Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
109688 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Aumento del canone locazione per lavori straordinari
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Aumento del canone locazione per lavori straordinari

E' possibile l'aumento del canone di locazione per lavori di manutenzione?

Avv. Alessandro Gallucci 

Il proprietario di un appartamento può domandare l'aumento del canone di locazione nel caso di esecuzione di lavori straordinari?

Se sì, in che misura ed a che condizioni?

Per rispondere ai quesiti è inutile leggere, rileggere e scartabellare le leggi vigenti: nessuna norma di rango legislativo attualmente in vigore disciplina questa fattispecie.

Com'è possibile, allora, che in tanti, tantissimi, siano convinti che la esecuzione di lavori di manutenzione straordinaria dell'edificio – siano essi relativa all'unità immobiliare e/o alle parti comuni del palazzo – diano automatico al proprietario automatico diritto a domandare l'aumento del canone?

=> Per chiedere l'aumento dell'affitto si deve comprendere il perché del nuovo canone

Molto dipende dalla legislazione vigente fino al 1998.

Al riguardo l'art. 23 della legge n. 3928 del 1978 (la così detta legge sull'equo canone parzialmente abrogata dalla legge n. 431/98), al primo e secondo comma recitava:

Quando si eseguano sull'immobile importanti ed improrogabili opere necessarie per conservare ad esso la sua destinazione o per evitare maggiori danni che ne compromettano l'efficienza in relazione all'uso a cui è adibito, o comunque opere di straordinaria manutenzione di rilevante entità, il locatore può chiedere al conduttore che il canone risultante dall'applicazione degli articoli precedenti venga integrato con un aumento non superiore all'interesse legale sul capitale impiegato nelle opere e nei lavori effettuati, dedotte le indennità e i contributi di ogni natura che il locatore abbia percepito o che successivamente venga a percepire per le opere eseguite.

L'aumento decorre dalla data in cui sono state ultimate le opere, se la richiesta è fatta entro trenta giorni dalla data stessa; in caso diverso decorre dal primo giorno del mese successivo al ricevimento della richiesta.

Tale disposizione, come si accennava, è stata abrogata sul finire del secolo scorso: essa aveva la funzione di adeguare il valore del canone di locazione rispetto alla nuova situazione, derivante dagli interventi conservativi, compensando in tal modo con effetto immediato l'aumento di valore del bene in ragione dei suddetti interventi.

Nel vigore di questa norma, quindi, era la legge a consentire la richiesta di adeguamento del canone, stabilendone tra l'altro anche le modalità e la tempistica di calcolo.

=> Cedolare secca. Ecco come richiedere l'aumento del canone di locazione.

Eliminata questa disposizione e passati nel regime degli contratti così detti a canone libero è sparito ogni riferimento a questa facoltà.

Ciò non vieta, naturalmente, che le parti possano prevedere un aggiornamento del canone per queste ipotesi stabilendo contestualmente; ma è solamente la fonte contrattuale l'unica in grado di rendere legittima una richiesta di aggiornamento del canone.

Insomma, se il contratto di locazione non prevede l'aumento del canone per l'ipotesi di lavori di manutenzione della casa e/o delle parti comuni dell'edificio, il proprietario non avrà alcun diritto di avanzare pretese in tal senso – per mancanza di disposizioni legislative a sostegno – e qualora lo facesse la sua richiesta potrebbe essere contestata legittimamente dal conduttore.

=> L'inquilino mi ha chiesto di pagare un affitto più basso: può ottenerlo?

=> Quando si può parlare di lavori di manutenzione straordinaria di notevole entità?

=> Comunicazione dell'aggiornamento del canone di locazione: sufficiente l'invio della nuova fattura maggiorata

Cerca: aumenti canone locazione aumenti

Commenta la notizia, interagisci...
Michele Da Trani
Michele Da Trani mercoledì 18 gennaio 2017 alle ore 13:06

Salve, ho un dilemma:
sono stati effettuati lavori straordinari nel condominio nel quale ho un appartamento in affitto. Il proprietario mi ha chiesto l'aggiornamento del canone. Da quel che ho capito, può chiedermelo nella misura del tasso di interesse legale sulla quota a lui spettante dedotte le agevolazioni; ovvero:
Quota spettante al proprietario = € 2.000,00
Agevolazioni fiscali 50% = € 1.000,00
Tasso al 2017 = 0,10%
Quota spettante all'inquilino = € 2,00 annuali
Aggiornamento canone mensile = € 0,17
Ma per quanto tempo? fino alla somma di € 2,00 o fino al termine del contratto?
Spero in un aiuto.
Grazie

    in evidenza

Dello stesso argomento