Inserisci un quesito registrati
 09-09-2009 Condominioweb.com Condominioweb.com forum > Ripartizione Spese - Gestione condominiale

Mancato pagamento da parte di condomini

 
Condominioweb.com forum >
Andrea 76
Come ci si comporta nel caso in cui un condomino non partecipa alle spese per lavori di rifacimento di parti condominiali? Quali possono essere le soluzioni per poter ottenere il pagamento?
vanni
Ciao vale quanto detto da leonardo.. il tetto è parte comune...
vanni
Ciao quindi secondo lui essendo al primo piano non è coperto dal tetto bensì dall'appartamento soprastante e quindi non gli compete partecipare alla spesa?..a Questo è fuori di testa... Fagli leggere questo... Art. 1117 (Parti comuni dell'edificio) Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari dei diversi piani o porzioni di piani di un edificio, se il contrario non risulta dal titolo: 1) il suolo su cui sorge l'edificio, le fondazioni, i muri maestri, i tetti e i lastrici solari, le scale, i portoni d'ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili e in genere tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune; 2) i locali per la portineria e l'alloggio del portiere, per la lavanderia, per il riscaldamento centrale, per gli stenditoi e per altri simili servizi in comune; 3) le opere, le installazioni, i manufatti di qualunque genere che servono all'uso e al godimento comune, come gli ascensori, i pozzi, le cisterne, gli acquedotti e inoltre le fognature e i canali di scarico, gli impianti per l'acqua, per il gas, per l'energia elettrica, per il riscaldamento e simili, fino al punto di diramazione degli impianti ai locali di proprietà esclusiva dei singoli condomini
vanni
Ciao eccola quà... site:ricercagiuridica .com/sentenze/index.php?num=2645
Dello stesso argomento
syssy77
Scritto da Leonardo53 il 08 Set 2009 - 10:56:01-] Se i riparti sono stati deliberati dall'assemblea è buona regola mandare un sollecito tramite raccomandata. Se il condòmino non provvede al pagamento, l'amministratore deve rivolgersi al tribunale (tramite legale) e far spiccare decreto ingiuntivo nei confronti del moroso. Buonasera a tutti! In riferimento a questo argomento, se dinanzi a decreto ingiuntivo ci sono comunque ritardi del moroso l'amministratore può costringere a far pagare quello che devono i morosi agli altri che han già pagato le loro quote?? Vi spiego meglio: quasi tre anni or sono son stati ultimati i lavori di ristrutturazione nel mio stabile...di fatto su 9 condomini solo 2(tra cui noi) abbiam saldato tutto...c'è gente che deve ancora tutto all'impresa e parlo di 10.000,00, 12.000,00 euro. Ora, l'amministratore in carica sin a poco tempo fa si è dato da fare e ci sono decreti ingiuntivi per i morosi; per questo motivo, i morosi stessi, odiando sia lui che noi paganti che abbiamo insistito affinchè si decidessero a pagare, han deciso di destituirlo rivolgendosi al giudice adducendo motivi gravi di salute dello stesso amministratore (la storia è molto ingarbugliata, mi scuso per la brevità...) ORA il nuovo amministratore vuole che noi che abbiamo già pagato mettiamo altre quote per saldare tutto all'impresa, praticamente noi che abbiam pagato tutto dobbiamo uscire di tasca nostra parte di ciò che devono i morosi nei confronti dei quali c'è un decreto ingiuntivo...MA è REGOLARE? E quando li rivedremo sti soldi? al limite potremmo intervenire pagando pulizia scale, ascensore in quanto i morosi non stanno pagando neanche le spese mensili e poi scavalcare successivamente, ma saldare l'impesa con soldi nostri ANCORA... Tra qualche giorno c'è un'assemblea...potete fornirmi la normativa in merito se c'è...son disperata , Vi ringrazio per l'aiuto!!a
Leonardo53
Scritto da Andrea 76 il 08 Set 2009 - 10:35:53:
Come ci si comporta nel caso in cui un condomino non partecipa alle spese per lavori di rifacimento di parti condominiali? Quali possono essere le soluzioni per poter ottenere il pagamento?
Se i riparti sono stati deliberati dall'assemblea è buona regola mandare un sollecito tramite raccomandata. Se il condòmino non provvede al pagamento, l'amministratore deve rivolgersi al tribunale (tramite legale) e far spiccare decreto ingiuntivo nei confronti del moroso. Modificato Da - Leonardo53 il 08 Set 2009 10:57:03
Leonardo53
Scritto da aa+ il 10 Set 2009 - 09:52:51:
Grazie ancora Vanni, ma se si rifiuta dicendo che non ha i soldi? questa storia prosegue da marzo con vari tira e molla: non ho i soldi, ho venduto la casa, anzi no ho dato il mandato, ecc. l'impresa ormai ha detto che dobbiamo trovare un accordo noi; abbiamo appuntamento di nuovo giovedi prossimo in cui il condomino ci darà una risposta so già che sarà "picche" non so cosa fare grazie per l'aiuto sei gentilissimo e preparato aa+
Il peggior sordo è chi non vuol sentire. Purtroppo se il condòmino non ne vuol sapere, l'unica soluzione resta quella di rivolgersi al tribunale tramite un legale. Almeno io, non vedo altra via d'uscita.
Leonardo53
Il condominio è obbligato al pagamento dei fornitori, ma secondo una recente sentenza che non trovo e che spero venga indicata da qualcuno, non c'è più l'obbligo della solidarietà dei condòmini. Per cui il nuovo amministratore deve fornire l'elenco dei morosi al fornitore dicendo di fare a loro decreto ingiuntivo perchè lui non riesce ad incassare e null'altro può essere richiesto a chi ha già pagato la sua quota. P.S. per nuove problematiche è bene aprire un nuovo post. Se nessuno pubblica la sentenza di cui parlo, ti consiglio di aprire un nuovo post con oggetto specifico.
aa+
salve a tutti mi inserisco nella discussione cosa si può fare se un condomino si rifuta di partecipare alle spese di rifacimento del tetto ? purtroppo siamo solo in tre propritari in una palazzina di tre appartamenti e non c'è l'ammnistratore grazie per l'aiuto
aa+
Grazie Vanni per la celerità della risposta, però il condomino si rifiuta di partecipare perché abita al primo piano e non ha problemi; inoltre dice che ha dato mandato ad un'agenzia per vendere la casa. io ho già avuto l'acqua in casa lo scorso anno per le nevicate abbondanti con danni seri al soffitto, al lampadario al l'impianto elettrico e ai mobili; tieni conto che tra l'altro l'acqua proviene dalla sua parte di sottotetto che è divisa in tre. Lo scorso anno quando scese la'cqua nemmeno mi avvisò delle perdite. andare dall'avvocato per una spesa di 8.000 euro diviso 3 mi sembra eccessivo e soprattutto immagino che richieda tempi lunghi; infine cosa dovrei scrivere sulla raccomandata? c'è un facsimile da qualche parte? scusa le domande "studpide" ma sono ignorante in materia aa+
aa+
Grazie ancora Vanni, ma se si rifiuta dicendo che non ha i soldi? questa storia prosegue da marzo con vari tira e molla: non ho i soldi, ho venduto la casa, anzi no ho dato il mandato, ecc. l'impresa ormai ha detto che dobbiamo trovare un accordo noi; abbiamo appuntamento di nuovo giovedi prossimo in cui il condomino ci darà una risposta so già che sarà "picche" non so cosa fare grazie per l'aiuto sei gentilissimo e preparato aa+

Registrati
 
Trova la soluzione al tuo problema, cerca tra le risposte date su Condominioweb.com
Ricerca

Inserisci un quesito
registrati



Gruppo Condominioweb Srl. Per eventuali segnalazioni, inviare una mail all'indirizzo info@condominioweb.com - P. Iva 01473350880 - Privacy