Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
111987 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Distacco dall'impianto di riscaldamento: condizioni, spese di conservazione e consumo involontario. Il Tribunale di Roma prova a fare chiarezza
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Distacco dall'impianto di riscaldamento: condizioni, spese di conservazione e consumo involontario. Il Tribunale di Roma prova a fare chiarezza

L'aggravio da consumo involontario sarà sempre presente perché non esiste impianto termico con rendimento medio stagionale pari al 100%

Avv. Giuseppe Nuzzo  

Il fatto. Un condomino si distacca dall'impianto di riscaldamento centralizzato nel 2013, non essendo tale impianto in grado di scaldare la propria abitazione.

Ciò nonostante, nel 2015 il Condominio lo includeva tra i condomini obbligati al pagamento delle spese ordinarie di gestione e di consumo dell'impianto di riscaldamento centralizzato per gli esercizi dal 2012 al 2014.

Il condominio distaccato impugna la delibera chiedendone l'annullamento, previo accertamento del legittimo esercizio del proprio diritto al distacco.

Il distacco del singolo condomino dall'impianto centralizzato. Le pronunce più significative in materia

Distacco dall'impianto centralizzato. Sono sempre dovute le c.d. spese involontarie?

Il Tribunale di Roma, con la sentenza n. 7568 dell'8 aprile 2019, ha parzialmente accolto la domanda del condomino. Ha infatti accertato la legittimità del distacco, dichiarando però il condomino tenuto a contribuire per intero alle spese di manutenzione straordinaria, conservazione e messa a norma dell'impianto centralizzato e, nella misura dell'1,21%, della spesa di "consumo involontario" di gas metano utilizzato per il riscaldamento.

Quando la rinuncia è legittima? La rinuncia unilaterale al riscaldamento condominiale, mediante il distacco del proprio impianto dalle diramazioni dell'impianto centralizzato, è da ritenersi pienamente legittima, purché il singolo condomino dimostri che, dal suo operato, non derivino né aggravi di spese per coloro che continuano a fruire dell'impianto, né, tanto meno, squilibri termici pregiudizievoli della regolare erogazione del servizio

Quando il condomino che si distacca è tenuto a partecipare alle spese di gestione?

Non sono più dovute le spese d'uso. La Cassazione ha distinto le spese di conservazione dell'impianto in esame e quelle dovute in relazione al suo uso, stabilendo che solo queste ultime non siano dovute se l'impianto non è utilizzato.

La conseguenza di questa differenziazione è che l'art. 1118 c.c., secondo cui il condomino non può rinunciare al diritto sul bene comune per sottrarsi al contributo nelle spese, riguarda soltanto la prima tipologia di spese, quelle relative alla conservazione del bene; le cosiddette spese di esercizio invece, non possono essere imputate ai condomini che non utilizzano il bene comune.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Scarica Tribunale di Roma .n.7568 2019

Cerca: distacco impianto riscaldamento centralizzato

Commenta la notizia, interagisci...
Ferdinando
Ferdinando 16-05-2019 23:30:46

L'esperienza mi dice che chiunque si stacchi, spenga i caloriferi, per ridurre i suoi costi, li fa aumentare agli altri i costi, quel palazzo dopo pochi giorni porterà la temperatura a 18/20° in tutti gli appartamenti, con una leggerissima flessione a chi li avrà tolti.

rispondi
CCJ
CCJ 17-05-2019 11:11:38

1,21% del consumo involontario? Follia. La solita mentalità di cercare sempre un "compresso" a priori e mai il senso di giustizia/coerenza.
Per non parlare del fatto che la ripartizione dei consumi con misurazione indiretta è una truffa legalizzata.

rispondi
CCJ
CCJ 17-05-2019 16:26:14

1,21% del consumo involontario? Follia. La solita mentalità di cercare sempre un "compresso" a priori e mai il senso di giustizia/coerenza.
Per non parlare del fatto che la ripartizione dei consumi con misurazione indiretta è una truffa legalizzata.

rispondi
Annulla

    in evidenza

Dello stesso argomento