Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
106833 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Conguaglio partite pregresse nelle bollette acqua: è illegittimo se commisurato al consumo ora per allora
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Conguaglio partite pregresse nelle bollette acqua: è illegittimo se commisurato al consumo ora per allora

L'AEEGSI nel definire il costo della tariffa del servizio idrico ha la possibilità di applicare un'integrazione tariffaria commisurata a consumi già effettuati

Avv. Rosario Dolce 

Con ricorso ex articolo 140, comma VIII Codice del Consumo, avanti al Tribunale di Nuoro un'Associazione di consumatori ha citato in giudizio l'Ente gestore del Servizio integrato idrico locale nelle ATO della Regione Sardegna, chiedendo di astenersi dal chiedere ai clienti-utenti il pagamento di somme a titolo di "conguaglio partite pregresse 2005-2011".

Al contempo, l'Associazione ha chiesto inibirsi al medesimo ente gestore di interrompere l'erogazione del servizio nei confronti degli utenti-clienti che non abbiano provveduto al pagamento di tale richiesta economica.

=> Attenzione a questa voce in bolletta: «partite pregresse». È illegittima.

Prima di addentrarci nel merito del ricorso occorre fare un passo indietro e verificare le ragioni per cui i gestori del servizio sono soliti applicare dei conguagli per gli esercizi precedenti.

=> Aumento in bolletta "acqua"? utente rimborsato!

La legittimazione dei conguagli in bolletta. La previsione del conguaglio relativo a periodi precedenti al trasferimento all'Autorità competenti del servizio integrato idrico è stata fondata dall'AEEGSI (acronimo che sta per:Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) sulla previsione dell'art. 154, comma 1, D.

Lgvo 152/2006 (Codice dell'Ambiente), ai sensi del quale "la tariffa costituisce il corrispettivo del servizio idrico integrato ed è determinata tenendo conto della qualità della risorsa idrica e del servizio fornito, delle opere e degli adeguamenti necessari, dell'entità dei costi di gestione delle opere, e dei costi di gestione delle aree di salvaguardia, nonché di una quota parte dei costi di funzionamento dell'ente di governo dell'ambito, in modo che sia assicurata la copertura integrale dei costi di investimento e di esercizio secondo il principio del recupero dei costi e secondo il principio «chi inquina paga». Tutte le quote della tariffa del servizio idrico integrato hanno natura di corrispettivo".

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Sentenza inedita
Scarica Tribunale di Nuoro, Ordinanza del 19/06/2018

Cerca: conguaglio partite pregresse bollette acqua

Commenta la notizia, interagisci...
Cristina Ciccarelli
Cristina Ciccarelli lunedì 25 giugno 2018 alle ore 20:49

Espongo il mio caso:nel territorio comunale dove ho alloggio gratuito dal 1999 -in un condominio- il servizio idrico è gestito in toto da una ex municipalizzata diventata s.p.a.e cito l'acronimo -per trasparenza- A.S.SE.M.SPA SAN SEVERINO MARCHE (elettricità, illuminazione pubblica, lampade votive, acquedotto, depurazione e gas)-provincia di macerata. Dopo aver riscontrato diverse irregolarità -anche sul loro sito web- ed aver ricevuto risposte parziali e silenzio ho ritenuto opportuno interessare l'ATO di competenza cioè il maceratese che si è dimostrata sin da subito disponibile a fornire chiarimenti sulla situazione emersa verso la quale ho chiesto un rimborso totale degli addebiti che mi hanno fatto perché hanno assunto nei miei confronti degli atteggiamenti molto gravi arrivando persino a molestare sulla telefonia dei miei genitori ed alla mia residenza. Una s.p.a. competente si comporta con serietà e precisione fornendo informazioni e dati corretti.

    in evidenza

Dello stesso argomento