Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
116815 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
DPCM Draghi, arriva l'articolo sulle riunioni
Inviaci un quesito

DPCM Draghi, arriva l'articolo sulle riunioni

La forma non muta la sostanza, riunioni private possibili in presenza, ma preferibili a distanza.

Redazione Condominioweb  

Era atteso da giorni, circolavano bozze e si era già capito che nella sostanza non sarebbe cambiato pressoché nulla. Niente proprio a guardare alle regole specificamente concernenti il condominio.

Chi invocava discontinuità l'ha trovata in un maggior rigore delle misure restrittive. Nella così detta zona rossa saranno vietate più attività che in passato.

La novità, se così si può dire, certamente utile in termini di leggibilità e comprensibilità del provvedimento è una riorganizzazione razionale del contenuto, la sparizione del lunghissimo articolo contenente le misure ed i divieti generali riguardanti l'intero territorio nazionale: misure e divieti base, per intenderci.

Compaiono gli articoli specificamente riferibili a particolari attività, tra questi spicca per quello inerente a Convegni, cerimonie pubbliche e riunioni.

DPCM 14 gennaio 2021, quale sorte per le assemblee condominiali?

Riunioni, ok in presenza ma sempre meglio a distanza

A disciplinare le riunioni, anche le riunioni private, quindi le assemblee condominiali (ricorderete l'azzardo della scorsa primavera che considerava l'assemblea condominiale cosa diversa da una riunione) è l'art. 13 del d.p.c.m. 2 marzo 2021, rubricato specificamente Convegni, cerimonie pubbliche e riunioni, che recita:

  1. Sono sospesi i convegni, i congressi e gli altri eventi, ad eccezione di quelli che si svolgono con modalità a distanza.
  2. Tutte le cerimonie pubbliche si svolgono nel rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti e in assenza di pubblico.
  3. Nell'ambito delle pubbliche amministrazioni le riunioni si svolgono in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni. È fortemente raccomandato svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza.

In sostanza si riproduce in uno specifico articolo lettera o) dell'ultimo d.p.c.m., quello del 14 gennaio ancora in vigore fino al 5 marzo.

Assemblee condominiali, la zona di colore non incide sulla possibilità di svolgerla

La continuità col precedente impianto normativo non sta solo nella sostanza della regola, assurta come detto a dignità di specifica disposizione regolamentare, ma anche nell'ambito applicativo.

Ciò che aveva destato perplessità in precedenza è il non aver marcato una differenza tra le varie zone.

A livello condominiale ciò che può farsi nella zona bianca e uguale a quanto previsto per quella rossa.

DPCM Natale: nessuna novità per le assemblee condominiali. Ufficiale l'assemblea on-line a maggioranza.

Uscire di casa per andare nel luogo di riunione dell'assemblea è un giustificato motivo che consente di muoversi in zona rossa e, crediamo vista la formulazione della norma, anche fuori comune e/o fuori regione.

Lo svolgimento dell'assemblea condominiale, insomma, assurge e resta un giustificato motivo da potersi utilizzare sulle famose ed arcinote autocertificazioni.

Una novità, una novità formale anche qui, ma che comunque vale la pena evidenziare è l'introduzione già operata col decreto legge del 23 febbraio 2021 n. 15 dei colori delle zone nel corpus normativo. Quello che prima era semplicemente un gergo comune, ossia zona bianca, gialla, arancione e rossa è oggi un riferimento normativo esplicito.

Ricordiamo che la possibilità di svolgere assemblee on-line è disciplinate dall'art. 66 disp. att. c.c. e che le disposizioni del così detto D.P.C.M. Draghi entreranno in vigore il 6 marzo prossimo e varranno fino al 6 aprile 2021.

Ai tempi del coronavirus gli oneri condominiali vanno pagati?

Cerca: riunioni condominiali dpcm draghi

Commenta la notizia, interagisci...
Giovanni Rossini
Giovanni Rossini 03-03-2021 12:47:01

Mi occupo di legge applicata alle amministrazioni condominiali. Non è cambiato nulla rispetto al precedente dpcm. Nell'articolo citato si parla di pubblica amministrazione e non di amministrazione condominiale, che ricade nelle riunioni private, vietate in presenza. Convocare assemblea ora, se non per motivi urgentissimi (che ogni amministratore è legittimato a risolvere senza delibera, per altro) vuole dire essere certi della sua impugnazione. A nulla servirebbe autocertificazione, recandosi a tale riunione si verrebbe inevitabilmente multati e ci si potrebbe rivalere sullo scellerato amministratore convocante. Questo articolo non ha nessuna base legale, è fuorviante e pericoloso per chi lo legge.

rispondi
Luca
Luca 03-03-2021 18:02:07

Forse non ha letto bene l'articolo citato:
...È fortemente raccomandato svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza.....

La raccomandazione non è un divieto, ma questo, visto che dice di occuparsi di legge, dovrebbe saperlo.

rispondi
COMMENTO
COMMENTO 03-03-2021 19:29:06

@Luca: sono d'accordo con Luca. Si invita a non disinformare i cittadini con indicazioni infondate e fuorvianti. Si leggano le faq governative che sono esplicite in merito. Anche dopo il dpcm Draghi Le assemblee condominiali sono possibili in presenza anche in zona rossa ove non sia possibile effettuarle a distanza (e per la maggior parte dei casi, laddove i condomini non siano dotati delle necessarie attrezzature, ed in pochi lo sono, è evidentemente impossibile celebrarle a distanza).

rispondi
COMMENTO
COMMENTO 03-03-2021 19:37:25

@COMMENTO: ECCO IL TESTO DELLE FAQ DEL GOVERNO IN TUTTE LE ZONE, COMPRESE LE ROSSE, IN MERITO ALLE ASSEMBLEE CONDOMINIALI:

"È consentito svolgere assemblee condominiali in presenza?

Sì. È fortemente consigliato svolgere la riunione dell’assemblea in modalità a distanza. Laddove ciò non sia possibile, per lo svolgimento in presenza occorre rispettare le disposizioni in materia di distanziamento sociale e uso dei dispositivi di protezione individuale"

QUINDI LE ASSEMBLEE IN PRESENZA SONO SEMPRE CONSENTITE OVE NON SIA POSSIBILE LO SVOLGIMENTO A DISTANZA, RISPETTANDO DISTANZIAMENTO ED USO DI MASCHERINE

rispondi
Luigi
Luigi 04-03-2021 13:14:42

ma se i locali pubblici per le riunioni non vengono concessi ed il condominio non dispone di propri locali idonei che si fa?
a distanza le riunioni non si possono fare perchè non tutti dispongono di iternet, del pc ecc. ma poi che validità hanno se la firma del presidente e del segretario non vengono poste seduta stante? il presidente via video come fa a verificare se le deleghe sono vere oppure no? i dpcm, secondo la giurisprudenza, sono tutti illegittimi anche se poi convertiti in legge dal parlamento. infatti non possono modificare il c.c. che deve seguire tutta una sua procedure stabilita dalla costituzione- allora abroghiamo tutto...........

rispondi
Andrea Luca Cipolat Gotet
Andrea Luca Cipolat Gotet 04-03-2021 14:28:32

Buongiorno, dalla mezzanotte di oggi la Lombardia diventa colore arancione rafforzato.
Il ns amministratore ha convocato per il 5/3 assemblea straordinaria in presenza.
Causa problemi legati al Covid il sindaco ha negato il 3/3 l'uso della sala assembleare e pertanto la riunione è stata annullata e spostata a martedì 9/3 presso il suo studio.
Tutto comunicato via mail, non pec.
Oggi invece, 4 marzo, ha ricambiato idea e la riunione è fissata per il 5/3 presso il suo studio,comunicato sempre per mail.
È normale un comportamento del genere? È impugnabile l'assemblea?

rispondi
Avv. Alessandro Gallucci
Avv. Alessandro Gallucci 04-03-2021 06:54:40

Gentile sig. Rossini, mi spiace non le sia arrivato il senso dell'articolo.
In realtà il dpcm specifica il contrario di quello che dice: riunioni private in presenza possibili, ma fortemente raccomandato svolgerle a distanza.
Non può essere altrimenti, riportiamo il contenuto dell'articolo del dpcm.
Siamo a disposizione per ogni chiarimento in merito.

**Leggi il mio best seller

L'amministratore di condominio:
il controllo del suo operato, tutti gli strumenti a disposizione

rispondi
Luigi
Luigi 04-03-2021 20:42:43

caro avvocato, mi pare che lei tiri l'acqua al suo mulino.
non tutti possono essere al pari di lei, come nessuno è obbligato ad avere un pc.
lei giuridicamente sa benissimo che tutti i dpcm di conte e quelli a venire sono dpcm illegittimi se non illegali.
è lei che m'insegna come devno essere modificati gli articoli del c.c.. o no?

rispondi
Luigi
Luigi 04-03-2021 20:43:46

caro avvocato, mi pare che lei tiri l'acqua al suo mulino.
non tutti possono essere al pari di lei, come nessuno è obbligato ad avere un pc.
lei giuridicamente sa benissimo che tutti i dpcm di conte e quelli a venire sono dpcm illegittimi se non illegali.
è lei che m'insegna come devono essere modificati gli articoli del c.c.. o no?

rispondi
Giovanni Rossini
Giovanni Rossini 05-03-2021 11:06:01

Dissento da Lei, di certo non mi sfugge il senso del decreto. Riunioni sconsigliate, non vietate, a rischio e pericolo dell'amministratore.Da cui: impugnazioni e annullamenti certi, nel migliore dei casi, denunzie nel peggiore se vi fosse contagio. Inoltre nelle zone rosse vi sono da considerare i decreti regionali che vietano tutti gli spostamenti intra comunali non strettamente necessari. Ribadisco il mio commento precedente.

rispondi
Luigi
Luigi 05-03-2021 13:16:10

@Giovanni Rossini: caro mio, lei sa bene che la responsabilità è del presidente dell'assemblea, infatti chi affitta i locali vuole una malleva firmata dal presidente, non dall'amministratore che è un semplice esecutore di ordini, poiché non è il proprietario dell'immobile ecc. ecc.

rispondi
Luigi
Luigi 05-03-2021 13:18:27

@Giovanni Rossini: caro mio, lei sa bene che la responsabilità è del presidente dell'assemblea, infatti chi affitta i locali vuole una malleva firmata dal presidente, non dall'amministratore che è un semplice esecutore di ordini, poiché non è il proprietario dell'immobile ecc. ecc.
ma il c.c. incostituzionalmente modificato dice altra cosa. prima scriveva dell'uananimità ovvero del 100% poi è stato ancora modificato nel 50%. robe da pazzi.... e poi avevamo un opresidente del c. avvocato e per di più docente universitario. cosa insegnava?

rispondi
Elio
Elio 06-03-2021 09:30:32

Continuo a dire che da mesi faccio assemblee in remoto e tutti sono ben contenti di tale gestione, il verbale viene letto integralmente alla fine della riunione, come sempre fatto anche in presenza e lo porto io stesso a firmare dal presidente; le persone più anziane di sono fatte aiutare dai figli, persone anche con problemi di deambulazione che mi hanno ringraziato, io stesso ho specificato che non dovevano ringraziare me ma la grande opportunità che ci è stata data per poter procedere, discutere dell’ordinario e dello straordinario in particolare del 110% in “periodo di guerra” quindi potete pensarla come volete, rimanere dei vostri passi, essere grandi e scaltri giuristi, commentare gli articoli sempre alla stessa maniera, rimarrete sempre in questo obsoleto presente che tanto vi piace, non capisco il perché......
Ringrazio nuovamente condominioweb e l’Avv. Gallucci perché stanno un passo avanti, per fortuna!

rispondi
Luigi Merelli
Luigi Merelli 06-03-2021 14:07:56

Evidentemente lei vive su altro pianeta. Auguri se ne riparla fra 7 o 8 anni o giù di lì.

rispondi
Papi
Papi 20-03-2021 17:36:22

Buonasera, anche ammettendo che le assemblee possano essere svolte in presenza, con i dovuti accorgimenti, quel che non mi è chiaro è dove viene previsto che ci si possa spostare sul territorio che recarcisi, considerato il divieto di circolazione del territorio in zona rossa, se non per motivi di lavoro, salute o urgente necessità. Il nostro amministratore ha convocato un'assemblea ORDINARIA in locale preso in affitto a circa 5 km dall'edificio di nostra residenza: è consentito dalla legge recarsi all'assemblea in questo locale? Potete cortesemente darmi delucidazioni in merito? Grazie

rispondi
Luigi Merelli
Luigi Merelli 20-03-2021 19:55:12

Tutto è possibile se il locale c'è. Ma si è sicuri? L'importante non sia fuori regione. Basta attenersi al dpcm anche se tutti sono incostituzionali come i migliori giuristi sostengono.

rispondi
Anna
Anna 20-03-2021 20:00:34

Ma come tutto è possibile, cioè fare un’assemblea in presenza a 5 km in zona rossa?!?!
Il locale è sanificato?
Chi se la prende la prende la responsabilità.

rispondi
Luigi Merelli
Luigi Merelli 20-03-2021 20:07:41

Basta attenersi al dpcm.
Se richiesta manleva la firma il presidente p.t.
Rendiamoci conto che ci dobbiamo adeguare ad una presa in giro.

rispondi
Anna
Anna 20-03-2021 20:14:19

Quindi si parla di cosa? Di giuristi o di evitare i contagi? Lei sostiene che da marzo 2020 viviamo in un pastrocchio giuridico e quindi lei se ne frega del virus?
In attesa che qualcuno allora sistemi tutto, se lei è del campo, credo sia un amministratore? Come procederebbe? Io sono una semplice condómina che lavora in uno studio legalee quello che lei asserisce e dichiara a mio parere deve essere ben disposto. La salute in secondo piano? Booo

rispondi
Papi
Papi 20-03-2021 20:51:39

Fatico anche io a credere che tutto dia possibile, al di là dell'inopportunità di organizzare un'assemblea in presenza in questo periodo... se mi fermano i Carabinieri cosa gli dico? Che vado ad un'assemblea condominiale? Non mi sembra si tratti di lavoro, né salute, né necessità.

rispondi
Anna
Anna 20-03-2021 21:09:33

La capisco benissimo Papi, perché anche nel mio condominio ove siamo 10 proprietari eravamo perplessi poi abbiamo deciso con l’amministratore di fare l’assemblea on line e la procedura è andata in modo ottimale, tutti presenti anche i più anziani che si sono fatti aiutare dai figli. Nel mio studio ormai da mesi ci rivolgiamo ai Giudici e cancellerie in modalità remoto anche per le nomine dei CTU. Io trovo utilissime le assemblee on line, se pur all’inizio con il mio capo che è un ottimo avvocato trovavamo alcune difficoltà normative in merito, per chi ci chiedeva qualche parere, ora è tutto più che consolidato, bastano 500 millesimi e la maggioranza dei costituenti il condominio. Pensiamo alla salute per favore e non alle interpretazioni giuridiche, altrimenti nei condomini non andiamo più avanti, ma non andiamo più avanti su vari aspetti.

rispondi
Luigi Merelli
Luigi Merelli 20-03-2021 21:29:54

Se voi sapete tutto fate come volete....in attesa di qualche sanatoria.
Io posso solo dire che settimana scorsa ho fatto più di 30 km e cercato di rispettare il.....coprifuoco.

rispondi
Papi
Papi 20-03-2021 22:12:35

@Luigi Merelli: buonasera io non so...è per questo che chiedo. Però non mi pare di ottenere risposte. Se lei volesse indicarmi i riferimenti normativi che autorizzano a spostarsi sul territorio per un'assemblea condominiale in zona rossa le sarei molto grata. Un saluto

rispondi
Anna
Anna 20-03-2021 22:07:55

Ma scusi lei ha fatto 30 km per fare cosa? Lei che lavoro fa? Qui nessuno ha la bacchetta magica e nemmeno lei, quindi può stare sereno che tutto quello che si sta facendo lo si sta compiendo nel migliore dei modi e nella massima legalità e soprattutto nel rispetto della salute delle persone. Prima si pensa a questo aspetto poi credo che ogni soggetto abbia le proprie competenze e in un periodo di emergenza ormai prorogata da mesi si cerca di fare il meglio, non è una questione di sanatorie o altre situazioni giuridiche è una mera questione di principio. Io non farei 5km per un’assemblea condominiale in presenza con la situazione attuale pandemica. Capisci le perplessità delle persone che hanno scritto sopra.

rispondi
Luigi Merelli
Luigi Merelli 20-03-2021 22:23:57

Mi pare si stia parlando di acqua calda......
Ma quando è stata convocata l'assemblea? Se è diventata zona rossa non ci si può spostare se non per...... e poi i locali sono ancora disponibili?

rispondi
Papi
Papi 20-03-2021 22:29:11

@Luigi Merelli: l'assemblea è stata convocata quando si era già in zona rossa. La ringrazio per i suoi commenti, ma io stavo cercando un parere autorevole e suffragato da riferimenti normativi. In assenza di questi elementi, parliamo in effetti di acqua calda. Buona serata.

rispondi
Papi
Papi 20-03-2021 22:33:18

@Luigi Merelli: L'assemblea è stata convocata quando si era già in zona rossa e, a quanto pare, ci sono alberghi che affittano sale. La ringrazio per il suo interessamento, ma io cercavo risposte autorevoli e suffragate da riferimenti normativi concreti. In assenza di questi, mi sembra si stia effettivamente parlando di acqua calda. Grazie ancora e buona serata.

rispondi
Annulla

    in evidenza

Dello stesso argomento