Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
107504 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Posso sapere se gli altri condomini pagano il condominio?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Posso sapere se gli altri condomini pagano il condominio?

Ognuno ha diritto di conoscere la situazione complessiva del condominio

Avv. Alessandro Gallucci  

Nel condominio in cui abito e ci tengo a dire che pago regolarmente le quote, all'improvviso l'impresa che movimenta i bidoni della raccolta differenziata ha smesso di lavorare.

Sono venuto a sapere che il motivo è che ci sono state fatture non pagate per diversi mesi. Allora mi chiedo: o l'amministratore ha fatto qualche cavolata, oppure gli altri condòmini non pagano?

Ho diritto di sapere come stanno le cose?

Posso farlo da solo o devo aspettare l'assemblea?

Da non perdere: Cosa accade se l'amministratore pubblica nella bacheca condominiale i nomi dei condomini morosi?

Versamenti condominiali e privacy

Ogni condòmino, lo dice la legge (o meglio lo si desume dalle norme dettate in materia condominiale), è obbligato a pagare le spese di gestione e conservazione delle parti comuni dell'edificio.

Le spese sono quelle approvate dall'assemblea e/o ordinate dall'amministratore sulla base dei propri poteri.

La periodicità del pagamento dei contributi dovuti al condominio è stabilito dalla delibera di approvazione delle spese. Quelle ordinarie annuali, solitamente, sono versate mensilmente o a scadenza più ampie.

Per quelle straordinarie, dipende dall'entità. Può accadere l'intervento straordinario sia di notevole entità e quindi sia stabilito un pagamento rateale (dei condòmini verso il condominio e di conseguenza di questo verso l'impresa), oppure che l'intervento straordinario non sia così gravoso e di conseguenza il pagamento debba essere assolto in un'unica soluzione.

Come ha più volte specificato il Garante per la protezione dei dati personali, in relazione allo stato dei pagamenti delle quote condominiali tra i condòmini non esistono elementi che possano giustificare rifiuti da parte dell'amministratore di conoscere lo stato dei pagamenti.

=> Privacy nel condominio. I dati dell'anagrafe condominiale possono essere comunicati agli altri condomini?

Ognuno ha diritto di conoscere la situazione complessiva del condominio, essendo questione di suo diretto interesse, senza che possano essere oscurati i nomi degli altri in relazione ai versamenti.

Insomma ogni condòmino sapere se gli altri pagano il condominio. Capiamo in che modo.

Stato dei pagamenti e doveri dell'amministratore di condominio

Il collettore di pagamenti, chiamiamolo così, è l'amministratore di condominio. È nelle sue mani che i condòmini debbono versare le somme richieste. Nelle sue mani è un modo di dire, dato che fino ad € 3.000,00 è consentito il pagamento in contanti, ma per importi superiori è obbligatorio utilizzare strumenti tracciabili di pagamento (es. assegni, bonifico, ecc.).

Ricevuti i pagamenti, l'amministratore ha l'obbligo di far transitare quelle somme sul conto corrente intestato al condominio. Non solo: come specificato dall'art. 1130 n. 7 c.c., l'amministratore deve annotare i pagamenti sul registro di contabilità entro trenta giorni dalla loro effettuazione.

Di tutte queste operazioni i condòmini hanno diritto d'essere informati. In che modo? L'esercizio del diritto può avvenire in diversi modi. Vediamo come.

In primis, come ricorda l'art. 1129, secondo comma, c.c. all'atto della nomina e ad ogni rinnovo, l'amministratore, tra le altre cose, ha l'obbligo di comunicare ai condòmini i giorni e le ore in cui ogni interessato, previa richiesta all'amministratore, può prendere gratuitamente visione e ottenere, previo rimborso della spesa, copia da lui firmata dei registri condominiali, ivi compreso quello di contabilità.

L'ottenimento di questo documento, quindi, è in grado di soddisfare la richiesta del nostro lettore (ossia sapere se gli altri condomini pagano il condominio) senza che si renda necessario attendere lo svolgimento dell'assemblea.

Ogni condòmino può esercitare questa prerogativa, senza che sia necessaria alcuna giustificazione all'amministratore e sempre che non lo faccia per mero disturbo dell'attività del mandatario.

Questo appena indicato non è l'unico modo che consente di sapere se gli altri condomini pagano il condominio.

Altra norma di riferimento è rappresentata dall'art. 1130 n. 9 c.c., a mente del quale l'amministratore è tenuto a fornire al condomino che ne faccia richiesta attestazione relativa allo stato dei pagamenti degli oneri condominiali e delle eventuali liti in corso.

La norma non fa riferimento ai propri pagamenti, sicché in ragione di tutte le considerazioni fin qui svolte, non si sono ragioni per non concludere che ciascun condòmino ha diritto di ottenere tale attestazione sia in relazione alla propria posizione che guardando a quella d'altri.

Chiaramente egli dovrà poi farne uso consono, ossia non divulgando all'esterno del condominio dati che terzi rispetto alla compagine potrebbero non avere diritto di conoscere.

Stato dei pagamenti, ritardi e responsabilità dell'amministratore di condominio

Sapere se gli altri condomini pagano il condominio consente anche di valutare l'operato dell'amministratore.

Un ritardo di uno o più pagamenti può essere fisiologico, ma l'inerzia nell'attivarsi per risolvere il problema no.

Con ciò si vuol dire che l'amministratore che abbia ritardato nel sollecitare il pagamento può essere soggetto ad azione di responsabilità e/o di revoca per gravi irregolarità nella gestione.

Si tratta di valutazioni che vanno fatte caso per caso; sicuramente l'esame complessivo della documentazione condominiale - cui s'è detto il condòmino ha pieno diritto ad accedere - è elemento fondamentale in tal senso.

Cerca: stato pagamenti condomini

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento