Vai al contenuto
enrico dimitri

Accertamento tecnico preventivo.

Buonasera,

vorrei un parere tecnico se qualcuno ci è passato.

Debbo presentare una richiesta di ATP -Accertamento tecnico preventivo- secondo l'articolo 696 bis del codice di procedura civile, davanti al giudice di pace.

E' un procedimento relativamente nuovo, introdotto con legge dal 2005.

Che tempi avete atteso? E' stato realmente utile? Le parti poi si sono conciliate oppure si è andati lo stesso avanti in giudizio?

Debbo dare una risposta a dei condomini alla fine della settimana, e in quel condominio ho pochissima cassa e non voglio far fare spese inutili o avventate. C'è giurisprudenza in rete? Ne ho trovata poca.

Grazie.

ciao

 

l'accertamento tecnico preventivo serve solo quando si deve "fotografare" quanto si contesta alla controparte, avendo la necessità di intervenire prima del giudizio di merito. Personalmente, salvo casi rari, è una perdita di tempo e di soldi, in quanto la perizia esperita dal CTu quasi sempre viene riproposta.

Intanto grazie Camillo,

ma quello che intendo io,è l'accertamento previsto dall'art. 696 bis del codice di procedura civile,che in realtà è una CTU disposta dal giudice dopo la proposizione della domanda dell'attore.Sono d'accordo con te che il nome è improprio,perché è una vera e propria CTU-dato che il perito lo nomina il giudice,non la parte- che si fa prima del giudizio vero e proprio(scusa la repetitio),e anche prima dell'eventuale verbale di conciliazione tra le parti.

E'una norma un pò sui generis,ecco perché mi interessava se qualcuno ci era già passato.

×