Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
107990 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Trasloco: adempimenti da eseguire nel momento in cui ci si trasferisce da una casa ad un altra
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Trasloco: adempimenti da eseguire nel momento in cui ci si trasferisce da una casa ad un altra

Chi avvisare dopo il trasloco

 

Al fine di non incorrere in spiacevoli problemi di natura legale e/o logistica, ci sono degli adempimenti da eseguire, nel momento in cui ci si trasferisce da una casa ad un altra.

E’ necessario porsi delle priorità, prima di tutto occorre comunicare il nuovo indirizzo, tramite una raccomandata con ricevuta di ritorno, all’anagrafe tributaria della città della vecchia residenza. L’operazione è semplice in quanto basta compilare uno specifico modulo ed allegare la copia di un documento; il nuovo domicilio fiscale sarà operativo dopo 60 giorni dalla ricevuta di ritorno.

Un’altra comunicazione importante è quella che deve essere rivolta all’Azienda Sanitaria Locale, per procedere al cambio del medico di famiglia; la procedura si completa presentandosi all’ufficio con libretto sanitario e certificato di residenza.

Ci sono, invece, adempimenti in negativo, nel senso che non si deve fare nulla. Alcuni documenti, infatti, vengono modificati automaticamente dopo aver effettuato il cambio di residenza all’anagrafe.

Alcuni esempi : porto d´armi, passaporto, libretto di lavoro, ICI, Ufficio Elettorale, carta d´Identità.

Presso il comune della nuova residenza bisogna comunicare, altresì, che si abita un alloggio, specificare la quadratura ed il numero dei componenti della famiglia, ai fini del pagamento della Tarsu.

Un servizio utile è poi quello fornito dalle poste italiane, che semplicemente presentando un documento o il certificato di residenza nuovo, si compila un modulo e questa provvederà a dirottare automaticamente la posta in arrivo al nuovo indirizzo; si tratta del servizio SEGUIMI e può durare 3,6,12 mesi.

Per quanto attiene le utenze, ad esempio quella dell’acqua, non bisogna fare nulla se si và a vivere in un condominio, solitamente sono intestati al condominio; se invece si và ad abitare in un immobile unifamiliare, ricordarsi di effettuare la voltura, a proprio nome, e di disdire l’utenza, a proprio nome, nella vecchia abitazione.

Per quanto attiene il telefono si riesce entro una settimana ad avere il trasloco soprattutto quando non si cambia il prefisso, semplicemente chiamando la compagnia telefonica.

Luce e gas bisogna solo disdire avendo l’accortezza di comunicare la lettura precisa dei consumi.

Cerca: adempimenti residenza trasloco

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento