Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
106899 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Art. 1124 c.c. - Manutenzione e sostituzione delle scale
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Art. 1124 c.c. - Manutenzione e sostituzione delle scale

Art. 1124 del Codice Civile

 

Art. 1124 c.c.

Le scale e gli ascensori sono mantenuti e sostituiti dai proprietari delle unità immobiliari a cui servono. La spesa relativa è ripartita tra essi, per metà in ragione del valore delle singole unità immobiliari e per l'altra metà esclusivamente in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo.
Al fine del concorso nella metà della spesa, che è ripartita in ragione del valore, si considerano come piani le cantine, i palchi morti, le soffitte o camere a tetto e i lastrici solari, qualora non siano di proprietà comune.

Le scale e gli ascensori di un edificio in condominio rientrano tra le cose o parti oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio stesso, poiché indispensabili strutturalmente all'esistenza del fabbricato medesimo.

Il nuovo articolo 1124 cod. civ. statuisce che per la manutenzione delle scale la spesa è ripartita tra i proprietari delle unità immobiliari a cui servono:

  • per metà in ragione del valore delle singole unità immobiliari;
  • per l'altra metà esclusivamente in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo.

È importante ricordare che le spese in questione sono quelle di esercizio e conservazione, come pure quelle che si devono sostenere periodicamente per il corretto funzionamento dell'impianto. Rientra in tale ambito non solo la manutenzione ordinaria, consistente nell'esecuzione di lavori contraddistinti dallo scopo di preservare il bene comune impedendone il deterioramento, ma anche quella straordinaria, costituita dai lavori necessari per restituire al bene la sua originaria funzionalità. Ovviamente, la disposizione in analisi trova applicazione anche nell'ipotesi di sostituzione integrale dell'ascensore. In tale eventualità, difatti, non può parlarsi di innovazione dal momento che le cose comuni oggetto delle modifiche non subiscono alcuna trasformazione, conservando la loro destinazione al servizio.

Nell'ipotesi, invece, d'installazione ex novo dell'impianto la disciplina di riferimento è quella prevista dall'articolo 1123 cod. civ., relativa alla ripartizione delle spese per le innovazioni deliberate dalla maggioranza.

Particolarmente dibattuta è la questione concernente la partecipazione alle spese di conservazione dell'ascensore da parte dei proprietari degli immobili siti al piano terra e/o aventi accesso separato, i quali non fruiscono concretamente del bene.

A tal proposito, allorquando il regolamento condominiale nulla preveda, sembra preferibile distinguere:

  • gli interventi che attengono al profilo della proprietà dell'ascensore, i cui oneri dovranno essere posti a carico di tutti i condomini;
  • gli interventi di manutenzione ordinaria, dovuti a logorio del bene, da porsi a carico dei soli condomini che ne traggono utilità.

Cerca: art 1124 manutenzione scale

Commenta la notizia, interagisci...
Alvaro
Alvaro sabato 06 gennaio 2018 alle ore 11:50

non rimane molto chiaro come suddividere le spese che riguardano l'illuminazione delle scale . Nel mio condominio di 3 piani oltre all'illuminazione delle scale ci sono anche 5 lampade che servono all'illuminazione del perimetro esterno .
per tutte le lampade esiste un solo contatore ( un altro separato registra il consumo dell'ascensore ) .
Quale potrebbe essere la soluzione migliore per evitare discussioni durante l'assemblea ?

    in evidenza

Dello stesso argomento


Ripartizione spese plafoniere scale

Plafoniere scale, come ripartire la spesa. In un condominio che amministro s'è resa necessaria la sostituzione di alcune plafoniere che illuminano le scale.Io ritengo che questa spesa debba essere ripartita