Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
105434 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Come conoscere il nome dell'amministratore di condominio?
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Come conoscere il nome dell'amministratore di condominio?

Conoscere il nome dell'amministratore di condominio non sempre è così facile

Avv. Alessandro Gallucci  

In che modo per chi non è partecipante al condominio è possibile conoscere il nome dell'amministratore con il quale corrispondere?

La soluzione non è affatto semplice come il quesito: tutt'altro, conoscere il nome dell'amministratore di condominio non sempre è così facile, o quanto meno avere certezza ufficiale della persona investita dell'incarico non è cosa semplice.

Vediamo perché.

Partiamo dal dato certo: non esiste un'anagrafe pubblica dei condominii e delle relative persone che lo rappresentano.

Se voglio sapere dove abita Tizio, perché ho necessità di comunicare con lui possono recarmi all'ufficio di anagrafe del comune e chiedere un certificato: se questo non risulta aggiornato posso addirittura sollecitare l'attivazione di un procedimento amministrativo di aggiornamento.

Se voglio sapere chi è l'amministratore del condominio Alfa dove abita Tizio…devo andare davanti al portone d'ingresso del condominio Alfa.

Motivo: ai sensi dell'art. 1129, quinto comma, c.c.:

Sul luogo di accesso al condominio o di maggior uso comune, accessibile anche ai terzi, è affissa l'indicazione delle generalità, del domicilio e dei recapiti, anche telefonici, dell'amministratore.

Si tratta della così detta targa dell'amministratore. Il problema è che all'inadempimento di quanto prescritto da questa norma non è ricollegata alcuna sanzione, ergo: da quando la norma è entrata in vigore non si contano le segnalazioni di inadempimento.

=> Breve focus sulla targa condominiale

Maggiore fortuna si ha in quei comuni (si pensi dalla Città di Milano, ma non è la sola) nei quali sono ordinanze comunali a prevedere tale obbligo e sanzionarne l'inadempimento.

Lo stesso discorso deve farsi per il condominio che non ha un vero e proprio amministratore ma un così detto facente funzione.

Il sesto comma dell'art. 1129 specifica che "in mancanza dell'amministratore, sul luogo di accesso al condominio o di maggior uso comune, accessibile anche ai terzi, è affissa l'indicazione delle generalità e dei recapiti, anche telefonici, della persona che svolge funzioni analoghe a quelle dell'amministratore".

Qualcuno potrebbe pensare: in mancanza di queste targhe conoscendo il codice fiscale del condominio ci si può rivolgere all'Agenzia delle entrate. A livello telematico l'ente consente di verificare solamente l'esistenza del codice fiscale (=> https://goo.gl/2dOWsc) e non anche la persona cui è associato.

Da quanto ci risulta gli uffici non sono obbligati a fornire questa informazione, che, comunque, non fornisce garanzia assoluta di attualità, posto che il cambio di intestazione del codice fiscale è onere dell'amministratore subentrante.

Ed allora? In mancanza di targa identificativa (che per le medesime ragioni appena esposte non dà alcuna certezza, in fondo l'amministratore potrebbe essere stato revocato e la targa lasciata lì per dimenticanza), come fare a sapere chi è l'amministratore di condominio?

Semplice (si fa per dire): basta recarsi presso l'edificio ed iniziare a suonare ai citofoni chiedendo informazioni. La signora Maria ed il signor Mario di turno, alle volte, sono più informati degli uffici preposti (che in questo caso non esistono).

È evidente che l'importanza dell'informazione in esame sia fin troppo sottovalutata e sarebbe auspicabile un più incisivo quadro normativo che consenta di tenere costantemente aggiornata l'anagrafe dei legali rappresentanti dei condominii.

=> Ancora sugli obblighi dell'amministratore: la polizza assicurativa professionale e la targa di reperibilità.

Cerca: nome amministratore

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento