Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
106967 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Bolletta acqua stratosferica. Quando l'amministratore di condominio se ne lava le mani
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Bolletta acqua stratosferica. Quando l'amministratore di condominio se ne lava le mani

Consumi idrici esosi. Ma l'amministratore di condominio deve prontamente darne notizia ai condomini?

Avv. Leonarda Colucci  

Una fattura di circa sessantacinquemila euro per consumi idrici. L'amministratore di condominio può ritenersi ritenersi responsabile per non aver comunicato prontamente ai condomini l'accaduto? Vediamo come risolve la questione il Tribunale di Livorno, con sentenza del 11.1.2018, n. 40

=> Se non paghi le quote condominiali per oltre due annualità, il condominio ti chiude l'acqua

=> Se non c'è buona fede della Società Idrica la bolletta è nulla.

La vicenda. Un condominio cita in giudizio l'amministratore per vederlo condannare, a titolo di responsabilità professionale, ad un danno di oltre ottantanovemila euro. Deduce il condominio che l'amministratore sarebbe responsabile per aver avvisato, con un ritardo di circa due anni dell'esistenza di una fattura, emessa dalla società che eroga l'acqua, dell'importo di circa sessantacinquemila euro attestante i consumi idrici del complesso condominiale a conguaglio per il periodo 2003-2010.

A parere del condominio attore, quindi, l'amministratore era responsabile dei danni patiti per aver informato l'ente di gestione non solo in netto ritardo, ma anche per aver provveduto, senza esserne autorizzato, a riconoscere il debito del condominio sottoscrivendo un'istanza di rateizzazione omettendo, in tal modo, di attivare la procedura di consumo anomalo previsto dalla Carta del servizio idrico integrato.

Secondo il condominio tale omissione avrebbe precluso la possibilità di verificare il corretto funzionamento del contatore comune nonché l'entità della somma contestata per il consumo d'acqua riportato.

Secondo l'attore, quindi, il comportamento omissivo adottato dall'amministratore che ha addirittura suggerito ai condomini di non attivarsi per il pagamento della fattura, ha esposto il condominio alla necessità di intraprendere un'azione cautelare per scongiurare da parte della società la sospensione della fornitura d'acqua.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Sentenza inedita
Scarica Tribunale di Livorno, del 11.1.2018, n. 40

Cerca: bollette acqua

Commenta la notizia, interagisci...
Biagio
Biagio mercoledì 11 aprile 2018 alle ore 09:57

Bravi e intelligenti a quei condomini che controllano, nella realtà queste persone che sono attivi vengono derisi da altri condomini che proprio si dovrebbero vergognare e l'amministratore fa la parte sua godendo dell'indifferenza.Quindi si assiste a un circolo viziato. In assemblea bisogna andare con idee chiare ma soprattutto essere uniti.

    in evidenza

Dello stesso argomento