Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
107915 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Il condòmino in causa contro il Condominio non deve essere convocato all'assemblea che decide la strategia difensiva contro di lui
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Il condòmino in causa contro il Condominio non deve essere convocato all'assemblea che decide la strategia difensiva contro di lui

Conflitto d'interessi e "separazione di posizioni": analisi delle differenze

Avv. Giuseppe Nuzzo 

Il fatto. La società proprietaria di alcuni immobili in condominio agiva in giudizio per far dichiarare nulla o annullabile la delibera adottata dall'assemblea condominiale. A sostegno della domanda, la società sosteneva di non essere stata convocata all'assemblea, in quanto ritenuta in conflitto di interessi con l'argomento posto all'ordine del giorno.

Si costituiva in giudizio il Condominio, secondo il quale l'assemblea in questione era stata indetta solo per conferire il mandato agli avvocati per impugnare di fronte al Consiglio di Stato la sentenza del TAR nella quale la società ricorrente era controparte.

La delibera impugnata, inoltre, era stata ratificata da una successiva assemblea, alla quale aveva partecipato anche la ricorrente e, per questo motivo, la questione si doveva considerare esaurita. Il Tribunale di Roma dà ragione al Condominio. La società non doveva essere convocata in assemblea. Tuttavia il giudice romano perviene a tale soluzione seguendo un ragionamento diverso.

=> Conflitto d'interessi e competenza a nominare l'amministratore di condominio

Non si tratta di conflitto d'interessi ma di "separazione di posizioni". Secondo il Tribunale, infatti, non convince la tesi - propugnata dal Condominio - secondo cui è assimilabile al conflitto di interessi la posizione del condomino, controparte attuale e non potenziale in una lite con il condominio, rispetto alla sua partecipazione ad assemblee convocate, come nel caso concreto, per valutare l'opportunità di impugnare una sentenza sfavorevole.

In realtà - osserva il giudice - il condomino in lite vuole partecipare a un'assemblea nella quale si è valutato l'esito della pregressa azione giudiziaria e si è deciso in merito all'opportunità di proporre appello. La presenza della controparte processuale a un consesso con questo thema decidendum lede il diritto di difesa, condizionando la discussione in merito alla migliore strategia processuale.

=> Il conflitto di interessi dell'amministratore di condominio in Italia ed in Florida

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Scarica Tribunale di Roma, n. 4350 del 22 febbraio 2019

Cerca: assemblea conflitto interessi

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento