Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
104919 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Quando il condòmino moroso non può chiedere la compensazione del suo credito
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Quando il condòmino moroso non può chiedere la compensazione del suo credito

Compensazione legale e giudiziale: quanto si può chiedere?

Avv. Giuseppe Nuzzo 

Il fatto. Una Fondazione si opponeva al decreto ingiuntivo con il quale le era stato ingiunto di pagare circa 9.500 euro a favore del Condominio per oneri condominiali non corrisposti.

Pur non contestando l'esistenza del debito - se non per una minima parte - la Fondazione sosteneva di essere stata unica proprietaria dello stabile condominiale fino a quanto, nell'ambito della dismissione del proprio patrimonio immobiliare, aveva alienato la maggior parte dei lotti.Nonostante la stipula del contratto di compravendita, la Fondazione aveva continuato a sostenere, nell'interesse dell'ormai costituito Condominio, spese per complessivi 16.600 euro circa, sebbene gli atti di acquisto stipulati prevedessero espressamente che, dalla data di trasferimento delle unità immobiliari, tutti gli oneri fossero a carico dei condomini e del Condominio.

=> Compensazione dei crediti condominiali. Alcune precisazioni

Al netto delle quote condominiali di propria spettanza, dunque, la Fondazione dichiarava di vantare un credito nei confronti del condominio di circa 9.700 euro. Chiedeva pertanto la parziale compensazione tra il proprio credito e quello del Condominio.

Compensazione legale e giudiziale, quanto si può chiedere? L'art. 1243, primo comma, del codice civile prescrive i requisiti per la compensazione legale, cioè quella che scatta ex legge senza che sia necessario l'intervento del giudice.

Tali requisiti sono: l'omogeneità dei debiti, la liquidità, l'esigibilità e lacertezza.Gli stessi requisiti devono sussistere necessariamente anche la compensazione giudiziale.Il secondo comma dell'art.1243 del codice civile, infatti, si limita a consentire al giudice del credito principale diliquidare il controcredito opposto in compensazione soltanto se il suo ammontare è facilmente e prontamente liquidabile in base al titolo.

Niente compensazione se il controcredito è controverso. Affinché il giudice possa esercitare questo potere discrezionale e dichiarare la compensazione giudiziale, dunque, il controcredito deve essere certo nella sua esistenza, e cioè non controverso dell'an.Se il controcredito è contestato, allora non è certo, e quindi non èidoneo ad operare come compensativo sul piano sostanziale, e l'eccezione di compensazione va respinta (Cass. 10352/1993).

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Cerca: compensazione crediti

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento


La compensazione dei crediti in condominio

La compensazione dei crediti in condominio. Quando è possibile operare la compensazione tra crediti in ambito condominiale?La questione è stata oggetto di una discussione nel nostro forum. In sostanza