Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
107228 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Questioni di competenza per valore e impugnativa di una delibera assembleare
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Questioni di competenza per valore e impugnativa di una delibera assembleare

Ai fini della determinazione della competenza per valore, occorre far riferimento soltanto all'entità della spesa specificamente contestata dall'attore

Avv. Maurizio Tarantino 

Anche se il condomino agisce per sentir dichiarare l'inesistenza del suo obbligo di pagamento sull'assunto dell'invalidità della deliberazione dell'assemblea, bisogna fare riferimento all'importo contestato sulla sua singola obbligazione.

=> Il condòmino moroso può efficacemente bloccare l'azione monitoria esercitata dal Condominio?

La vicenda. Il tribunale di Ancona - pronunciandosi sull'impugnativa della delibera assembleare del Condominio -dichiarava l'incompetenza per valore del tribunale adito in favore di quella del giudice di pace e l'infondatezza dell'impugnazione della delibera assembleare.

Avverso tale decisione, la società beta ha proposto regolamento di competenza, sottolineando come la declaratoria di inammissibilità dell'impugnazione della delibera condominiale dovesse ritenersi inutiliter data, provenendo da un giudice che si era spogliato della propria competenza, e sostenendo che il tribunale aveva errato nel rapportare il valore della causa non alla spesa approvata con l'impugnata delibera condominiale, bensì alla quota millesimale di tale spesa gravante sull'attrice; la ricorrente, inoltre, eccepiva anche che per quanto attiene al regolamento delle spese operato dal tribunale, dalla sentenza non era possibile desumere se detto regolamento fosse stato ascrivibile alla declaratoria di incompetenza o alla declaratoria di inammissibilità dell'impugnativa della delibera condominiale.

Il ragionamento della Cassazione . Secondo i giudici di legittimità, il regolamento (pur se ammissibile), era infondato in quanto la statuizione di competenza del giudice di pace adottata dal tribunale risultava conforme al consolidato orientamento secondo il quale, ai fini della determinazione della competenza per valore, in relazione a una controversia avente ad oggetto il riparto di una spesa approvata dall'assemblea di condominio, anche se il condomino agisce per sentir dichiarare l'inesistenza del suo obbligo di pagamento sull'assunto dell'invalidità della deliberazione assembleare, bisogna fare riferimento all'importo contestato, relativamente alla sua singola obbligazione, e non all'intero ammontare risultante dal riparto approvato dall'assemblea di condominio, poiché', in generale, allo scopo dell'individuazione dell'incompetenza, occorre avere riguardo al thema decidendum, invece che al quid disputandum (Cass, 21227/18; Cass. nn. 6363/10, 16898/13, 15814/14, 18283/15, 5014/18).

=> Delibere condominiali, non basta una raccomandata all'amministratore per contestarle

Di conseguenza, priva di pregio, infine, è stata la doglianza avanzata dalla ricorrente in relazione al regolamento delle spese effettuato dal tribunale, avendo quest'ultimo correttamente posto le spese a carico della parte soccombente sulla questione di competenza, ossia sulla questione nella cui decisione si è esaurita la potestas iudicandi del tribunale stesso.

In conclusione, per le suesposte ragioni, il ricorso per regolamento di competenza è stato rigettato.

TABELLA RIEPILOGATIVA

OGGETTO DELLA PRONUNCIA

REGOLAMENTO DI COMPETENZA - IMPUGNATIVA DELIBERA

RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 43 c.p.c.

PROBLEMA

Secondo il giudice adito, la questione esorbitava dalla propria competenza di valore, e ritenendo comunque inammissibile l'impugnativa proposta. Condannava inoltre la parte attrice a rifondere al convenuto Condominio le spese del giudizio. Avverso tale decisione veniva proposto regolamento di competenza.

Si evidenziava, tra l'altro, che la dichiarazione di inammissibilità dell'impugnazione della delibera condominiale fosse inutiliter data in quanto proveniente da un giudice che aveva dichiarato la propria incompetenza a decidere sulla controversi.

LA SOLUZIONE

Secondo la Cassazione, il regolamento pur se ammissibile, tuttavia era infondato in quanto la statuizione di competenza del Giudice di Pace adottata dal Tribunale marchigiano è conforme all'orientamento di legittimità consolidato, secondo il quale ai fini della determinazione della competenza per valore, in relazione a una controversia avente a oggetto il riparto di una spesa approvata dall'assemblea di condominio, anche se il condomino agisce per sentir dichiarare l'inesistenza del suo obbligo di pagamento sull'assunto dell'invalidità della deliberazione assembleare, bisogna fare riferimento all'importo contestato, relativamente alla sua singola obbligazione, e non all'intero ammontare risultante dal riparto approvato dall'assemblea di condominio, poiché, in generale, allo scopo dell'individuazione dell'incompetenza, occorre avere riguardo al thema decidendum, invece che al quid disputandum.

LA MASSIMA

Ai fini della determinazione della competenza per valore, riguardo all'impugnativa di una deliberazione dell'assemblea condominiale, occorre far riferimento soltanto all'entità della spesa specificamente contestata dall'attore Corte di Cassazione, Ord. n. 24748 del 3 ottobre 2019 .

=> Opposizione a decreto ingiuntivo e mancata impugnativa di delibera assembleare: quali conseguenze?

Scarica Corte di Cassazione Ord. n. 24748 del 3 ottobre 2019 .

Cerca: contestazione pagamento oneri condominiali

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento


Sfratto per morosità e prove documentali

Sfratto per morosità e prove documentali. L'art. 658 del codice di procedura civile prevede che il locatore possa intimare al conduttore sfratto per morosità in caso di mancato pagamento dei canoni di locazione