Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
106909 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Cosa fare se il conduttore lascia l'appartamento ma non cambia residenza?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Cosa fare se il conduttore lascia l'appartamento ma non cambia residenza?

Ecco cosa succede se l'ex conduttore non cambia residenza

Avv. Alessandro Gallucci  

Sono proprietario di un appartamento e qualche mese fa il conduttore – di comune accordo – è andato via (era stato trasferito in altra città).

Ho deciso di non affittarlo più, ma di darlo a mia figlia che andrà a conviverci con il suo compagno. Quando hanno iniziato ad informarsi per il cambio di residenza hanno scoperto che in quell'abitazione risulta ancora residente il mio vecchio inquilino.

Non riesco a contattarlo per chiedergli – per ora cortesemente – di regolarizzare la situazione. A parte la città dov'è andato, non so dove esattamente viva, poiché non mi ha lasciato indirizzi. Al cellulare non riesco a parlargli. Che cosa posso fare?

Partiamo dal fatto che, in effetti, sarebbe meglio cercare di sollecitare bonariamente questa persona che, magari presa da altro, ha tralasciato questo non secondario aspetto delle dichiarazioni da rendersi alle pubbliche autorità.

Entriamo nel dettaglio esaminando le norme che regolano la fissazione della residenza e di conseguenza gli obblighi nel caso di questa variazione anagrafica.

L'art. 2, primo comma, legge n. 1228/1954 recita:

È fatto obbligo ad ognuno di chiedere per sé e per le persone sulle quali esercita la patria potestà o la tutela, la iscrizione nell'anagrafe del Comune di dimora abituale e di dichiarare alla stessa i fatti determinanti mutazione di posizioni anagrafiche, a norma del regolamento, fermo restando, agli effetti dell'art. 44 del Codice civile, l'obbligo di denuncia del trasferimento anche all'anagrafe del Comune di precedente residenza.

La norma è chiarissima: ognuno di noi è tenuto a dichiarare all'anagrafe (all'ufficio di anagrafe) del comune di dimora abituale la propria residenza, nonché le variazioni ad essa relative.

La legge specifica altresì che il Sindaco è l'ufficiale d'anagrafe del comune che rappresenta e che le funzioni riguardanti tali qualifica possono essere delegate a personale idoneo dell'ente.

Le funzioni connesse alla carica non sono quelle di mero tenutario e conservatore dei registri, ma hanno anche relazione con il suo aggiornamento.

Tanto si desume dalla lettura del primo comma dell'art. 5 l. n. 1228/54 che recita: “l'ufficiale d'anagrafe che sia venuto a conoscenza di fatti che comportino la istituzione o la mutazione di posizioni anagrafiche, per i quali non siano state rese le prescritte dichiarazioni, deve invitare gli interessati a renderle”.

Quanto alla dizione “che sia venuto a conoscenza di fatti…” deve ritenersi che ciò possa avvenire:

a) in ragione di adempimenti del proprio ufficio che abbiano portato a tale scoperta;

b) in ragione di segnalazioni giuntegli.

In queste ipotesi l'ufficiale di anagrafe è tenuto ad aprire un procedimento che abbia come risultato la cancellazione o conferma della residenza dal luogo in cui era fissata.

Come recita il secondo comma dell'art. 5 succitato: “in caso di mancata dichiarazione, l'ufficiale di anagrafe provvede di ufficio, notificando all'interessato il provvedimento stesso. Contro il provvedimento d'ufficio è ammesso ricorso al prefetto”.

Al nostro lettore possiamo quindi suggerire, se non riesce a risolvere la questione bonariamente, di rivolgersi all'ufficio anagrafe del comune per segnalare il fatto.

Cerca: residenza conduttore

Commenta la notizia, interagisci...
Essebi
Essebi venerdì 26 gennaio 2018 alle ore 14:56

Casa di 4 unità abitative 2 al piano rialzato e 2 al piano mansardato, di proprietà di due diverse famiglie con unico accesso in comune dal vano scale e unico numero civico.
A piano terra due distinti laboratori per arti e mestieri ciascuno con suo numero civico e suo accesso indipendente.
Una della due famiglie ristruttura il piano terrà facendolo diventare un appartamento recintandolo con due cancelli indipendenti fronte strada e citofoni e cassette delle lettere indipendenti e ben distanti dall'accesso al vano scale dove vi è il numero civico. Nel corso della ristrutturazione il numero civico del laboratorio scompare e non viene mai più riallocato. La famiglia che risiedeva nell'appartamento rialzato si trasferisce nell'appartamento nuovo a piano terra (senza numero civico) e fa sapere che non si ritiene più in dovere di occuparsi delle scale dato che hanno entrata indipendente. Purtroppo però non fanno il cambio di residenza e questo lo si scopre perchè posta e corrieri arrivano tutti al precedente numero civico, costringendo l'altra famiglia a fare da postino. Si fa presente la cosa all'ufficio anagrafe con anche la mancanza del numero civico e si scopre, dopo 7 anni in cui la famiglia vi risiede stabilmente, che il locale ristrutturato risulta ancora adibito a laboratorio e non ad abitazione, all'anagrafe si giustificano dicendo che può essere un ritardo (7 anni) di passaggio di informazioni dall'ufficio tecnico. In seguito esce un ufficiale del comune al quale la famiglia, trasferita al piano terra, dice che loro hanno anche un ingresso alla nuova abitazione dal vano scale, quindi loro ritengono di risiedere ancora al vecchio numero civico, ma non viene fatto alcun accertamento, basta la parola. Il comune non ha fatto nulla il numero civico non è stato più riallocato e posta e corrieri arrivano ancora al vecchio numero, cosa fare?

Avv. Alessandro Gallucci
Avv. Alessandro Gallucci lunedì 29 gennaio 2018 alle ore 20:30

@Essebi: la situazione va valutata in concreto con l'ausilio di un legale di fiducia. Credo si possa agire tanto a livello civile, quanto a livello amministrativo, ma senza studio attento della questione, in termini generali, non è possibile, a mio avviso, spingersi oltre.

    in evidenza

Dello stesso argomento