Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Alfredo R

Abbattimento alberi - preciso che gli alberi in questioni non erano malati ne pericolanti

Abito in un condominio dove gli inquilini del piano terra hanno un giardino, la scorsa settimana i proprietari hanno tagliato una magnolia alta almeno 6 metri e un abete di almeno 12 metri senza chiedere autorizzazione al condominio o almeno renderlo noto. preciso che gli alberi in questioni non erano malati ne pericolanti. Vorrei sapere se questa operazione necessita di autorizzazione dell'assemblea condominiale o se ci sono dei vincoli in merito regolati dalla legge.

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

A parte il pagamento che il mio comune chiede (altri comuni forse non lo chiedono), ma è importante l'autorizzazione prima di abbattere un albero, ovvero uno non può abbattere alberi nella sua proprietà privata senza autorizzazione.

Questo era il mio messaggio, per cui invito il postante a chiedere al proprio comune cosa prevede in caso di abbattimento di alberi.

Modificato Da - Paolino Pao il 10 Apr 2011 18:47:37

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da Gipar il 10 Apr 2011 - 18:30:46:

 

Scusa se mi intrometto.. ma a me pare che il problema sia solo il pagamento.....

Salvaguardare l'ambiente

Informazioni generali Tutte le autorizzazioni ad effettuare abbattimenti o modifica della chioma di alberature site su terreno di proprietà privata.....

Il proponente deve presentare domanda di autorizzazione in carta legale.....

Alla richiesta di autorizzazione dovrà essere allegata ricevuta del pagamento dell'importo d

Fai una citazione senza indicare la fonte. Potrebbe essere anche il regolamento della bocciofila di Villapizzone.

Come ha detto correttamente Paolino, dipende dal comune di riferimento, ed ogni comune ha le sue regole. A Milano serve una perizia agronomica ed una comunicazione di abbattimento con relative motivazioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da viburno il 10 Apr 2011 - 18:52:31:

 

Fai una citazione senza indicare la fonte. Potrebbe essere anche il regolamento della bocciofila di Villapizzone.

La fonte l'ha citata Paolino, io l'ho solo letta, cosa che molti non fanno prima di rispondere, e commentata....in modo ironico(per chi non l'avesse capito)

A Milano serve una perizia agronomica ed una comunicazione di abbattimento con relative motivazioni.

senza pagare nulla? strano

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da Gipar il 10 Apr 2011 - 19:25:10: ... e commentata....in modo ironico(per chi non l'avesse capito)
Ironia a parte (a parer mio non era il caso ), ogni comune ha le proprie regole, ma quasi di sicuro per abbattere degli alberi come nel caso posto da Alfredo R (magnolia e abete) è necessaria l'autorizzazione e non è detto che i proprietari l'abbiano ottenuta.

Modificato Da - Paolino Pao il 10 Apr 2011 19:32:24

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da Paolino Pao il 10 Apr 2011 - 19:31:10: ... è necessaria l'autorizzazione e non è detto che i proprietari l'abbiano ottenuta.

Modificato Da - Paolino Pao il 10 Apr 2011 19:32:24

 

e quindi il mio vicino mi può denunciare al comune per aver abbattuto una pianta sulla MIA proprietà privata, perchè probabilmente IO l'ho piantata, IO l'ho potata e curata negli anni, e probabilmente ne avevo a sufficienza e a ME dava fastidio, (dato che sono a casa mia)....

e se il vicino si facesse gli affari suoi senza interferire nella proprietà privata altrui(regolamento a parte)?

il tuo messaggio era chiaro e preciso ed è arrivato...tra l'altro

ma credimi...ironia a parte,le regole che il comune impone, portano direttamente ai 100 euro che il comune incamera....

saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da Gipar il 10 Apr 2011 - 20:40:50: ... e quindi il mio vicino mi può denunciare al comune per aver abbattuto una pianta sulla MIA proprietà privata, perchè probabilmente IO l'ho piantata, IO l'ho potata e curata negli anni, e probabilmente ne avevo a sufficienza e a ME dava fastidio, (dato che sono a casa mia)....

e se il vicino si facesse gli affari suoi senza interferire nella proprietà privata altrui(regolamento a parte)?

Che vuoi che ti dica? Io riporto le regole come sono, non le faccio, p.es. guarda un po quì cosa ha deciso la Corte di Cassazione;

Modificato Da - Paolino Pao il 10 Apr 2011 20:54:28

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da Paolino Pao il 10 Apr 2011 - 20:52:33: Che vuoi che ti dica? Io riporto le regole come sono, non le faccio, p.es. guarda un po quì cosa ha deciso la Corte di Cassazione;

Modificato Da - Paolino Pao il 10 Apr 2011 20:54:28

 

e su questo hai perfettamente ragione e farei opposizione anch'io, fermo restando di capire come può essere la situazione del caso..

 

ma nella sentenza si parla di "giardino condominiale" e nel post, se non erro, di proprietà privata.

poi, per carità, le regole sono regole, e bisognerebbe sempre rispettarle...

 

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da Gipar il 10 Apr 2011 - 21:22:31: ... ma nella sentenza si parla di "giardino condominiale" e nel post, se non erro, di proprietà privata.
Infatti ho scritto p.es., ma se leggi bene, sia nel caso del Comune di Torino e nel caso del mio Comune, si parla di alberi siti in proprietà privata, e se ci pensi bene anche il giardino condominiale è una proprietà privata, con la differenza (rispetto al giardino di uno solo) che i proprietari sono più di uno.

Modificato Da - Paolino Pao il 10 Apr 2011 21:35:21

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da Paolino Pao il 10 Apr 2011 - 21:31:35: Infatti ho scritto p.es., ma se leggi bene, sia nel caso del Comune di Torino e nel caso del mio Comune, si parla di alberi siti in proprietà privata, e se ci pensi bene anche il giardino condominiale è una proprietà privata, con la differenza (rispetto al giardino di uno solo) che i proprietari sono più di uno.

Modificato Da - Paolino Pao il 10 Apr 2011 21:35:21

 

Naturalmente..hai ragione, forse nella foga delle risposte, sono stato frainteso e ci siamo allontanati un pò dal problema.

Io non contesto la "norma" per la quale è necessario chiedere l'autorizzazione(se non per il fatto di sborsare 100 euro ed ottenerla), se un vigile urbano passando per caso facesse valere le "norme" comunali, non avrei nulla da obbiettare(forse), ma il fatto che un condòmino qualunque si arroghi il diritto di lamentarsi del fatto che un proprietaro possa abbattere una pianta nel suo giardino privato adducendo non si sà bene quali problemi......e addirittura chiederne l'autorizzazione all'assemblea....e, come sembra dal post, addirittura rivolgersi all'autorità giudiziaria, chiedendo lumi sulle leggi che regolamentano le aree verdi....beh...scusa ma mi sembra un pò eccessivo...a meno che le piante non siano state piantate dal costruttore e il regolamento di tipo contrattuale citi che......ma questa è un'altra storia

 

Tutto qui..

 

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Bhe vedi il problema può avere anche degli altri risvolti, magari quell'albero faceva bello il condominio, oppure piaceva anche agli altri godere dell'ombra e del fresco, per cui e dato che la cassazione ha espresso che gli alberi sono bene di tutti (e non solo del proprietario del giardino), forse le cose era meglio farle per bene richiedendo l'autorizzazione, ed ora magari su ricorso, questo condomino probabilmente verrà obbligato a ripiantare altri alberi, oltre suppongo una bella ammenda.

Lo stesso discorso vale per i boschi, anche se di proprietà privata, chi vuole abbattere degli alberi deve preventivamente avvisare la forestale la quale verrà a controllare e stabilire quali vanno abbattuti.

Forse se nel nostro bel paese manca un po di senso civico e se c'è ne fosse un po di più questi problemi (e anche altri) non ci sarebbero.

Modificato Da - Paolino Pao il 10 Apr 2011 22:28:17

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ovviamente...il discorso andrebbe molto per le lunghe e tu, per certi versi, hai anche ragione.

 

Vedi...io ho il problema esattamente contrario e te lo accenno cosi tanto per scrivere.

 

Avrei voluto abbattere una palma nel mio giardino, ma alcuni miei vicini mi hanno fatto desistere adducendo che è bella, che decora il condominio....etc. etc.,

quando ho ventilato l'ipotesi che sarebbe giusto che il condominio si facesse carico della sua manutenzione, quindi sborsando un pò di soldi oppure in alternativa, un pò di "sudore", sostengono che è troppo alta, da fastidio, attira uccelli e dovrei toglierla.....alla fine la palma è ancora lì e non credo che la toglierò più(non viola nessuna norma....quindi...).

 

Non so se si è capito l'antifona.

 

Quando mi occupo del "mio" giardino sono IO che "sudo" e "fatico" o eventualmente sono IO che pago la manutenzione.

A tutti i condòmini piace avere il verde, soprattutto quando sono gli altri che se ne occupano e loro ne godono i piaceri, e comunque il verde non è di tutti, se si parla di giardino privato.

Oppure è di tutti quando si parla di diritti ed è privato quando si parla di doveri?

Ora, non conosco certo il caso in questione, ma probabilmente le piante che sono state abbattute, erano troppo alte, richiedevano troppa manutenzione, le radici erano troppo grosse e creavano danni o per qualunque altro motivo il proprietario ha deciso per il SUO benessere, visto che si parla del SUO giardino.

Per quanto riguarda la possibilità di essere condannati a piantare altri alberi o altro, credo che anche qui si rasenterebbe il ridicolo...che un giudice mi imponga di abbattere un albero che dà fastido, lo posso capire, ma impormi di piantare un albero nel MIA proprietà privata.....e non stiamo parlando di giardino condominiale, fondi boschivi etc. etc. ma un giardino di proprietà privata in un condominio...fino a prova contraria ci pianto quello che voglio io(senza offesa per nessun giudice).

P.S.

 

Un utente del forum ha fatto una domanda e tu preciso e chiaro hai dato la risposta. Io sono intervenuto con fare ironico, perchè a me danno un pò fastidio tutti coloro che ad ogni piè sospinto sbandierano ai quattro venti paroloni come "violazione della privacy" "leggi condominiali" etc. ect. per problemi che "non esistono" ma sono solo "fissazioni", "ripicche" ed "invidie" condominiali e l'autore del post iniziale mi è sembrato uno.

 

Finish.

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da Gipar il 10 Apr 2011 - 23:42:23: ... quando ho ventilato l'ipotesi che sarebbe giusto che il condominio si facesse carico della sua manutenzione, quindi sborsando un pò di soldi oppure [...]
Forse se insistevi ed era questo il caso, potevi far contribuire i condomini alla potatura;

 

Alle spese di potatura degli alberi, che insistono su suolo oggetto di proprietà esclusiva di un solo condomino sono tenuti, tuttavia, a contribuire tutti i condomini allorché si tratti di piante funzionali al decoro dell'intero edificio e la potatura stessa avvenga per soddisfare le relative esigenze di cura del decoro stesso. (Cass. 18/04/94 n. 3666)

 

Come vedi non sempre le cose sono come sembrano, comunque a me pare che stiamo andando molto Off-Topic.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Scritto da Alfredo R il 10 Apr 2011 - 16:54:33: Vorrei sapere se questa operazione necessita di autorizzazione dell'assemblea condominiale

NO.E' proprietà esclusiva.

Come tale dovrebbe seguire le indicazioni fornite da Paolino Pao.

A meno che vi sia una specifica norma in merito contenuta nel Regolamento di condominio di natura contrattuale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Vorrei rispondere a colui che sostiene la tesi della ripicca, innanzitutto non si tratta di ripicca ma di rispetto non solo dell'albero ma del fatto che abitando in un luogo nato sotto la prerogativa di consorzio di miglioramento fondiario ed essendo un isola verde alla periferia di Roma il rispetto del verde proprio e di quello comune sia fondamentale. L'abbattimento di alberi di grosso fusto è un danno all'ambiente nel suo complesso. L'albero comunque era stato messo li dal costruttore ed è presente nella planimetria catastale. Le regole del consorzio prevedono il mantenimento del verde e volevo evitare appunto ripicche condominiali ma far ragionare il proprietario mettendo in evidenza che esistono delle regole e visto che esistono vanno rispettate, l'anarchia non è positiva.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×