Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
107504 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Secchiate d'acqua, carta e mozziconi di sigaretta sul balcone. Scatta il reato di getto di cose pericolose
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Secchiate d'acqua, carta e mozziconi di sigaretta sul balcone. Scatta il reato di getto di cose pericolose

Lancia, per puro dispetto, oggetti sul balcone della famiglia che vive al piano di sotto.

Redazione Condominioweb  

Siamo in un piccolo paesino in provincia di Pescara. Un uomo, poco più di venti anni, decide di lanciare per puro dispetto secchi d'acqua, carta straccia e mozziconi di sigaretta sul balcone sottostante.

Questo tipo di comportamento, si protrae per più tempo, per tali ragioni sia il Tribunale che la Corte di Cassazione, non hanno dubbi nel ritenere che tali comportamenti, a dir poco incivili, rientrano nella fattispecie giuridica di molestie che fanno scattare, inevitabile, la condanna per «getto pericoloso di cose» (Corte di Cassazione, sez. penale, sentenza n. 9474/2018).

Andando più nello specifico delle sentenza, la Corte precisa che: "ai fini della configurabilità del reato di "getto pericoloso di cose" non si richiede che la condotta contestata abbia cagionato un effettivo nocumento, essendo sufficiente che essa sia idonea ad offendere, imbrattare o molestare le persone".

E in questo caso, il luogo preso di mira è il balcone che, per sua natura, può ritenersi un luogo abitualmente frequentato dalle persone che abitavano l'appartamento.

Un caso analogo si verificò nel 2013, quando una condomina venne ugualmente condannata per aver gettato dei mozziconi di sigarette, cenere e detersivi nel balcone dell'appartamento sottostante.

Anche in questo caso la Corte di Cassazione (sez. penale, sentenza n. 16459/2013) ha applicato l'art. 674 del codice penale.

Dello stesso avviso la sentenza della Cassazione Penale, emessa in data 23 giugno 2009 n° 26145, che aveva stabilito che è reato gettare nel cortile oggetti acqua sporca e rifiuti.

In conclusione, assolutamente indecorosa e passibile di condanna risulta la condotta di chi utilizza, in ambito condominiale, il piano inferiore come "immondezzaio".

Sbattitura di tappeti, panni gocciolanti, lancio di oggetti pericolosi, acqua sporca e rifiuti

Tutti i rimedi per tutelarti.

Scarica Corte di Cassazione, sez. III Penale, 2 marzo 2018, n. 9474

Cerca: balcone getto sigarette acqua

Commenta la notizia, interagisci...
Cristina Ciccarelli
Cristina Ciccarelli venerdì 03 agosto 2018 alle ore 21:47

Bell'articolo, provo a fare sintesi di comportamenti molesti che ho visto nei miei confronti e nei confronti della cagna che vive con me dal 2014 in un piccolo comune dell'alto maceratese cod I156. Da circa 3 anni in seguito a mie denunce per truffe hanno iniziato uno stalkeraggio certi condomini pensionati includendoci anche la cagna inserendo anche maledizioni di morte soprattutto. Descrivo altri comportamenti incivili del tipo rifiuti nelle arre verde del condominio, portone quasi sempre aperto, resti di cibo sul mio terrazzo al piano 1, chiudono la porta quando mi vedono entrare, sbirciato verso la porta del mio alloggio, origliano i miei discorsi, tagliano la strada fisicamente quando mi vedono intorno al condominio, spiano le mie attività nell'orto, hanno tentato di entrare nel mio garage, beccati a sbirciare verso la mia utilitaria ecc. Nel branco si sono unite due vicine di condominio.
Negano o si paralizzano davanti a domande chiarificatrici o borbottano alle mie spalle.

NB. Sono tutti maggiorenni.

    in evidenza

Dello stesso argomento


Il mio balcone non è un posacenere.

Condomina condannata per aver gettato nel balcone dell'appartamento sottostante cenere, cicche di sigarette e detersivi corrosivi. Condomina condannata per aver gettato nel balcone dell'appartamento sottostante