Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
106864 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Lettera all'amministratore per infiltrazioni, che cosa c'è da sapere?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Lettera all'amministratore per infiltrazioni, che cosa c'è da sapere?

Danni da infiltrazione: cosa si deve scrivere all'amministratore?

Avv. Alessandro Gallucci  

Che cosa è consigliabile/necessario scrivere in una lettera da inviare all'amministratore di condominio per segnalare la presenza di infiltrazioni?

Al riguardo è bene distinguere due possibili fattispecie:

a) semplice segnalazione di fenomeni infiltrativi riguardanti le parti comuni;

b) segnalazioni di danni provenienti da parti comuni e che si manifestano nell'unità immobiliare dello scrivente.

Più in generale l'amministratore deve essere coinvolto in tutte quelle situazioni in cui le parti comuni sono o potrebbero essere interessate da un fenomeno infiltrativo, sia quale causa dello stesso, sia quale vittima.

Nozione di infiltrazioni

Per completezza è bene ricordare che per infiltrazione s'intende “l'azione, il fatto di infiltrarsi, soprattutto di liquidi, e l'umore stesso infiltratosi in o attraverso un materiale” (Fonte: Dizionario enciclopedico Treccani).

La manifestazione delle infiltrazioni può essere data dal classico gocciolamento o dalla formazione di una chiazza bagnata sul muro interessato o alle volte anche dalla formazione di umidità.

Umidità e muffe possono essere, quindi, conseguenza immediata e diretta di un'infiltrazione proveniente da altro ambiente.

=> Rimedi per la muffa in casa

Segnalazione/contestazione delle infiltrazioni

Si accennava in principio che anche se non si è subito alcun danno è sempre consigliabile segnalare all'amministratore la manifestazione di fenomeni infiltrativi.

Si pensi al caso che gli stessi provengano da parti di proprietà esclusiva e verso parti comuni: in tal caso il condominio avrebbe diritto ad ottenere la cessazione della causa del danno con risarcimento del danno. La segnalazione dev'essere effettuata anche se il danno proviene dalla propria unità immobiliare.

È importante segnalare il fatto anche quando l'infiltrazione proviene e si manifesta nell'ambito delle parti comuni: si pensi alla chiazza bagnata nel vano scale in ragione di fessurazioni sulla facciata, ecc.

L'importanza della segnalazione, in questi casi, sta nel fatto che laddove lo stabile sia ancora in garanzia, eventualmente anche decennale (art. 1669 c.c.), quel fenomeno potrebbe rappresentare un grave difetto risarcibile.

Siccome la valutazione della riconoscibilità del grave difetto, icto oculi o a seguito di accertamenti tecnici, è rimessa al giudice, è bene segnalare subito all'amministratore il fatto per evitare che in giudizio possa eccepirsi la tardività della denuncia al costruttore

In tutti questi casi a parte le comunicazioni telefoniche (così dette per le vie brevi) è bene inviare formale avviso mediante raccomandata con avviso di ricevimento, segnalando il fatto e nel caso di infiltrazioni provenienti dalla propria unità immobiliare comunicando che si è intervenuti/ si sta intervenendo per eliminare la causa del danno rendendosi disponibili al risarcimento del medesimo.

Questo comportamento è di fondamentale importanza, in ipotesi di successivo contenzioso, per consentire al giudice di valutare la correttezza del comportamento anche ai fini della valutazione della condanna alle spese di giudizio.

=> Quando si può dire che una raccomandata è stata ricevuta dal destinatario?

C'è poi l'ipotesi di danno subito dalla propria abitazione e proveniente da parti comuni: anche qui, comunicazioni informali a parte, è bene che il danneggiato scriva all'amministratore fin da quando si è avvenuto del danno per richiedere l'eliminazione della causa e il risarcimento.

Si tratta, quindi, di inviare una così detta lettera di messa in mora (non obbligatoria nei casi di danni derivanti da fatto illecito (art. 1219 c.c.), ma pur sempre consigliabile in ragione della necessità di consentire la valutazione del contegno della controparte prima della richiesta giudiziale.

Non esistono termini di legge che è necessario rispettare per ottenere pagamento e eliminazione del danno, sicché la richiesta può essere formulata anche per averli immediatamente.

Nel caso di incertezza sulla causa del danno (es. derivazione da parti comuni o altra proprietà esclusiva) è bene indirizzare la missiva a tutte le parti potenzialmente interessate, in questo caso formulando prima di ogni cosa la richiesta di valutare in contraddittorio la provenienza del danno e riservandosi ogni utile azione per eliminazione delle cause stesse e risarcimento nell'ipotesi di mancata collaborazione.

=> Danni da infiltrazioni in condominio, sulla causa decide il giudice del luogo in cui si trova l'immobile

=> Infiltrazioni, indifferenza assemblea e dimissioni amministratore

Cerca: lettera danni infiltrazioni

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento