Vai al contenuto
Almantar

5 giorni di preavviso e annualità

Buongiorno,

avrei un quesito da porvi.

E' stata convocata un'assemblea straordinaria senza rispettare il preavviso minimo di 5 giorni.

Mi stavo informando in merito all'annullabilità.

Leggo su vari siti dedicati che il diritto di impugnare è degli assenti, dei contrari alla delibera e degli astenuti.

Su altri leggo che presentarsi in assemblea sana la violazione del mancato congruo preavviso di 5 giorni.

Qual'è la vs opinione?

 

Nel mio caso specifico, se io mi presento, faccio annotare a verbale che il preavviso non è stato rispettato - quindi ad esempio io sono riuscito a venire in assemblea ma non ho avuto tempo di informarmi per bene sulla questione (si tratta di lavori straordinari di grossa entità) -, voto contro nell'unico punto presente all'OdG, posso poi richiedere l'annullamento per il mancato preavviso?

Se no, esistono altre vie percorribili?

 

Grazie.

Se ti presenti all'assemblea sani l'anomalia, perciò se hai intenzione di impugnare il deliberato NON devi presenziare all'assemblea ed attendere l'invio del deliberato agli assenti (compreso te), da quel momento avrai 30 giorni di tempo per impugnare e far annullare quanto deliberato.

Siccome l'assemblea si tiene per sanare dei problemi presenti in altra assemblea convocata esattamente 30 giorni prima della presente, e noi non siamo d'accordo su quanto allora deliberato per ragioni che non sto a dettagliare, non possiamo non presentarci, altrimenti la precedente delibera diventerebbe non più impugnabile (annullabile).

 

Quello che cercavo di capire era se io potevo presenziare, vedere l'esito delle votazioni e, in caso sfavorevole, far valere il mancato congruo preavviso insieme ad altri fattori, per esempio il rifiuto dell'amministratore di mostrarci in tempo utile preventivi e altra documentazione inerenti l'oggetto della delibera (a tal proposito altri esperti mi citavano la sentenza C. Cass. Sez. II, N° 13350 del 11/9/2003). Infatti egli non ci ha fatto avere nulla fino a due giorni prima dell'assemblea, sostenendo che "abbiamo tutto il tempo di chiedere altri preventivi"- Per fare una cosa del genere 2 giorni non li definirei un tempo congruo...

Per impugnare l'assemblea precedente temo che per i presenti non ci sia più tempo utile infatti è necessario impugnare entro 30 giorni dalla data di svolgimento dell'assemblea. (cc art. 1137)

Comunque sia in questa nuova convocata senza rispettare i canonici 5 giorni di preavviso, si potrebbe annullare/modificare il deliberato della precedente con lo stesso quorum necessario all'approvazione della delibera.

Comunque se la precedente era stata convocata a norma , almeno 5 giorni prima, qualsiasi condomino poteva portare in assemblea un preventivo per il lavoro da fare, da una ditta di propria fiducia.

D'accordo sull'ultimo punto, anche se l'amministratore ha dato a credere di avere il diritto di avocare a sé la raccolta dei preventivi (ok, colpa di chi c'ha creduto, anche se un comportamento del genere non rientra nell'alveo di un rapporto di ficucia imo).

Il ns caso è diverso. Lui ha in mano questi preventivi da diverso tempo, ma con motivazioni pretestuose non ce li ha inoltrati fino a due giorni prima della presente convocazione, sostenendo che a suo avviso il tempo era più che sufficiente per esaminarli/verificarli e/o richiederne altri (anche il capitolato è arrivato due gg prima dell'assemblea, senza capitolato, niente preventivo).

 

La sentenza C. Cass. Sez. II, N° 13350 del 11/9/2003 così recita:

“Ciascun condomino ha il diritto di esaminare, preventivamente, tutta la documentazione relativa agli argomenti posti all’ordine del giorno di una successiva assemblea condominiale. La mancata visione di tali documenti o per un tempo non adeguato, incide sulla formazione della volontà assembleare; non avendo il condomino una conoscenza completa dei documenti, non potrà esprimere a pieno il suo parere e non potrà influenzare l’orientamento degli altri condomini. Pertanto, la violazione di tale diritto determina l’annullabilità della delibera assembleare approvata, in quanto risulta viziato il procedimento di formazione della volontà assembleare.”

 

Il testo è chiaro. La questione è cos'è un tempo adeguato. Non trovo adeguato concedere ad un condomino che ha altro da fare nei giorni feriali, due giorni di tempo per esaminare dei preventivi, un capitolato, procurarsi altri preventivi che magari richiedono un sopralluogo etc...

Nella vostra esperienza cosa accade in casi simili.

Grazie ancora per i consigli...

×