Buone feste a tutti!

Anche in questi gironi festivi vedo che siete tutti presenti in Forum e continuiamo a discutere delle vicissitudini della vita condominiale!

Io finalmente ho ottenuto l' accoglienza del mio Ricorso ex art 702 cpc, ovvero con un procedimento sommario di cognizione, (un percorso snello e veloce, ) e con l' Ordinanza del Giudice posso finalmente adempiere al miei diritti di visionare la documentazione e ottenere le copie!! In precedenti discussioni ho già parlato ampiamente della problematica che era già radicata nel tempo e le stesse domande che avevo fatto precedentemente ai magistrati che avevano tutti. ( ex art 700 cpc e Reclamo collegio e la Revoca giudiziaria dell'amministratore e Reclamo alla Corte d'Appello). $ cause perse e condanna alle spese oltre 12 mila euro!!

Considerando che sono passati ben 5 anni da quando tento l'accesso con numerose RR Fax Telegrammi e Diffide senza aver mai ottenuto nulla, è palese che l'ostruzionismo dell'amministratore ha avuto un preciso disegno di occultare la documentazione, che per ovvi motivi non vuole rendere trasparente e ha negato accesso per impedire che posso risalire agli illeciti e promuovere la Revoca giudiziari e altri azioni opportuni. E che secondo magistrati non ho sufficientemente documentato tale diniego.

Ecco la strategia che ha adottato l'amministratore questa volta per svincolarsi anche in questa occasione all' Ordinanza che gli ordina di esporre tutta la documentazione in suo possesso dal 2002 ad oggi;I

Il procedimento è pubblicato 16 nov.c.a. e quindi lui è informato anche dall' suo avvocato dell'Ordinanza.

 

Mi reco all'appuntamento che avevo prefissato all'amministratrice con una REC di preavviso (che lui non non aveva letto). Infatti essendo stato colto di sorpresa dichiara subito che non ha nulla o quasi niente della documentazione del precedente amministratore. Dichiara inoltre che che la documentazione della sua amministrazione non è attualmente in ufficio. A questo punto gli chiedo fissare un secondo appuntamento e suggerisco di la documentazione della precedente amministrazione, anche perché non poteva mancare il verbale della consegna della documentazione, che deve avere per forza di cose e di conseguenza la documentazione delle precedenti amministrazioni.

Gli fisso un appuntamento entro 7 gg successivi. In secondo appuntamento lui espone il verbale di passaggio delle consegne, controfirmato contestualmente da lui e dal amministratore uscente,ma dall'elenco cancella a mano una voce : "documenti giustificativi " per esercizio del 2007 - 2008 , dichiarando che in realtà non li aveva mai avuti, pur avendo firmato il verbale perché non li aveva controllati.

Inoltre dichiara, che non è in possesso di alcuna documentazione tecnica dello stabile di alcun genere, pur essendo stati deliberati e effettuati alcuni interventi ( capitolato dei lavori, ristrutturazione dello stabile e fascicolo di fabbricato, accertamenti catastali e tanti altri di cui lui non sa niente, che risalgono ai amministrazioni precedenti, e che nei verbali dei passaggi delle consegne precedenti non sono specificati. Eppure li abbiamo pagati a caro prezzo! Ma elenco dei documenti mancati è lungo, è inutile qui specificare in dettaglio..

Quindi gli chiedo di darmi delucidazioni scritte per mancati documenti e l' elenco di tutto ciò che mi intende realmente consegnare. Inoltre gli faccio una PEC dove specificando che la sua dichiarazione di non aver ricevuto quello che di fatto ha sottoscritto in verbale delle consegne, e di aver cancellare a mano dopo 5 anni la voce dall'elenco di passaggio delle consegne dei documenti che a suo dire non gli erano mai stati consegnati ai fini legali non vale. Gli scrivo che sarebbe stato suo dovere e obbligo professionale di controllare quello che gli veniva consegnato. E che in caso di accertate mancanze lui doveva prontamente contestare all'amministratore uscente tale sviste, o quantomeno pretendere dal lui le delucidazioni e informare tempestivamente l'assemblea, e agire ai principi di , anche nell'interesse suo che tale norma gli pone per eventuale responsabilità, anche penali.

La documentazione chein secondo appuntamento che lui ha preparato era di una circa mille o più fogli - era un malloppo enorme che era impossibile esaminare all'istante, visto tempo molto limitato che mi aveva predisposto, quindi gli avevo chiesto intanto di fotocopiare quello che aveva per ns. prossimo appuntamento.

Alla fine abbiamo accordato che mi preparare le fotocopie di tutto quello, elencando tutti documenti in suo possesso, che mi consegnerebbe al prossimo incontro, e che potevamo insieme controllare e confrontare con gli originali dei documenti fotocopiati, anche i pezzi di appoggio e i registri della contabilità e della trascrizione dei verbali e se tutto coincide con effettivi riscontri in movimenti in conto corrente, magari discutiamo di eventuali mancanze, se dovevano eventualmente risultare.

Gli fisso la data di nuovo appuntamento di consegna della documentazione e di verifica di ciò che mi avrebbe consegnato in conformità della procedura come avevo richiesto .

Mi chiama il giorno prefissato per l'appuntamento (che era venerdì) e mi comunica che non ha fatto in tempo di preparare tutto, ma che nell' indomani mi avrebbe consegna tutto tramite suo portiere che abita nello stabile.

Gli avevo richiamato contestando questo modo di consegna non accordato, e che avrebbe voluto avere la documentazione dalle sue mani, ma lui ha detto che non era in grado di fissarmi altro appuntamento perché non aveva agenda in mano, ( scuse ovviamente) . Ha persino chiamato mio avvocato insistendo di andare e prendere lo stesso la documentazione, in portineria. evo preteso vedere l'elenco che doveva almeno accompagnare la consegna, che averi voluto controllare e firmare, per evitare eventuali contraddizioni. Sono andata e dal portiere che ha detto che non vi era alcun elenco e ha rifiutato aprire il plico per controllare, quindi io non l'avevo ritirato. L'avvocato dopo aver sentito amministratore ha detto che andava lui a prendere documenti e che si poteva contestare lo stesso dopo, se qualcosa mancava. Infatti mancano molti documenti anche alcuni verbali di assemblee, ( dove io non ero presente e che non mi avevano mai trasmesso, ) e tanto altri documenti.

 

Ho chiamato amministratore e gli ho detto della circostanza e ho chiesto di incontrarci nuovamente e procedere alla consegna della documentazione mancante della quale gli avrei fatto un elenco. Ma lui ha detto : "Ho consegnato tutto che avevo, tanto non ho alto da darle , e non posso fissare altro appuntamento perché non ho agenda."

 

faccio una premessa: L'amministratore ha un abile avvocato che ha riuscito a farmi perdere quattro cause atte ad ottenere la documentazione contabile e che oggi finalmente avrei potuto pretendere con l'Ordinanza del Giudice. Alla pubblicazione della sentenza mi ha detto a parole : "Tanto non te lo diamo lo stesso".

Amministratore non fa un passo senza che consulta suo legale , ovviamente questa modalità di consegna è stata la strategia suggerita dal suo avvocato, a scopo di raggirarmi ancora una volta e per poter occultare la documentazione che non si vuole consegnare.

 

Ora gli ho scritto di farmi avere l'elenco di ciò che ha consegnato, perché io non avendo l'elenco dei documenti consegnati , non posso contestare la mancanza di alcuni tali. Ora lui ma non mi risponde. Presumo che con questa manipolazione si metterà in posizione di e non farà alcuna altra delucidazione. Credo che con questa scusa non mi consentirà ulteriore accesso al suo ufficio come aveva fatto in ultimi 5 anni. Potrei denunciarlo penalmente? Di fatto lui non ha adempito all'Ordinanza del Giudice correttamente, ha fatto un accesso parziale solo a a scopo di mistificare una apparente adesione all'Ordinanza e ha esposto solo quello che gli conveniva e occultando altro con modalità ingannevoli. So che ci sono delle norme del codice penale che lo possono incolpare, quali sono?

In ogni caso come dovrei comportarmi in questa situazione? Non vorrei fare un altra causa civile, che potrei anche perdere per mancati documenti di prova scritti di non aver ricevuto tutto che volevo.

 

Grazie per vostri suggerimenti e indicazioni che aspetto che mi potete dare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

hai l'avvocato che ti consiglia. Personalmente io a questo punto ritornerei dal Giudice e dimostrerei la impossibilità di avere tale documentazione direttamente, in modo che sia lo stesso guiudice che ne chiede il deposito, ivi compresa la documentazione dell'amministrazione precedente ed il bilancio 2007/2008, visto l'obbligo della conservazione decennale, o la dichiarazuione formale che non ha riturato tale documentazione ( dichiaramdo quindi di non aver assolto al suo mandato. A quel punto, forse si riuscirà ad avere quello che hai diritto di pretendere. Non capisco però come tu abbia perso 4 cause e pagate, solo per avere la copia della documentazione, senza appellarti. ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Erg. Sig. Camillo

Il mio avvocato come erano anche gli altri 4 legali che ho cambiato, (sono stati loro a rimettere i mandati dopo aver perso le cause) , è di parere che devo fare conciliazione con il Condominio e quindi non devo insistere a ottenere la documentazione contabile altrimenti l’amministratore si renderà indisponibile. Io sono di parere diverso anche perché la cosiddetta conciliazione è stata più volte proposta e l’assemblea ha deliberato due volte tra 2013 e 2015 di proseguire con la transazione e abbandonare le cause e io anche ho accettato le condizioni, ma l’amministratore non ha eseguite le delibere e non ha consentito di stipulare contratto di transazione ignorando numerosi solleciti da parte dei miei legali, e anche di quello attuale.

Quindi io sono di parere che solo ottenendo la documentazione tanto temuta, posso avere un vantaggio nettamente superiore relativamente alla mi attuale condizione vincolata , quindi potrei proporre e ottenere la eventuale conciliazione perché mettendo l’amministratore in difficoltà, e solo in tal modo sarebbe costretto a trattare.

Per questo motivo il rapporto con attuale legale non è del tutto trasparente sulla sua strategia che a tutt’oggi non mi è chiara, lui vorrebbe fare la conciliazione ma l’amministratore non ha accettato la sua proposta e siamo alla situazione di stallo. Avvocato mi mi suggerisce di aspettare un'altra assemblea e continuare di proporre la conciliazione in riunione direttamente ai condomini, io invece vorrei proporre la conciliazione ai risultati ottenuti, diversamente farei una bella revisione contabile di tutte le annate dei bilanci approvate, cui risultati sicuramente riveleranno delle sorprese poco graditi ansi, si accerterebbero gravi illegalità e forse anche illeciti dolosi.Come dovrei procedere in situazione che attualmente si è verificata, per legge?

Quando Lei dice che dovrei di nuovo interpellare il giudice, intende che devo fare un altro ricorso? Che tipo di ricorso? So che in caso di inadempimento all’ordinanza del giudice di consegnare la documentazione ( ma solo in caso di mancato passaggio di consegne ) ne consegue la responsabilità penale.

In questo mio caso che dovrei esattamente fare? Chiedere un altro appuntamento? Fargli un elenco io, dei documenti mancanti? O aspettare che lui mi fa l’ elenco dei documenti consegnati, che ha nuk in un unico mucchio senza rubricare nulla? E se mi rifiuta di fissare come devo procedere? Mancano registri di contabilità contrati con le ditte di pulizie, estratti un appuntamento dichiarando che mi aveva dato tutto che aveva ( lo ha già detto al telefono : “ Ho dato tutto, non ho altro”). Devo chiamare i Carabinieri per stendere un verbale e fare esposto, una denuncia o cosa?? Che fare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Si infatti, sono stati approvati dei bilanci truccati appositamente che occultavano alla assemblea le morosità di alcuni condomini, persone "privilegiati", perché sono noti politici italiani attualmente in carica del Governo, quindi intoccabili, e come noto questa categoria di persone non è neanche procedibile perché è vincolata dalla immunità parlamentare, e gli amministratori, facendosi loro lecchini si sottomettevano alle loro volontà, e a qualsiasi condizione. Ci sono alcuni che non hanno mai pagato. Ma bisogna risalire alla documentazione contabile, perché in bilanci è tutto perfetto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

l'aggiunta ogni volta di elementi nuovi obbliga a riprendere il tutto, in base alle nuove varianti introdotte.

Che ben 5 legali, con in mano la tua documentazione, abbiano proposta la conciliazione e siate ancora in alto mare, per me è incomprensibile, salvo motivazioni.

Che dall'altra parte ci siano politici, non cambia nulla.

Se hai approvato i bilanci "truccati" come dici, hai sbagliato e se non li hai approvati e non hai proposto opposizione nei termini, hai sbagliato.

 

Alla convocazione le pezze giustificative devono essere fisicamente presenti ed esaminabili. Con la macchina fotografica puoi farti la copia di ciò che ti interessa e quindi, risolvi il problema.

 

Se non sono presenti, fai mettere a verbale la loro assenza, e nei termini impugni la delibera annullabile, senza nessuna discussione e così sino a quando in assemblea non saranno presenti o non ti sarà fornita copia.

 

Io fossi in te però, andrei dal mio legale e gli chiederei di spiegarmi quali sono i motivi per cui non si rivolge al giudice per avere le copia. Dovresti leggere tutti i mandati che hai sottoscritto a 4 precedenti e all'attuale 5 tuo legale, per capire cosa stiano effettuante chiedendo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Si infatti, sono stati approvati dei bilanci truccati appositamente che occultavano alla assemblea le morosità di alcuni condomini, persone "privilegiati", perché sono noti politici italiani attualmente in carica del Governo, quindi intoccabili, e come noto questa categoria di persone non è neanche procedibile perché è vincolata dalla immunità parlamentare, e gli amministratori, facendosi loro lecchini si sottomettevano alle loro volontà, e a qualsiasi condizione. Ci sono alcuni che non hanno mai pagato. Ma bisogna risalire alla documentazione contabile, perché in bilanci è tutto perfetto.

premesso che se sono in carica al governo non hanno l'immunita' parlamentare (salvo che siano parlamentari ) ma l'immunita' non c'entra nulla con questioni condominiali . si puo' benissimo agire contro un moroso (sia se cittadino ,sia se parlamentare sia se governante ).

Costituzione Italiana art .68

 

I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell'esercizio delle loro funzioni. Senza autorizzazione della Camera alla quale appartiene, nessun membro del Parlamento può essere sottoposto a perquisizione personale o domiciliare, né può essere arrestato o altrimenti privato della libertà personale, o mantenuto in detenzione, salvo che in esecuzione di una sentenza irrevocabile di condanna, ovvero se sia colto nell'atto di commettere un delitto per il quale è previsto l'arresto obbligatorio in flagranza. Analoga autorizzazione è richiesta per sottoporre i membri del Parlamento ad intercettazioni, in qualsiasi forma, di conversazioni o comunicazioni e a sequestro di corrispondenza.

 

in condominio (se sono proprietari ) sono condomini al pari di tutti gli altri cittadini (stessi diritti e stessi doveri ) .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

una cosa sola garant 44:quanto hai speso per il procedimento d'urgenza? di certo ne valeva la pena,ma gli altri condomini dove sono? prendono posizione? qualcuno ti rimborserà qualcosa di quanto speso in termini di soldi,tempo e perdita di serenità? il problema nei condomini non è soltanto rappresentato da coloro che non fanno il loro dovere,ma ancora di più il problema è rappresentato dall'indifferenza,dal pressappochismo,dalla poca preparazione dei proprietari,dal mancato confronto.insomma è un problema di cultura del vivere insieme,di compartecipazione alla cosa comune. comunque se hai le possibilità economiche,la tenacia,e la pazienza, fai bene a fare quello che fai,ma se non coinvolgerai anche il resto della truppa,prima o poi finirai per essere isolato.

in bocca al lupo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

posso solo suggerirti di prendere un avvocato non della stessa regione perchè possono esistere accordi che tirano a sfinire il ricorrente.

non so quanto ti sia costato finora, ma se vuoi continuare prendi un vero "squalo" e vai avanti.

anch'io come altri stento a credere che dopo tanto lavoro tu sia ancora in alto mare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Egr. Sig. Camillo,

La ringrazio per la partecipazione alla mia problematica, ma forse Le è sfuggito che io a quell'assemblea dove sono stati approvati bilanci truccati, non ho partecipato. Non sono neanche ero convocata. Ho saputo dalla assemblea solo molto dopo dalla comunicazione dell' amministratore che dopo che sono passati alcuni mesi dalla data dell'assemblea che ha inviato per posta ordinaria rivolta a tutti condomini che quei presunti ammanchi in cassa, di condomini morosi sono stati versati. Ma quando gli ho chiesto indicare del versamenti non mi ha più risposto,. Ribadisco che io non ho approvato nessun bilancio e nulla perché non ero presente in riunione.. Inoltre non mi è stato neanche spedito il verbale dell'assemblea per poter opporsi alla delibera e impugnarla. Infatti anche altre due precedenti assemblee ho dovuto impugnare per lo stesso motivo di irregolarità di convocazione. In sostanza si faceva del tutto che io non fosse presente in assemblee, per ovvi motivi.

Per poter impugnare la suddetta delibera dell'assemblea dove erano stati approvati bilanci appositamente truccati,h o dovuto fare cause per accesso alla documentazione. Dopo aver perso ben 4 sono finalmente ottenuto la possibilità di farlo con l'Ordinanza. Vorrei impugnarla adesso questa delibera e dichiararla nulla. Finalmente ho il verbale in mano, ma non ho il relativo bilancio e relativi pezzi di appoggio, almeno gli estratti del conto corrente o altra documentazione per poter verificare se determinati versamenti relativi alle morosità pregresse di altrui condomini sono stati effettuati.

Insomma, è vero che ho introdotto degli elementi nuovi di questa storia, e potrei introdurre tanti altri, ma la mia domanda era rivolta a conoscere quali passi a norma di legge dovrei fare per la mancata consegna di una parte della contabilità condominiale. Come ho spiegato prima, gli avvocati non collaborano. Mio ultimo legale ha presentato solo il ricorso e poi ha rimesso il mandato, quello che lo ha sostituito ha solo assistito all'udienza e poi mi accompagnato alla visita di ottenere la documentazione. Avevamo un accordo che si facevano le foto con un smatphone di tutto che era in studio, poi si catalogava tutto e si verbalizzava l'esito dell'incontro, e poi si controllava tutto e si contestava gli eventuali documenti mancanti. Ma all'incontro l'avvocato si è comportato diversamente, e senza un preavviso ha cominciato famigliarizzasi con amministratore e proporre la . Poi ha detto che suo mandato era esaurito con la pubblicazione dell'ORDINANZA e che era più conveniente fare la invece una revisione contabile e altri cause, perché ne avevo già perse 4 e non di era conveniente rischiare perdere altri, quindi mi diffidava di insistere di ottenere la mancata documentazione. Io ero contraria a fare proposte conciliatorie prima di ottenere le documentazione, ma lui non ha neanche guardato che cosa era in fascicolo detto che se io non la seguivo in consigli non voleva fare altro perché il suo mandato era finito con la fine della causa.

Per questo io Le chiedevo, sig. Camillo, che vuol dire secondo Lei : "tornare al giudice e chiedere esporre la documentazione che manca" : Innanzitutto Le chiedo se si deve fare questa domanda con un altro RICORSO? ( quindi devo prendere un altro avvocato, anticipare spese e perdere altro tempo). Inoltre, visto che il giudice con l' Ordinanza ha già stabilito di dar accesso a TUTTA LA DOCUMENTAZIONE dal 2002 al 2015, presumo potrebbe rigettare il RICORSO perché come fosse chiedere due volte la stessa cosa. Pensavo bensì fare una denuncia alla Procura per inosservanza del provvedimento del giudice perché ILLUDE con atti mistificativi l'ordine del Giudice e continua occultare una parte importante della contabilità condominiale.

Certamente di essere politici non ha nessuna importanza ai fini di legge, ma ho inserito questa informazione per spiegare il sottobosco della situazione, che certamente senza alcuni delucidazioni non si capisce perché accadano te cose.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Siamo in 9 condomini in tutto, 6 mini appartamenti e tre botteghe commerciali. Certamente non sono persona per nulla abbiente e gli avvocati pagavo poco e a rate con la formula una cifra forfettaria tra 500 e -700 euro. Ora mi spetta a pagare ben 12-14 mila euro per le spese giudiziarie per cause perse, ed erano tutti a scopo di accesso alla documentazione, fatti con ricorsi dichiarati come riti sbagliati, e ma di fatto erano tutti sentenze virtuali e surreali, come spesso piace fare ai giudici per mantenere in vita la loro struttura di lavoro, che di conseguenza si deve fare altre cause per annullare quelle precedenti.Si ho vinto anche due cause di annullamento di due delibere e un ricorso di accesso alla documentazione, poi in un altra causa che ho perso non sono stata condannata alle spese, perché il condominio non si è costituito. Quindi il condominio dovrebbe pagare l'avvocato per quello procediemnto anche se ha vinto. ( non mi è stato riconosciuto prestazione lavorativa per condominio prestavo in nero, e era causa di lavoro. ) Quindi c'è una piccola compensazione per le relativi spese legali. Ma i nostri condomini non sono interessati che la documentazione condominiale viene sottoposta alla revisione contabile come vorrei fare io, perché usciranno fuori i scheletri dagli armadi dove gli stessi condomini li hanno contribuire a rimettere. Ci sono molti irregolarità e se dovrebbe essere fatto accertamento fiscale revisione contabile che renderebbe nulle alcune delibere e lo stesso Condominio avrebbe delle conseguenze, non so quali, se di ingiunzioni o sanzioni anche per reati fiscali, che potrebbero essere contestati. So di sicuro che ci saranno delle .

L'unica preoccupazione di nostri condomini è da sempre stata solo come fare tutte le cose , a scopo di "risparmiare" , che siano state le ditte delle pulizie, o prestazioni dei consulenti o i lavori di ristrutturazione (anche quelli grossi come come rifacimenti e pitturatone della scala, o come la ristrutturazione della facciata dello stabile, e anche rifacimento del tetto). Non è stato possibile mai vedere una sola fattura. Sia le ditte che i condomini si mettevano d'accordo privatamente con gli amministratori e quelli collaboravano, e se gli amministratori non erano molto d'accordo, li mandavano via alla successiva assemblea. Molti fornitori non sono stati pagati, e non potevano fare cause perché non avevano i contratti regolari. Io ero l'unica a combattere questo modo di cose, può immaginare che sono odiata da tutti. Prima vi era una condomina che era dalle mie parti e ha fatto molto per sollevare alcuni questioni di comune interesse ma ai condomini non interessava occuparsi e lei ha venduto il suo appartamento, per disperazione, stanca a combattere. Sono in tutto 6 appartamenti e i condomini sono tutti politici e io sono l' unica "pecora nera", una persona normale. Nessuno di loro abita nello stabile ovviamente che neanche affittano perché non ne hanno bisogno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Sergio, ti ringrazio per consiglio. Dove è questo vero squalo? Vorrei trovarlo. Ogni tal volta che prendo un legale lui si dichiara tale quale ma poi dopo, non appena entra in contattato con il legale del condominio cambia strategia in favore della controparte e le cause li pere apposta,. Se dovrei raccontare le che hanno commessi in Ricorsi, viene paura. Ovviamente lo scopo è di mettere sopra dei decreti ingiuntivi per rimborso per tutte le cause perse ottenere pignoramento e procedere alla esecuzione, assegnare appartamento al condominio e entrare in possesso ad un condomino interessato,. Ormai conosco il lo scopo vero di tutta questa impostura. Credo che essendo in gioco forti interessi, gli avvocati si all'insaputa del cliente ( io) e le conseguenze sono ben visibile.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Scusi Enrico ma la mia risposta a te è quella pubblicata alle 00.34, leggila .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ma infatti non c'entra nulla chi sono i condomini, se reali i contadini, per legge sono uguali in assemblea ma ho voluto solo spiegare come e perché nascono certe situazioni e succedono alcuni circostanze, dove una maggioranza un gruppo, un lobby e di certo io che sono la minoranza di certo tipo, che cerco di mettere le cose a suo posto, non riesco. Il problema è rappresentata dai amministratori che seguono gli interessi degli persone e loro ambizioni personali e non gli interessi del condominio, il problema sta nella impossibilità di rimuovere l'amministratore neanche con revoca giudiziaria, se l'avvocato è collaborativo con quello di controparte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

generalizzare è sempre sbagliato. Potresti veramente essere incappato in un professionista poco serio, ma, credimi, la maggior parte, svolge il suo lavoro con competenza e pazienza e lealtà.

 

Come ti ho già detto, mi sembra impossibile la situazione che descrivi, anche se dall'altra parte ci fosse un principe del foro o comunque un "protetto", o come dici, "un politico potente e ammanicato". .

Lo squalo quindi non è indispensabile, anzi secondo me, se ti rivolgi ad un serio professionista che mastica giornalmente la materia ( quindi un amministratore di esperienza, orgoglioso del suo lavoro, e preparato in materia) e gli fai avere copia di tutto la documentazione e ti fai assistere sia per l'accesso agli atti che prima, durante e dopo l'assemblea, ottieni molto di più ed in più breve tempo, visto che con la legislazione attuale, i motivi di revoca dell'incarico o di annullamento di delibere irregolari sono così numerosi che c'è ampia scelta.

 

Hai l'ordinanza di avere copia della documentazione, se non la rispetta, ritorni dal giudice chiedendo la revoca per la mancata produzione della documentazione.

 

Come già suggerito, in assemblea, se non sono presenti le pezze giustificative, il bilancio consuntivo non può essere approvato, e se lo fanno comunque, la delibera è annullabile, senza tante possibilità di risultati diversi. Senza la approvazione dei bilanci, lui non ha nessun titolo per ottenere i fondi necessari alla gestione, e se non provvede, hai possibilità di ricorrere per mancato adempimento ( quindi revoca). Sono solo alcuni dei mezzi che hai, ed è per questo che ti invito a sentire un amministratore preparato, prima di trovare lo squalo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Camillo ti ringrazio ancora una volta. Innanzitutto Buon Anno tanti Auguri che sia felice per te!

Non so come conoscere uno avvocato come dici tu, quando non il mio attuale avvocato è un CTU del Tribunale iscritto negli elenchi degli amministratori, è anche nominato dai giudici per amministrazione giudiziaria delle società e condomìni e che non sono in regola con la legge. Eppure all'incontro con l'amministratore si o descritto in precedenza. Lo avevo scelto dai elenchi degli Ordine degli avvocati con riferimenti alla materia di specializzazione. Più di così?

Se potesse mandarti un file del mio ricorso della revoca dell'amministratore , che è stato rigettato con formule assurde, ragionamenti virtuali e inapplicabili (secondo mio modesto parere), ma ho perso anche il Reclamo in Corte d'Appello, con decreto ancora più assurdo. Non so se è possibile in questo forum allegare il testo del ricorso. Come fare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

puoi postare tutto quanto ritieni opportuno, meglio se bianchetti i nomi degli interessati, seguendo le semplici istruzioni fornite dal sito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Caro Camillo, io chiedevo se esiste una opzione in nostro Forum come nella posta e-mail. Perché postarlo interamente su Forum sarebbe un po ingombrante e potrebbe essere considerato come una richiesta di consulenza legale, e potrebbero rispondermi di andare e consultare un avvocato.Ma la mia è una richiesta di parere per quanto il mio ricorso della revoca giudiziaria in Tribunale e il Reclamo in Corte d'Appello sono stati rigettati, a mio parere, ingiustamente, perché e giustificazioni dei magli strati non corrispondono ne agli articoli di legge ne seguono la logica ne cronistoria dei eventi. Infatti il mio legale, come fanno spesso gli avvocati quando perdono le cause, ha rimesso il mandato senza dare spiegazione e ha rifiutato spiegare le sentenze. Invece allegando come file, i ricorsi lo leggeranno quelli a chi avrà interesse entrare in problema che forse è troppo personale e non attinge ad altri temi di comune interesse.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×