Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
118541 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
L'amministratore di condominio si salva dalla revoca anche se condannato per il reato di appropriazione indebita
Inviaci un quesito

L'amministratore di condominio si salva dalla revoca anche se condannato per il reato di appropriazione indebita

Tra un "giustizialismo" spinto (svolto da un condomino) e un dotto "garantismo" (spiegato dall'amministratore), ecco la soluzione mediana della Corte di Appello di Torino

Avv. Rosario Dolce  

L'articolo 71 bis delle disposizioni di attuazione al codice civile è stato introdotto dalla legge 220/2012 e stabilisce i requisiti soggettivi per essere nominati amministratori, facendovi rientrare, tra le diverse fattispecie, quello dell'"onorabilità".

Eppure - per come si apprende - la condanna penale di un amministratore per il più "antipatico" dei reati, vale a dire per quello relativo al delitto della "appropriazione indebita" (di cui all'articolo 646 codice penale), sembrerebbe in sé non sufficiente a farlo decadere dal mandato, né a legittimarne la revoca giudiziaria.

Appropriazione indebita: quando scatta la revoca dell'amministratore di condominio

Nel solco di un acceso confronto tra un "giustizialismo" spinto (svolto da un condomino) e un dotto "garantismo" (spiegato dall'amministratore), si pone Sentenza la Corte di Appello di Torino pubblicata in data 05 dicembre 2017 che trova una soluzione mediana e di rito. Esaminiamola nel dettaglio.

Tratteneva per sé il denaro destinato al pagamento delle bollette del gas. Amministratore di condominio condannato per appropriazione indebita

Il caso. Tizia, quale condòmina, ha chiesto al Tribunale di Asti di procedere alla revoca dell'amministratore - Caia, d'ora in poi -, evidenziando che costei era stata condannata per appropriazione indebita con Sentenza di primo grado.

Caia si è costituita in giudizio e ha dedotto, a modo contrario, di aver compiutamente informato i condòmini della condanna penale e di essere stata, ciò nonostante, dagli stessi nominata amministratore, con conferma del proprio mandato.

Il Tribunale piemontese, a tal punto, ha respinto il ricorso alla revoca spiegato dal condòmino affermandone l'improcedibilità.

Tizia ha così impugnato il provvedimento decisionale dinanzi alla Corte di Appello di Torino, affermandone l'illegittimità alla luce della previsione dell'articolo 71 bis delle disposizioni di attuazione al codice civile.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Sentenza inedita
Scarica Corte di Appello di Torino del 05/12/2017.

Cerca: appropriazione indebita amministratore di condominio

Commenta la notizia, interagisci...
Annulla

    in evidenza

Dello stesso argomento