Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
113128 utenti
Registrati
chiudi
Inviaci un quesito

Conseguenze della mancata approvazione dei bilanci

Cosa succede se l'assemblea non acconsente al preventivo o al consuntivo presentati dall'amministratore?
Avv. Gianfranco Di Rago Avv. Gianfranco Di Rago 

Preventivo e consuntivo sono due documenti contabili la cui redazione è di competenza dell'amministratore e che devono essere approvati dall'assemblea. Essi sono di fondamentale importanza per la gestione del condominio e, per quanto collegati, hanno funzioni diverse.

Il preventivo è lo strumento attraverso il quale l'amministratore chiede ai condomini il versamento in anticipo delle somme occorrenti per la gestione delle parti comuni, ovvero per affrontare le spese di manutenzione ordinaria ed eventualmente straordinaria, nonché per la conduzione dei servizi condominiali.

L'amministratore redige pertanto il documento nel quale indica le somme che ritiene necessarie per portare avanti fattivamente la gestione condominiale e ne chiede l'approvazione all'assemblea.

La cadenza annuale della gestione finanziaria del condominio è prevista direttamente dalla legge (artt. 1135, comma 2, n. 1, c.c. e 66, comma 1, Disp. att. c.c.).

Ai sensi del comma 1, n. 10, dell'art. 1130 c.c. l'amministratore deve poi rendere il conto annuale della propria gestione, convocando a tal fine l'assemblea entro 180 giorni. Anche in questo caso, come previsto dall'art. 1135, comma 1, n. 3, c.c., è l'assemblea a dover provvedere all'approvazione del rendiconto annuale dell'amministratore.

Il rendiconto è sicuramente uno degli obblighi più importanti dell'amministratore nei confronti del condominio, in quanto esso rappresenta lo strumento attraverso il quale viene reso noto ai condomini il modo in cui sono state impiegate le somme che questi hanno messo a sua disposizione per la gestione condominiale.

L'amministratore, ove richiesto dai condomini, deve anche mettere a loro disposizione i documenti relativi agli esborsi sostenuti durante l'anno e indicati nel consuntivo (le c.d. pezze giustificative).

Infatti, come previsto in via generale per il mandato dall'art. 1713 c.c. chi gestisce un bene altrui ha l'obbligo di rendiconto, dovendo rendere al mandante il conto del suo operato e rimettergli tutto ciò che ha ricevuto a causa di esso. L'approvazione del rendiconto da parte del mandante ha quindi la funzione di certificare l'adempimento del mandatario al contratto di mandato e attribuire certezza al saldo contabile, che diviene così oggetto di obbligazione di una parte nei confronti nell'altra, nel senso che dall'approvazione del conto di un'attività di amministrazione possono scaturire obbligazioni di pagamento e/o di consegna di beni acquisiti o strumentali all'amministrazione, a carico e a favore di ognuna delle parti.

La mancata approvazione del consuntivo e/o del preventivo.

In ragione della diversa funzione svolta dai predetti documenti contabili è ovvio che differenti siano anche le conseguenze della loro mancata approvazione da parte dell'assemblea.

Cominciamo per semplicità dall'ipotesi della mancata approvazione assembleare del consuntivo. Occorre a questo proposito specificare che questa circostanza può verificarsi sostanzialmente per due ordini di motivi.

In primo luogo può trattarsi di un semplice incidente di percorso, laddove all'assemblea manchino i numeri per procedere all'approvazione del documento contabile.

Infatti, per quanto per l'approvazione del consuntivo e del preventivo sia sufficiente la maggioranza semplice, quindi il voto favorevole della maggioranza dei presenti all'assemblea che rappresenti almeno 1/3 del valore millesimale dell'edificio, può anche avvenire che alla riunione non sia presente un numero di condomini tale da raggiungere detto quorum.

In questo caso, come detto, si tratta semplicemente di un episodio isolato, che potrà essere agevolmente risolto con la convocazione di una nuova assemblea, nella quale raccogliere il numero di voti necessario per la legittima approvazione del consuntivo.

E infatti evidente che un consuntivo approvato senza la maggioranza prevista dalla legge sarebbe annullabile dai condomini che abbiano votato contro e da quelli assenti nei successivi 30 giorni, decorrenti dall'assemblea per i primi e dal ricevimento del verbale per i secondi.

Maggiormente problematica è invece la seconda ipotesi, ossia quella in cui l'assemblea, pur avendo una maggioranza sufficiente per approvare il consuntivo, bocci il documento predisposto dall'amministratore. In questo caso, infatti, vista la funzione del consuntivo, che è sostanzialmente quella di validare l'attività di gestione svolta dall'amministratore, è evidente come la mancata approvazione di essa renda manifesta la perdita di quel rapporto di fiducia tra compagine condominiale e amministratore, fatto che dovrebbe portare quest'ultimo a rassegnare le dimissioni o che dovrebbe comunque spingere l'assemblea a nominare un nuovo amministratore (anche se in questo caso, come è noto, è necessaria una maggioranza qualificata, ossia la maggioranza dei presenti che rappresenti almeno i 500 millesimi del valore dell'edificio).

In questi casi la mancata approvazione del consuntivo predisposto dall'amministratore sarà difficilmente sanabile con una nuova votazione. Infatti, molto probabilmente, ove l'amministratore restasse in carica e portasse all'esame dell'assemblea lo stesso identico consuntivo, lo stesso sarebbe di nuovo bocciato.

Vi è però anche la possibilità, ove si tratti di contestazioni circoscritte, che l'amministratore faccia ammenda e provveda a presentare a una nuova assemblea il rendiconto corretto, che potrebbe quindi essere approvato.

In caso contrario, ove si provveda alla sostituzione dell'amministratore, generalmente viene dato incarico al nuovo mandatario di verificare la contabilità condominiale e portare all'esame dell'assemblea un nuovo documento contabile, ferme eventuali responsabilità del precedente amministratore.

Ancora più complessa è poi l'ipotesi in cui l'assemblea bocci il preventivo formulato dall'amministratore. Anche in questo caso quest'ultimo potrebbe comunque valutare di accogliere le richieste sottese alla mancata approvazione del documento contabile e presentare in una nuova assemblea un diverso preventivo per ottenerne l'approvazione.

In caso contrario è evidente come la mancanza di un preventivo pregiudichi seriamente la possibilità per l'amministratore di raccogliere i fondi indispensabili per la gestione dei beni e dei servizi comuni. Si potrebbe ricorrere a una soluzione tampone.

La giurisprudenza infatti ammette che l'assemblea, in attesa dell'approvazione del bilancio preventivo, possa autorizzare l'amministratore a richiedere ai condomini dei pagamenti provvisori, con riserva di successivo conguaglio sulla base del bilancio approvato e tenuto conto dei valori millesimali attribuiti a ciascuna proprietà individuale (si veda sul punto Cass. civ., sezione seconda, 27 marzo 2003, n. 4531). Tuttavia occorre uscire velocemente dall'impasse.

Ecco perché, ferma sempre la possibilità per l'amministratore di rinunciare al mandato per giusta causa, l'unico strumento possibile pare essere quello del ricorso dei condomini alla volontaria giurisdizione ai sensi dell'art. 1105, ultimo comma, c.c., per la richiesta al Tribunale di un provvedimento utile e necessario alla prosecuzione della gestione annuale del condominio.

Commenta la notizia, interagisci...
Annulla

  1. in evidenza

Dello stesso argomento