Inserisci un quesito registrati
 05-05-2009 Condominioweb.com Condominioweb.com forum > Ripartizione Spese - Gestione condominiale

Riparto frontalini

 
Condominioweb.com forum >
claudio.sud
ciao a tutti. scusate la domanda un pò troppo da ignorante, ma dovendo ripartire le spese di rifacimento dei frontalini balconi il piano di riparto è fatto sui millesimi di proprietà o sui metri lineari? grazie a tutti
agazir
Gentili Utenti, chiedo se ci sono novità rispetto la ripartizione spese sui frontalini poggioli. Abito al piano rialzato, non ho poggiolo, e il palazzo ha poggioli aggettanti senza particolari fronti dei poggioli..... L'orientamento generale applicato da vari amministratori di zona è quello in uso da tempo, e cioè considerare i frontalini, sia di pregio che no, come i cielini dei poggioli, elemento decorativo dello stabile (nel senso che facendoli tutti insieme e dello stesso colore è più decoroso per l'immobile) e quindi le spese di riparazione sono ancora divise per millesimi. Non essendo scritto niente nel regolamento di condominio, posso non partecipare alle spese? Che maggioranza di assemblea decide cosa fare e con quale criterio? Può l'amministrazione far mettere in sicurezza il palazzo (sono caduti piccoli pezzi d'angolo di un poggiolo) chiedendoci cosa volgiamo fare con una riunione informale? Grazie!!!! è urgente....
Massi
Scritto da claudio.sud il 08 Mag 2009 - 17:37:53:
sono frontalini di balconi aggettanti. mi sto documentando e sembra che sia in base ai millesimi di proprietà. mi date conferma?
Conferma. "La fede è più forte dell'evidenza, quindi è un ostacolo alla ricerca della verità".
dolores
Si tratta di balconi aggettanti? Parli di frontalino o del semplice fronte ovvero lo spessore della soletta perpendicolare al pavimento del balcone?
Dello stesso argomento
dolores
Si, ma Claudio è molto probabile che confonda il frontalino, ovvero il rivestimento decorativo in aggiunta ed in sovrapposizione al fronte, appunto con il FRONTE che solitamente si presenta liscio ed intonacato e senza particolari fregi.
dolores
Scritto da claudio.sud il 08 Mag 2009 - 17:59:55:
il frontalino o frontino che dir si voglia intendo la parte frontale della soletta del balcone posto al di sotto della soglia di marmo.
E allora la spesa dev'essere posta a carico del singolo condomino proprietario del balcone (e non per millesimi di proprietà).
dolores
A conferma, giacchè non concorrono a formare il decoro architettonico dello stabile: Cass., Sez.II civ., sentenza del 30/01/2008, n. 2241 Il condomino ha l'obbligo di partecipare alla spese per i lavori eseguiti sui balconi dell'edificio, da considerare beni comuni in quanto elementi che si inseriscono nella facciata e concorrono a costituire il decoro architettonico dell'immobile. a
dolores
Questo è l'esempio di frontalino a carico di tutti i condomini per millesimi di proprietà:
dolores
Questo è invece l'esempio di frontalini a carico del singolo condomino proprietario del balcone: Modificato Da - dolores il 08 Mag 2009 18:13:48
dolores
Concordo con quanto detto da brico, per cui se si tratta di dunque di frontalini di balconi aggettanti che non svolgono una funzione del tipo estetico rispetto all'intero stabile condominiale ovvero senza determinarne la linea architettonica, l'assemblea non può averne competenza: Cass. civile Sentenza, Sez. II, 31/10/2005, n. 21199 I balconi, devono considerarsi beni di proprietà esclusiva, in quanto costituenti appendici o prolungamenti delle unità immobiliari cui accedono e non assolventi, normalmente a funzioni strutturali riferibili all'edificio condominiale, salvo che per i rivestimenti esterni e le parti decorative frontali (che inserendosi nel prospetto dell'edificio contribuiscono all'estetica complessiva dello stesso). Pertanto la manutenzione relativa ai balconi non puo' essere oggetto di deliberazioni impositive di spese da parte dell'assemblea del condominio. Infatti sono nulle e sottratte ai termini di impugnativa di cui all'art. 1137, terzo comma per i casi di semplice annullabilità, le delibere condominiali che incidono sui diritti individuali sulle cose; la dichiarazione di impugnabilità, senza limiti di tempo, dell'atto presupposto inficiato da nullità si estende anche all'atto che ne costituisce esecuzione e che da quello dipende Cassazione del 07/09/1996 n. 8159 I balconi sono elementi accidentali e non portanti della struttura del fabbricato, non costituiscono parti comuni dell'edificio e appartengono ai proprietari delle unità immobiliari corrispondenti, che sono gli unici responsabili dei danni cagionati dalla caduta di frammenti di intonaco o muratura, che si siano da essi staccati, mentre i fregi ornamentali e gli elementi decorativi, che ad essi ineriscono (quali i rivestimenti della fronte o della parte sottostante della soletta, i frontalini e i pilastrini), sono condominiali, se adempiono prevalentemente alla funzione ornamentale dell'intero edificio e non solamente al decoro delle porzioni immobiliari ad essi corrispondenti, con la conseguenza che è onere di chi vi ha interesse (il proprietario del balcone, da cui si sono distaccati i frammenti, citato per il risarcimento), al fine da esimersi da responsabilità, provare che il danno fù causato dal distacco di elementi decorativi, che per la loro funzione ornamentale dell'intero edificio appartenevano alle parti comuni di esso. (Art.1117 cod.civ).
claudio.sud
sono frontalini di balconi aggettanti. mi sto documentando e sembra che sia in base ai millesimi di proprietà. mi date conferma?
claudio.sud
il frontalino o frontino che dir si voglia intendo la parte frontale della soletta del balcone posto al di sotto della soglia di marmo.
mi_cimento
Scritto da dolores il 08 Mag 2009 - 18:05:38-]A conferma, giacchè non concorrono a formare il decoro architettonico dello stabile: Cass., Sez.II civ., sentenza del 30/01/2008, n. 2241 Il condomino ha l'obbligo di partecipare alla spese per i lavori eseguiti sui balconi dell'edificio, da considerare beni comuni in quanto elementi che si inseriscono nella facciata e concorrono a costituire il decoro architettonico dell'immobile. a Dolores, se intendo bene la sentenza citata, l'obbligo di partecipare alle spese sussiste solo se su parti comuni: quindi, quando si tratta di frontini a carico del condomino, questi può impiparsene e lasciare "brutture"? IN questo caso mi piacerebbe di più che fosse valida l'idea di Canterano. Abbiamo anche noi una faccenda simile.
mi_cimento
Ciao Brico, grazie per la gentile risposta. La mia domanda, forse non bene espressa voleva essere: si può obbligare il prorpietario del balcone a ripararlo, oppure l'obbligo è solo relativo a tenerlo in sicurezza? O formulata in altro modo: se il condominio a maggioranza o unanimità delibera di riparare i frontini,(solo questi o insieme alla facciata non importa) il condomino X DEVE ripararare anche i suoi, o può lasciarli così come sono, limitandosi, se e quando necessario, a metterli in sicurezza? Grazie
canterano
Secondo gli usi di piazza: trattandosi di frontalini a volte sono conteggiati per metro lineare mentre i pannelli sovrastanti (superfici verticali esterne del poggiolo) a volte sono conteggiati a pezzo a volte a metro quadro secondo gli accordi. Comunque i frontalini si possono considerare come la proiezione della supeficie della facciata occupata dalla radice del poggiolo. Frontalini e pannelli farebbero parte del decoro architettonico delle facciate, soggetti alla ripartizione delle spese fra millesimi della comunione di tutti i proprietari.
canterano
Per completare la risposta, (art.1123.2 c.c.) le spese di restauro che riguardano le superfici interne dei cd. "pannelli" in muratura o materiali compositi in funzione di parapetti dei poggioli, sono posti a carico dei proprietari dei poggioli stessi come pure le ringhiere.
canterano
Il problema è che solamente il giudice è competente in materia di decoro architettonico. Tutto ciò è un buon deterrente per impedire la bruttura di un frontalino trascurato su una facciata appena restaurata.
canterano
a dolores se ben ricordo, secondo il parere di un avvocato ripreso da questo sito, forse Aikim, Massi o Paolino Pao potrebbero confermarlo, sarebbe sempre meglio considerarli facenti parte del decoro architettonico della facciata.
brico
Caro Mi-cimento tante cose, che a noi ci piacciono belle, vorremmo che fossero realizzabili però....non si verifica quasi mai. Le foto dei balconi riportate in precedenza, sentenze di cassazione nel merito e ciò che ti ha scritto Dolores esprimono molta chiarezza sulla materia dei "frontalini" argomento dibattutissimo e piuttosto chiaro. Per i balconi aggettanti la spesa di ristrutturazione dei frontalini è esclusivamente a carico del proprietario. Ciao a
brico
Ciao Mi-cimento, è evidente che se da un balcone c'è un pericolo chiaro di caduta, ad esempio, dei frontalini nella loro parte di intonaco il proprietario deve immediatamente provvedere per evitare conseguenze penali e civili, è ovvio direi scontato. Mentre se si devono rifare le facciate è logico che chi sa che prima o poi deve ristrutturare il suo balcone approfitta dei ponteggi che vengono comunque allestiti per rifare appunto la facciata. L'obbligo di rifarli non può imporlo nessuno proprio perchè trattasi di parti private come giustamente gli altri forumisti ti hanno spiegato. Una delibera, anche se presa con le dovute maggioranze, che riguarda lavori di ristrutturazione esterna in senso generale, scorpora opportunamente dal computo generale i costi relativi ai balconi. Si evita questa spesa solo se il proprio balcone è veramente in ottime condizioni, altrimenti è contro producente non aderire al suo rifacimento. Tieni presente che sto parlando solo di balconi aggettanti. Ciaoa

Registrati
 
Trova la soluzione al tuo problema, cerca tra le risposte date su Condominioweb.com
Ricerca

Inserisci un quesito
registrati



Gruppo Condominioweb Srl. Per eventuali segnalazioni, inviare una mail all'indirizzo info@condominioweb.com - P. Iva 01473350880 - Privacy