Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
109182 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Caduta in prossimità di una grata sporgente su uno spazio condominiale, il condominio non risarcisce se il danneggiato non prova il nesso causale
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Caduta in prossimità di una grata sporgente su uno spazio condominiale, il condominio non risarcisce se il danneggiato non prova il nesso causale

Nesso causale e responsabilità della cosa in custodia. Quando il condominio risarcisce

 

in tema di responsabilità civile per i danni cagionati da cose in custodia, la fattispecie di cui all'art. 2051 cod. civ. individua un'ipotesi di responsabilità oggettiva, essendo sufficiente per l'applicazione della stessa la sussistenza del rapporto di custodia tra il responsabile e la cosa che ha dato luogo all'evento lesivo.

Pertanto non assume rilievo in sé la violazione dell'obbligo di custodire la cosa da parte del custode, la cui responsabilità è esclusa solo dal caso fortuito, fattore che attiene non ad un comportamento del responsabile, ma al profilo causale dell'evento, riconducibile in tal caso non alla cosa che ne è fonte immediata ma ad un elemento esterno.

Ne consegue l'inversione dell'onere della prova in ordine al nesso causale, incombendo comunque sull'attore la prova del nesso eziologico tra la cosa e l'evento lesivo e sul convenuto la prova del caso fortuito.

Sia l'accertamento in ordine alla sussistenza della responsabilità oggettiva che quello in ordine all'intervento del caso fortuito che lo esclude involgono valutazioni riservate al giudice del merito, il cui apprezzamento è insindacabile in sede di legittimità se sorretto da motivazione congrua ed immune da vizi logici e giuridici .

L'attore che agisce per il riconoscimento del danno ha, quindi, l'onere di provare l'esistenza del rapporto eziologico tra la cosa e l'evento lesivo, mentre il custode convenuto, per liberarsi dalla sua responsabilità, deve provare l'esistenza di un fattore estraneo alla sua sfera soggettiva, idoneo ad interrompere quel nesso causale secondo cui la norma dell'art. 2051 cod. civ., che stabilisce il principio della responsabilità per le cose in custodia, non dispensa il danneggiato dall'onere di provare il nesso causale tra queste ultime e il danno, ossia di dimostrare che l'evento si è prodotto come conseguenza normale della particolare condizione, potenzialmente lesiva, posseduta dalla cosa.

Nella specie, è stata confermata la sentenza impugnata che aveva respinto la domanda risarcitoria della dante causa degli odierni ricorrenti, ritenendo che la predetta era stata trovata a terra in prossimità di una grata non perfettamente livellata, il che non consentiva di presumere in via esclusiva il rapporto eziologico affermato dai ricorrenti, tanto più in considerazione delle obiettiva condizioni dei luoghi, evidenzianti in prossimità della grata altri "ostacoli" parimenti idonei a costituire possibile causa di inciampo; pertanto, correttamente il Tribunale aveva escluso la responsabilità del Condominio ex art. 2051 c.c., incombendo allo stesso la prova liberatoria del caso fortuito solo una volta assolto dalla danneggiata l'onere di dimostrare che la caduta era conseguenza della potenzialità lesiva della grata (rivelatasi sporgente di uno o due centimetri, ma perfettamente visibile) non perfettamente livellata al terreno, tale essendo il fatto costitutivo della domanda.

Cerca: causale nesso grata

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento