Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
110381 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
L'edificio a monte risarcisce il condominio a valle quando l'acqua piovana non è regimentata
Problema condominiale? Inviaci un quesito

L'edificio a monte risarcisce il condominio a valle quando l'acqua piovana non è regimentata

Acqua piovana non regimentata. Ecco quanto il condominio deve risarcire i danni

Avv. Maurizio Tarantino  

La scarsa manutenzione e il mancato taglio della vegetazione spontanea configurano una condotta omissiva a carico del proprietario che integra il nesso causale con la lesione patita dal confinante.

“I proprietari dell'immobile sul fondo superiore risarciscono quelli dell'immobile sul fondo inferiore, per i danni causati dallo scolo dell'acqua pluviale alterato dalla mancata manutenzione e il taglio di piante spontanee.

Il legame eziologico tra la condotta, commissiva od omissiva, del soggetto agente e l'evento di danno, rappresenta la condizione imprescindibile per l'attribuibilità del fatto illecito e, conseguentemente, del danno al danneggiante”. Questo è il principio di diritto espresso dal Tribunale di Pescara con la sentenza del 14 giugno 2016 in merito al risarcimento danni da acqua piovana.

Danni al garage provocati dalla cattiva manutenzione dell'impianto fognario. Chi paga?

I fatti di causa. Tizio proprietario di una unità immobiliare, ubicata nel condominio (A), posta a confine con altro ente condominiale (B) ove erano ubicate altre unità immobiliari, adiva la giustizia al fine della condanna dei suddetti resistenti al risarcimento dei danni per le infiltrazioni di acqua, che dalla proprietà di questi ultimi si riversava su quella del ricorrente.

A tal proposito, il ricorrente adiva il Tribunale Civile di Pescara, mediante procedimento per accertamento tecnico preventivo, al fine di verificare la responsabilità ed i danneggiamenti provocati dal riversarsi di acqua piovana, non regimentata, proveniente dall'immobile condominiale dei resistenti, come subiti dalla pavimentazione dell'area comune dell'immobile condominiale dei suddetti, con precipua individuazione dei costi di ripristino.

All'uopo, il giudice procedente nominava il CTU; quest'ultimo, dopo precipuo sopralluogo, accertava che i dedotti danni erano da imputarsi al riversarsi di acqua piovana, non regimentata, proveniente dalla proprietà resistente e defluente nella proprietà comune dei ricorrenti, individuando, poi, le opere necessarie per l'eliminazione degli stessi ed il relativo costo, indicato in Euro 11.000,00.

Lo scolo delle acque. L'art. 913 c.c. prevede che “Il fondo inferiore è soggetto a ricevere le acque che dal fondo più elevato scolano naturalmente, senza che sia intervenuta l'opera dell'uomo.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Scarica Tribunale di Pescara del 14 giugno 2016

Cerca: condominio e risarcimento danni

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento