Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
105360 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Legittima la delibera che riduce il canone di affitto anche se l'amministratore è proprietario della quota maggiore del fabbricato e gestisce l'impresa beneficiaria
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Legittima la delibera che riduce il canone di affitto anche se l'amministratore è proprietario della quota maggiore del fabbricato e gestisce l'impresa beneficiaria

Conflitto di interesse: occorre fornire la prova specifica

Avv. Giuseppe Nuzzo 

Il caso. I titolari di quote indivise di proprietà di un fabbricato adibito ad albergo, impugnavano la delibera dell'assemblea dei comproprietari con la quale, a maggioranza, era stato deciso di ridurre per tre anni il canone di affitto alla società alberghiera affittuaria dell'immobile.

Secondo gli istanti, la delibera era nulla in quanto il contratto di affitto era stato precedentemente stipulato dalla totalità dei comproprietari e, dunque, anche eventuali modifiche contrattuali potevano avvenire solo all'unanimità.

Inoltre, facevano presente che l'amministratore del condominio era proprietario della quota maggiore dello stabile nonché gestore dell'impresa affittuaria.

Per questo motivo, lamentavano l'invalidità della delibera perché in conflitto di interessi.

Il Tribunale di Roma, sentenza n. 4461 del 27 febbraio 2019, respinto il primo motivo di ricorso in quanto palesemente infondato, si è soffermato sul tema del conflitto d'interesse.

=> Limiti e diritti del condòmino in conflitto di interesse

Che cos'è il conflitto d'interesse. Per far valere efficacemente tale vizio, il soggetto interessato deve dimostrare che il voto impugnato sia stato determinante e che, soprattutto, chi lo ha espresso «non soltanto si trovasse astrattamente in una situazione d'incompatibilità, ma, altresì, abbia concretamente perseguito un interesse contrastante con quello collettivo ovvero che la delibera impugnata sia affetta da "abuso" o "eccesso di potere", per non trovare "alcuna giustificazione nell'interesse" della comunione o del condominio ad essere, invece, il voto dei comunisti o condòmini di maggioranza "ispirato al perseguimento … di un interesse personale antitetico" rispetto a quello della collettività ovvero "il risultato di un'intenzionale attività fraudolenta" della maggioranza medesima, intesa " a provocare la lesione dei diritti di partecipazione e degli altri diritti patrimoniali spettanti" ai comunisti o condòmini di minoranza "uti singoli"».

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Cerca: conflitto interesse amministratore

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento