Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
116766 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Al locatore che rifiuta la restituzione dell'immobile danneggiato spettano i pagamenti dei canoni fino a quando non ottiene le somme di denaro necessarie.
Inviaci un quesito

Al locatore che rifiuta la restituzione dell'immobile danneggiato spettano i pagamenti dei canoni fino a quando non ottiene le somme di denaro necessarie.

Il conduttore che danneggia gravemente l'immobile è tenuto a pagare i canoni di locazione fino a quando non provvede al risarcimento

 

Nel caso in cui il conduttore abbia arrecato all'immobile gravi danni o effettuato non consentite innovazioni di tale rilievo che, nell'economia del contratto, sia necessario l'esborso di notevoli somme per eseguire le opere di ripristino, il rifiuto del locatore di ricevere la restituzione è in via di principio legittimo fino a quando quelle somme non siano state corrisposte dal conduttore; la legittimità del rifiuto del locatore comporta, in applicazione dell'art. 1220 c.c., che fino ad allora persisterà la mora del conduttore, dunque tenuto anche al pagamento del canone ex art. 1591 c.c., quand'anche abbia smesso di usare l'immobile secondo la destinazione convenuta.

Va soggiunto che l'applicazione del suddetto principio non può ritenersi incondizionata ed automatica. Non potrà ad esempio comportare la paradossale conseguenza che, in caso di oggettiva difficoltà economica del conduttore a provvedere alle necessarie opere, egli possa essere tenuto a pagare il canone indefinitamente, sol che il locatore continui a rifiutare la restituzione.

Potrà altresì tenersi conto della situazione economica del locatore, in ipotesi in grado di affrontare senza particolari difficoltà le spese di ripristino, e per tale via escludersi che il rifiuto di ricevere la restituzione sia legittimo, con conseguente esclusione della mora debendi del conduttore.

Nella specie, avendo la Corte d'appello ritenuto che gli interni degli edifici fossero stati gravemente danneggiati sia per l'incuria della conduttrice che per atti vandalici (pagina 13 della sentenza), in applicazione dei suddetti principi il rifiuto dei locatori di ricevere l'offerta informale, non essendosi pacificamente perfezionata quella formale, fu legittimo, con la conseguente persistenza della mora debendi (ex art. 1220 c.c., ultimo inciso) del conduttore debitore della restituzione, pertanto tenuto al pagamento dei canoni fino al momento in cui gli fu erogato quanto dovutogli a titolo di risarcimento; il che avvenne a seguito di sentenza del Tribunale di Napoli n. 5039/2001, emessa in altro giudizio.

Cerca: conduttore restituzione locatore

Commenta la notizia, interagisci...
Massimo
Massimo 27-10-2016 21:20:02

Basta il riconoscimento di un singolo condomino per interrompere la prescizione di una servitu' di passaggio a favore di un fondo contiguo al corte condominiale?

rispondi
Annulla

    in evidenza

Dello stesso argomento