Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
105481 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Risarcire ma non troppo. I limiti della responsabilità da cose in custodia
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Risarcire ma non troppo. I limiti della responsabilità da cose in custodia

Quando la domanda è fondata ma la richiesta è eccessiva, cosa succede?

Avv. Fabrizio Plagenza 

La sentenza in commento è la n. 17421/2019 del 16/09/2019, pubblicata dal Tribunale di Roma, la questione verte attorno ad una perdita d'acqua, lavori su una tubazione condominiale ed i danni causati ad un immobile sito in condominio, condotto in locazione ad uso abitativo.

A citare in giudizio il Condominio romano ed il proprietario dell'immobile danneggiato è il conduttore il quale richiedeva il ristoro dei danni subiti a seguito dell'effettuazione di lavori di risanamento di una tubazione condominiale.

=> Amministratore di condominio e custodia delle cose comuni

I conduttori esponevano che, verificatasi la rottura dell'impianto di riscaldamento condominiale, l'amministratore del Condominio si era prontamente attivato lo stesso giorno incaricando una ditta affinché provvedesse alla riparazione del danno che, a sua volta, aveva causato una perdita d'acqua.

Tuttavia, nell'esecuzione del lavoro, la ditta incaricata dal Condominio tagliava una lastra di parete con emissione di polveri che, successivamente, si appurava tratta vasi di eternit amianto.

Per tale motivo, i conduttori abbandonavano il giorno stesso l'immobile trasferendosi in albergo. Concludevano chiedendo il risarcimento del danno patrimoniale che veniva quantificato in oltre euro 3.000,00 come documentato in atti oltre che euro 10.000,00 per danno morale ed ulteriori euro 10.000,00 per i danni derivanti dall'esposizione per tre giorni alle polveri d'amianto.

Si costituivano i convenuti che, nel rispetto delle proprie difese, contestavano gli addebiti e chiedevano il rigetto delle domande degli attori.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Scarica Tribunale di Roma del 16 maggio 2019 n° 17421

Cerca: danni da cose in custodia

Commenta la notizia, interagisci...
Boschetti Vittorio
Boschetti Vittorio martedì 01 ottobre 2019 alle ore 19:47

Si ha l'impressione molte volte, che .per qualche ammaloramento della facciata e di qualche sottobalcone, abbia il sopravvento il privato interesse di rifare tutta la facciata. Di qui i dubbi ed alcune contestazioni causa talvolta di condomini muti e passivi

    in evidenza

Dello stesso argomento