Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
108363 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Due villette a schiera possono essere un condominio
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Due villette a schiera possono essere un condominio

Villette a schiera e norme condominiali

Avv. Alessandro Gallucci 

In tema di immobili soggetti alla disciplina del condominio, ai fini dell'applicabilità di tali norme non conta il numero delle abitazioni che lo compongono, ma la loro strutturazione.

Ne discende che ove l'edificio abbia parti e/o impianti funzionalmente destinati all'uso comune, si versi nell'ipotesi di condominio e non di comunione semplice, le cui norme necessitano di altri presupposti.

Ciò, tanto nel caso di edificio che si estende in verticale, quanto di struttura unitaria che si sviluppa in orizzontale.

È questa, in somma sintesi, la conclusione cui è giunta la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 27360 depositata in cancelleria il 29 dicembre 2016. Un pronunciamento in linea con i precedenti arresti del Supremo consesso, coerenti con quanto affermato in via di principio con la nota sentenza n. 2046 resa dalle Sezioni Unite nel 2006.

Il caso: i proprietari di una villetta iniziavano una causa contro la loro vicina per ottenere la condanna al pagamento di somme sborsate per l'esecuzione di lavori sul muro divisorio delle villette.

La sentenza di primo grado rigettò le loro richieste, che furono accolte a seguito di appello dalla Corte competente. Da qui il ricorso in Cassazione che si è concluso con una sentenza di rinvio al medesimo giudice del gravame. Vediamo perché.

=> Proprietari di villette a schiera e contestazione delle spese perchè si ritengono esclusi dal condominio

La sentenza della Corte d'appello, cassata dagli ermellini, aveva disposto la condanna dell'originaria convenuta facendo applicazione delle norme dettate in materia di comunione. A dire dei giudici di secondo grado, infatti, le due villette a schiera erano soggette a tale disciplina.

Non s'è mostrata di questo parere la ricorrente, le cui doglianze lamentavano falsa applicazione di legge, dovendosi secondo essa applicarsi le norme dettate in materia di condominio, sono state accolte.

I giudici di legittimità, infatti, hanno stabilito che secondo la documentazione processuale era indubitabile che le due villette avessero in comune il muro tramezzo, costituito da un unico manufatto, il cui scopo era quello di separare le due unità immobiliari, site in un unico corpo di fabbrica.

Tale conformazione dell'edificio, hanno chiarito gli ermellini, fa sì che il suddetto muro – che era unico dalle fondamenta al tetto – fosse funzionalmente destinato al godimento delle unità immobiliari di proprietà esclusiva e non esso stesso oggetto diretto di comproprietà.

La destinazione funzionale di una parte dell'edificio o di un suo impianto, hanno affermato i giudici di piazza Cavour richiamando molteplici loro precedenti, è l'elemento discretivo imprescindibile per valutare a quali norme siano soggetti i beni oggetti di comproprietà.

Da qui il rinvio della causa al giudice di appello, che quindi dovrà valutare se la spesa sostenuta dagli originari attori, che domandavano la condanna al risarcimento pro quota, fosse urgente e come tale soggetta alla disciplina delle spese di cui all'art. 1134 c.c. oppure necessitasse di una deliberazione, come qualunque spese riguardante la manutenzione delle parti comuni.

La Corte, inoltre, ha ribadito che lo sviluppo in orizzontale del condominio non impedisce l'applicazione delle norme condominiali.

Tale precisazione, in seguito alla novella legislativa apportata dalla legge n. 220 del 2012, deve ritenersi comunque superata, dato che l'art. 1117 c.c. attualmente in vigore fa riferimento a parti e impianti comuni a più unità immobiliari e non alle medesime cose in comune a piani o porzioni di piano (locuzione che sembrava restringere l'applicazione delle norme condominiali ai soli edifici che si sviluppavano in senso verticale).

=> Rifacimento facciate villette a schiera, pagano tutti i proprietari

Scarica Cass. 29 dicembre 2016 n. 27360

Cerca: villette a schiera

Commenta la notizia, interagisci...
Michele
Michele giovedì 21 novembre 2019 alle ore 17:59

Buongiorno,siamo un condominio orizzontale formato da 8 proprietari, nella lettura della sentenza non capisco se il quisito che le propongo lo chiarisce: abbiamo i tramezzi che ci collegano dalla prima villetta fino all'ottava, mentre per 3 metri i muri di ogni villetta entra ed esce il problema maggiore e venuto fuori nell'imbiancare, abbiamo i terrazzi che per 2 metri rimangono le facciate collegate solo da un lato al muro dell'altro proprietario lui non usufruisce perchè rimane sul mio balcone,i balconi proseguono di 1metro e 50 centimetri a sbalzo, a chi aspetta imbiancare i muri dei terrazzi che ognuno di noi gode? e per i balconi che proseguono a chi aspetta? Alcuni di noi hanno avuto buon senso i muri dei terrazzi che ognuno di noi godono si e imbiancato il proprio colore mentre i balconi no e fanno la differenza della proprietà perchè proseguono.

    in evidenza

Dello stesso argomento