Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
106775 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Condominio, tutela in caso di morosità
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Condominio, tutela in caso di morosità

Condominio e tutele in caso di morosità

 

Quando un condomino risulta moroso per un periodo superiore a sei mesi e il regolamento condominiale lo prevede specificamente, può essere vietato allo stesso: “l’utilizzazione dei servizi comuni che sono suscettibili di godimento separato” , così come previsto dall’art. 63 delle disposizioni di attuazione del codice civile.

Una maggiore tutela per i condomini creditori sarebbe quella di poter costituire, attraverso delibera assembleare, un fondo cassa provvisorio, a cui dovrebbero partecipare tutti i condomini per pagare le quote dei morosi, fatto salvo il loro diritto di rimborso.

Nel caso in cui, invece, l’appartamento del moroso sia venduto, ai sensi dell’art. 63 delle disposizioni di attuazione del codice civile, il nuovo acquirente risulta essere obbligato, in solido, al precedente proprietario a corrispondere le somme dovute per ricoprire tutti i debiti condominiali per l’anno solare in corso e per quello precedente, secondo il bilancio condominiale che va da luglio a giugno dell’anno successivo.

Al nuovo acquirente, pertanto, non spetta altro che rivalersi nei confronti del venditore per le somme anticipate.

Ciò non avviene nel caso in cui il nuovo proprietario, abbia acquistato l’appartamento a seguito di asta fallimentare.

E ciò perché, le aste immobiliari hanno durata superiore di due anni e il nuovo acquirente dovrebbe essere obbligato a pagare i debiti limitatamente all’anno di acquisto e a quello precedente.

Alla luce di quanto detto, pertanto, nel caso in cui il condomino risulta essere moroso a causa di fallimento, percepire le somme dovute per il condominio potrebbe risultare difficoltoso.

In questo caso, il condominio potrebbe chiedere le somme dovute al curatore fallimentare sempre che il giudice delegato non abbia concesso al condomino fallito, per se e per la sua famiglia, un sussidio a titolo di alimenti, nel qual caso lo stesso sarebbe esonerato dal pagamento delle quote condominiali dovute.

Cerca: morosità tutela somme

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento