Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
106644 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Il limite di tollerabilità dell'uomo e il diritto di abbaiare del cane
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Il limite di tollerabilità dell'uomo e il diritto di abbaiare del cane

Animali in condominio ed immissioni sonore

Avv. Maurizio Tarantino 

In ambito condominiale il diritto del singolo condomino di tenere con sé animali di affezione non è assoluto o illimitato, ma deve essere contemperato con il diritto alla salute e alle esigenze personali di vita connesse all'abitazione degli altri condomini.

=> Immissioni intolleranti provenienti da un immobile dove gli animali erano segregati e sedati con tranquillanti.

Animali in condominio . Accertato che gli animali possono stare presso la proprietà privata dei condomini (anche in presenza di divieti regolamentari), tuttavia, però, è bene anche sottolineare che il comma 5 dell'art. 1138 c.c. fissa soltanto un limite alla potestà regolamentare incidente sulla proprietà singola, senza recare alcuna disciplina sull'uso delle parti comuni.

Ad ogni modo, il condomino è responsabile dei danni cagionati dall'animale di sua proprietà sia che fosse sotto la sua custodia sia che fosse smarrito o fuggito salvo che provi il caso fortuito.

La responsabilità incorre tutte le volte che il danno sia stato prodotto con diretto nesso causale da un fatto proprio dell'animale, a prescindere dall'agire dell'uomo (ad esempio, il cane ha distrutto le piante del vicino) [1] .

=> Animali in condominio: i conigli possono ritenersi animali domestici?

Le immissioni sonore. La valutazione diretta a stabilire se le immissioni restino comprese o meno nei limiti della norma deve essere riferita, da un lato, alla sensibilità dell'uomo medio (ossia prescindendo da considerazioni attinenti alle singole persone interessate alle immissioni) e, dall'altro, alla situazione locale.Questi principi trovano piena applicazione anche in relazione ai rumori prodotti dagli animali dei singoli condomini.

Tuttavia il codice civile non fissa una misura di decibel oltre la quale l'abbaiare del cane è vietato, né tantomeno fissa un orario oltre il quale i latrati non sono consentiti (Cass. civ. 20 ottobre 2015, n. 21172).

=> Cane fastidioso? Il vicino esasperato che preferisce farsi giustizia da sé, paga il danno non patrimoniale

Ad ogni modo, si osserva che, i giudici hanno ammesso che "abbaiare è un diritto esistenziale dei cani"; in particolare, in tema di immissioni sonore, con riferimento alla vicenda dell'abbaio di un cane tenuto in appartamento, " La presenza di un cane all'interno di una struttura condominiale non deve essere lesiva dei diritti degli altri condomini, sicché i proprietari dell'animale devono ridurre al minimo le occasioni di disturbo e prevenire le possibili cause di agitazione ed eccitazione dell'animale stesso, soprattutto nelle ore notturne; occorre, però, tenere presente che la natura del cane non può essere coartata al punto da impedirgli del tutto di abbaiare e che episodi saltuari di disturbo da parte dell'animale possono e devono essere tollerati dai vicini, in nome dei principi del vivere civile" (Cass. civ., sez. II, 26 marzo 2008, n. 7856).

=> Cosa succede se il continuo abbaiare del cane crea problemi di salute al conduttore?

Proposta di legge n. 19 presentata il 23marzo 2018. La proposta in esame, a firma della deputata Michela Vittoria Brambilla, prevede che: all'articolo 844 del codice civile è aggiunto, in fine, il seguente comma "Il proprietario o detentore di animali non è tenuto a impedire le immissionisonore da parte degli stessi se queste non superano la normale tollerabilità.

L'autorità giudiziaria, nell'applicazione del presente comma, tiene conto prioritariamente del benessere dell'animale e in nessun caso dispone l'allontanamento coatto dello stesso.

Il proprietario o detentore non può essere perseguito o punito a causa delle immissioni sonore da parte del proprio animale".


[1] M. TARANTINO "Animali in condominio", Condominioweb, 2019, p. 54

Cerca: animali domestici in condominio

Commenta la notizia, interagisci...
Sandro
Sandro martedì 16 luglio 2019 alle ore 14:35

Le persone con bambini strillanti al seguito dovrebbero avere delle aree riservate ed insonorizzate nei posti pubblici e privati. Chi non é in grado di educare i figli non deve farli e basta. I figli sono vostri ma le orecchie sono mie.

Togato
Togato martedì 16 luglio 2019 alle ore 19:51

Di frequente la giurisprudenza, quando è chiamata ad interpretare le norme di legge ai fini della loro applicazione pratica, non sa che pesci prendere e quindi si limita a concezioni vaghe e fumose. Quella della "normale tollerabilità" non vi si discosta. Che significa "normale", che rientra nella "norma"? E' solo una tautologia! Per un omino di mt.1,60 e 50 kg. di peso l'ingurgitare 8/9 etti di pasta "all'arrabbiata" lo manda al pronto soccorso, per un omone 1,90x 100 kg è solo un 'normale' antipasto. Quello dei rumori molesti in un condominio è un problema endemico sempre difficile da poter affrontare specie nei tempi attuali di forte incremento dell'ignoranza e cafoneria di chi ci circonda. Per convincersene basta vedere quei distinti signori, invitati nei talk schow televisivi a dar spettacolo di se, come si urlano addosso!Ho la fortuna impagabile di vivere in una casa dove sento anche il volo delle zanzare.Diversamente se vi fossi assediato da branchi d'imberbi pallonari, dalla motozappa del piano terra, dalla sordità del vicino con la TV accesa a tutto volume, beh non avrei alcun dubbio: come proprietario la casa me la vendo subito e vado a stare in un altra "previ tutti gli accertamenti del caso"; come inquilino faccio ancor prima: comunico al locatore il mio recesso dal contratto per "gravi motivi" ex art.3,c.6 della Legge 431/1998 (palpitazioni, sbalzi di pressione da inquinamento acustico,ecc)e torno a risentire il volo delle zanzare.

    in evidenza

Dello stesso argomento