Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
renny72

3 palazine

Spero di riuscire ad illustrare bene la situazione.

Tre palazzina con in comune il cancellato congresso, e la recinzione.

Una con 8 unità ha l'amministratore e codice fiscale, le altre 2 con 6 unità ciascuna non hanno ne codice fiscale ne amministratore.

Se si volesse far gestione le tre palazzine ad un unico amministratore, come si dovrebbe procedere: Richiedere il codice fiscale per le due paladine che non l'hanno, o inglobate tutte e tre nel codice fiscale esiste?

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Spero di riuscire ad illustrare bene la situazione.

Tre palazzina con in comune il cancellato congresso, e la recinzione.

Una con 8 unità ha l'amministratore e codice fiscale, le altre 2 con 6 unità ciascuna non hanno ne codice fiscale ne amministratore.

Se si volesse far gestione le tre palazzine ad un unico amministratore, come si dovrebbe procedere: Richiedere il codice fiscale per le due paladine che non l'hanno, o inglobate tutte e tre nel codice fiscale esiste?

Grazie

Sono tre Condominii dispinti e separati.

Ed ognuno di essi dovrebbe avere il proprio codice fiscale. Le due con 6 u.i. non hanno l'obbligo di amministratore ma sono un condominio a tutti gli effetti di legge.

Inoltre le parti comuni , oltre a quelle che citi ci saranno stradelle di accesso o aiule, rientrano nel regime della Comunione di cui agli articoli ad hoc del c.c.

Ma nulla vieta di affidare la gestione ad un unico amministratore.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Le tre palazzine potrebbero avere altre parti comuni.

 

Esempio vialetti, verde, scarichi fognari che per un tratto diventano comuni a tutte e tre, ecc.

 

Quindi, oltre ad invocare il 3° comma dell'art. 1123 del Codice Civile, potrebbe essere necessaria un'amministrazione comune a tutti, quando vi sarà la necessità di intervenire complessivamente.

 

Resta il fatto che a decidere circa l'unificazione in un'unica amministrazione devono essere tutti i proprietari del complesso.

 

Le soluzioni sono due: nominare l'unico amministratore attualmente esistente affinché amministri tutto il complesso. la parte burocratica non dovrebbe cambiare ed il C.F verrebbe esteso per tutte le palazzine del condominio (oppure richiedere un nuovo C.F. visto che non costa niente), o nominare un amministratore per ogni palazzina, con costi sicuramente superiori. (resterebbe sempre il problema del supercondominio)

 

La prima soluzione appare la più "economica".

 

Per le maggioranze per deliberare sulla nomina dell'amministratore collegati al "solito"link:

 

http://www.condomini.altervista.org/MaggioranzeAssemblee.htm

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quindi o 3 codici fiscali o uno unico...giusto? Ma all'agenzia delle entrate cosa bisognerebbe portare per chiudere il vecchio codice fiscale e aprirne uno nuovo per tutti e tre?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Quindi o 3 codici fiscali o uno unico...giusto? Ma all'agenzia delle entrate cosa bisognerebbe portare per chiudere il vecchio codice fiscale e aprirne uno nuovo per tutti e tre?
Questo, fatto salvo titolo diverso, è un mini supercondomino, ovvero tre stabili condominiali, che hanno delle parti in comune, cancello, recinzione e terreno, per richiedere i C.F. degli stabili sprovvisti, un condomino, uno per stabile, delle altre due dovrà farsi nominare rappresentante fiscale, non sarà amministratore, e con il verbale di nomina a rappresentante si recherà all'AdE compilando il Mod. aa 5/6 le verrà consegnato il CF dello stabile (uno per condominio)

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Home/CosaDeviFare/Richiedere/Codice+fiscale+e+tessera+sanitaria/Codice+fiscale+modello+AA5_6/Modello+e+istruzioni+CF+AA5_6/Modello+AA5_6/AA5_mod.pdf

Nulla vieterà, come già detto da GIME, di nominare lo stesso amministratore per le parti comuni, e volendo anche dei due condominii senza amministratore, però potranno continuare ad autogestirsi come hanno fatto sinora.

 

Secondo la giurisprudenza praticamente consolidata di questa Corte (cfr, ad es., Cass. n. 2305 del 2008; Cass. n. 13883 del 2010; Cass. n. 17332 del 2011 e, da ultimo, Cass. n. 19939 del 2012), ai fini della costituzione di un supercondominio, non è necessaria né la manifestazione di volontà dell'originario costruttore né quella di tutti i proprietari delle unità immobiliari di ciascun condominio, essendo sufficiente che i singoli edifici, abbiano, materialmente, in comune alcuni impianti o servizi, ricompresi nell'ambito di applicazione dell'art. 1117 cod. civ., (quali, ad esempio, il viale d'ingresso, l'impianto centrale per il riscaldamento, i locali per la portineria, l'alloggio del portiere), in quanto collegati da un vincolo di accessorietà necessaria a ciascuno degli stabili, spettando, di conseguenza, a ciascuno dei condomini dei singoli fabbricati la titolarità "pro quota" su tali parti comuni e l'obbligo di corrispondere gli oneri condominiali relativi alla loro manutenzione. In altri termini, al pari del condominio negli edifici, regolato dagli artt. 1117 e segg. c.c., anche il c.d. supercondominio, viene in essere "ipso iure et facto", se il titolo non dispone altrimenti, senza bisogno d'apposite manifestazioni di volontà o altre esternazioni e tanto meno d'approvazioni assembleari, sol che singoli edifici, costituiti in altrettanti condomini abbiano in comune talune cose, impianti e servizi legati, attraverso la relazione di accessorio e principale, con gli edifici medesimi e per ciò appartenenti, "pro quota", ai proprietari delle singole unità immobiliari comprese nei diversi fabbricati" (Cass. 21 febbraio 2013, n. 4340).

In pratica i CF saranno alla fine quatto, uno per stabile ed uno per le parti in comune tra i tre stabili, il 4° lo richiederà l'amministratore delle parti comuni con lo stesso procedimento già indicato (Mod. aa 5/6)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Quindi o 3 codici fiscali o uno unico...giusto? Ma all'agenzia delle entrate cosa bisognerebbe portare per chiudere il vecchio codice fiscale e aprirne uno nuovo per tutti e tre?

Un unico condominio lo sconsiglio per tre palazzine. I problemi gestionali sarebbero superiori ai vantaggi. ( immagina un solo C/c dove far transitare tutti i versamenti e per esempio il condomino della scala A mi chiederà perchè ho pagato con le quote della sua scala, la luce della scala B che magari a quel momento , si trova indietro coi versamenti..non solo e se una sola necessita di interventi manutentivi urgenti, sempre unico C/c??)

Quindi tre palazzine, tre codici fiscali e uno per il supercondominio.

Per il resto concordo con Claistron e Tullio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ma per ol mini super condominio bisognerebbe predisporre un regolamento dove indicare le parti comuni?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ma per ol mini super condominio bisognerebbe predisporre un regolamento dove indicare le parti comuni?
Direi di si perchè essendo più di 10 condomini lo prevede l'art. 1138 cc

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×