Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
xunmondomigliore

A chi intestare la certificazione per le detrazioni fiscali?

DOMANDE:

1)La certificazione per le detrazioni fiscali su lavori di ristrutturazioni condominiali può essere intestata ad esempio alla figlia del condomino anche se ella non risulta proprietaria dell'appartamento?

2)Nella certificazione è obbligatorio scrivere il c.f. del condomino che usufruisce della detrazione oppure è sufficiente il nome?

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

1) che io sappia, l'amministratore certifica al proprietario dell'immobile a meno chè il condòmino non chieda di intestare ad altro soggetto avente titolo.

2) anche se lo si mette, non si sbaglia di certo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Si ma la domanda è quale soggetto ne ha titolo? insomma se il condomino mi dice "lo intesti a mia figlia" va bene lo stesso, anche se non condivide l'appartamento con lui?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Si ma la domanda è quale soggetto ne ha titolo? insomma se il condomino mi dice "lo intesti a mia figlia" va bene lo stesso, anche se non condivide l'appartamento con lui?

Se la figlia ha titolo avrà diritto alla detrazione , se non ha titolo non avra'diritto .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie peppe64 ma ancora non mi è chiara.... Secondo quanto leggo sul sito delle Agenzia delle Entrate: La detrazione spetta anche al familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado, affini entro il secondo grado) convivente del possessore o detentore dell’immobile, purché sostenga le spese e le fatture e i bonifici risultino intestati a lui. Ma nel caso di spese condominiali il bonifico è intestato al condominio. Quindi?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Credo che debba integrarsi al condomino, se poi ci sono vari intestato, fra di loro se ne ripartiscono le quote.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La questione è disciplinata dalla circolare 11/E del 21 maggio 2014 dell'Agenzia delle Entrate.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
DOMANDE:

1)La certificazione per le detrazioni fiscali su lavori di ristrutturazioni condominiali può essere intestata ad esempio alla figlia del condomino anche se ella non risulta proprietaria dell'appartamento?

2)Nella certificazione è obbligatorio scrivere il c.f. del condomino che usufruisce della detrazione oppure è sufficiente il nome?

Grazie.

1) l'amministratore deve comunicare la quota da portare in detrazione al condomino proprietario che risulta dall'anagrafe condominiale, sarà poi quest'ultimo a decidere chi avrà diritto di usufruire della detrazione

2) non è obbligatorio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie peppe64 ma ancora non mi è chiara.... Secondo quanto leggo sul sito delle Agenzia delle Entrate: La detrazione spetta anche al familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado, affini entro il secondo grado) convivente del possessore o detentore dell’immobile, purché sostenga le spese e le fatture e i bonifici risultino intestati a lui. Ma nel caso di spese condominiali il bonifico è intestato al condominio. Quindi?

Io certifico al condòmino.

Se poi il condòmino decide di far usufruire della detrazione un soggetto diverso, sarà questo soggetto a dichiarare nella propria dichiarazione dei redditi che detrae invece di..... perchè avente diritto.... in quanto....

Ovviamente questo soggetto dovrà dimostrare anche di aver versato la quota sul c/c condominiale per conto del condòmino.... ma queste cose non riguardano l'amministratore che non è ne un fiscalista ne un poliziotto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Io certifico al condòmino.

Se poi il condòmino decide di far usufruire della detrazione un soggetto diverso, sarà questo soggetto a dichiarare nella propria dichiarazione dei redditi che detrae invece di..... perchè avente diritto.... in quanto....

Ovviamente questo soggetto dovrà dimostrare anche di aver versato la quota sul c/c condominiale per conto del condòmino.... ma queste cose non riguardano l'amministratore che non è ne un fiscalista ne un poliziotto.

Se l'appartamento è intestato ad entrambi i coniugi, posso rilasciare 2 certificazioni al 50% oppure intestare ad uno solo che me ne faccia richiesta. lo so non siamo dei fiscalisti ma capirci almeno qualcosa.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Se l'appartamento è intestato ad entrambi i coniugi, posso rilasciare 2 certificazioni al 50% oppure intestare ad uno solo che me ne faccia richiesta. lo so non siamo dei fiscalisti ma capirci almeno qualcosa.....

Per non creare problemi, visto che ti devi attenere alle regole del "Buon Padre di Famiglia" le certificazioni le rilasci a chi le può scaricare nel nucleo Familiare del Condomino.

Imparate a lavorare cari amministratori, senza attaccarvi a questo .... o a quello.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Possono usufruire della detrazione sulle spese di ristrutturazione tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), residenti o meno nel territorio dello Stato. L’agevolazione spetta non solo ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese:  proprietari o nudi proprietari  titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)  locatari o comodatari  soci di cooperative divise e indivise  imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce  soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali. Ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, purché sostenga le spese e siano a lui intestati bonifici e fatture.

(http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Agenzia/Agenzia+comunica/Prodotti+editoriali/Guide+Fiscali/Agenzia+informa/pdf+guide+agenzia+informa/Guida_Ristrutturazioni_edilizie.pdf

i bonifici e i riparti devono essere dichiarati e l'amministratore deve fare la certificazione a chi ha effettuato il bonifico e ha il diritto di detrarre

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

"Ha diritto alla detrazione anche il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, purché sostenga le spese e siano a lui intestati bonifici e fatture.

(http://www.agenziaentrate.gov.it/wps...i_edilizie.pdf"

Si ma quello che voglio dire:

1) la moglie ad esempio che ne avrebbe diritto al 50% può chiedere d'intestare tutta la detrazione a favore del marito contestatario (indipendentemente da chi abbia effettuato il pagamento....)? se sono in comunione dei beni credo sia corretto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

scusate ma volevo porvi questo quesito, se il versamento lo ha effettuato la figlia della proprietaria, perché il c/c e cointestato e la firma sul bonifico la messa la figlia, la certificazione a chi va intestata ?

grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
scusate ma volevo porvi questo quesito, se il versamento lo ha effettuato la figlia della proprietaria, perché il c/c e cointestato e la firma sul bonifico la messa la figlia, la certificazione a chi va intestata ?

grazie

dal mio punto di vista, vedi post #9 di leonardo col quale sono d'accordo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
dal mio punto di vista, vedi post #9 di leonardo col quale sono d'accordo.

quindi fammi capire , indipendentemente da chi ha effettuato il versamento, si certifica sempre e comunque al condomino proprietario ho capito bene ?

grazie paul

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
quindi fammi capire , indipendentemente da chi ha effettuato il versamento, si certifica sempre e comunque al condomino proprietario ho capito bene ?

grazie paul

io amministratore sono il mandatario dei proprietari (no inquilini, no figli, ...) e con loro mi rapporto.

se un genitore versa sul c/c condominiale dove la figlia è proprietaria, la cosa riguarda loro due e il fisco, non me: vivono, convivono, hanno residenza fasulla, ... uno di loro porterà in detrazione la quota di bonificato e allegherà tutti i documenti possibili per dimostrare che sussistono i presupposti per detrarre quella spesa di quella u.i.

 

io la penso così e la logica (anche fiscale) credo che mi supporti.

 

non sono però un fiscalista, commercialista, avvocato, esattore , ...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
io amministratore sono il mandatario dei proprietari (no inquilini, no figli, ...) e con loro mi rapporto.

se un genitore versa sul c/c condominiale dove la figlia è proprietaria, la cosa riguarda loro due e il fisco, non me: vivono, convivono, hanno residenza fasulla, ... uno di loro porterà in detrazione la quota di bonificato e allegherà tutti i documenti possibili per dimostrare che sussistono i presupposti per detrarre quella spesa di quella u.i.

 

io la penso così e la logica (anche fiscale) credo che mi supporti.

 

non sono però un fiscalista, commercialista, avvocato, esattore , ...

ok grazie chiarissimo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ed io "dall'altra parte" confermo che è inutile e non serve tediare gli amministratori con pretese irricevibili: le certificazioni sono da intestare ai proprietari condòmini. Punto.

L'abitazione dove risiedo è intestata a mia moglie, ma all'occorrenza ho usufruito per questo immobile delle detrazioni fiscali con certificazioni intestate a mia moglie. E mai abbiamo avanzato all'amministratore richieste di certificazioni strane.

A completezza d'informazione i rimborsi a mio favore in parte si sono già completati ed in parte sono ancora in corso.

 

Anche al di fuori dell'ambito condominiale, proprio per convenienza e capienza fiscale abbiamo utilizzato tale opportunità: in occasione della ristrutturazione edile del nostro appartamento il 75% del defalco fiscale a cui aveva diritto mia moglie è stato invece caricato sulla mia persona, in qualità di marito convivente della proprietaria dell'immobile.

Anche per questo evento, i rimborsi si sono già completati senza alcuna osservazione mossa dall'erario.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

A me per un appartamento mi hanno chiesto di fargli 4 certificazioni in percentuale al loro possesso.......praticamente un condominio all'interno di un condomino 🙂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
La questione è disciplinata dalla circolare 11/E del 21 maggio 2014 dell'Agenzia delle Entrate.

la discussione diventa inutile.!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×