Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
107915 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
ANAMMI: le associazioni enti controllori dei requisiti professionali degli amministratori di condominio
Problema condominiale? Inviaci un quesito

ANAMMI: le associazioni enti controllori dei requisiti professionali degli amministratori di condominio

Le associazioni di categoria controllori della professionalità nella categoria

Redazione Condominioweb 

Idee chiare e spirito costruttivo. E' così che l'ANAMMI ha affrontato l'incontro con il sottosegretario alla Giustizia, On. Jacopo Morrone, sul tema del registro degli amministratori dei condominio, ed è con questo stesso spirito che intendiamo proseguire.

Lo scorso 9 maggio, abbiamo ribadito come la nostra categoria abbia bisogno di una seria valorizzazione. L'impegno della nostra Associazione, in questi trent'anni di lavoro nel settore, si è concentrato sulla definizione di un nuovo tipo di amministratore, competente e credibile. Ed è su questo principio che si basa anche la nostra posizione sul Registro.

Siamo da sempre contrari all'albo professionale, non soltanto perché Antitrust e giurisprudenza ce lo confermano, ma perché riteniamo che la nostra professione abbia bisogno di ben altro.

Per l'ANAMMI qualsiasi decisione non può prescindere dal ruolo delle associazioni, che hanno lavorato per professionalizzare e rafforzare la figura del professionista.

In altre parole, se Registro deve essere, occorre che, a certificare i requisiti professionali degli amministratori, siano quelle stesse associazioni che lavorano seriamente sulla formazione e sull'aggiornamento dei professionisti. In pratica, chi rappresenta la categoria è in grado di giudicare chi ne fa parte.

In altre parole, al Registro ci si potrà iscrivere, ma passando per le associazioni, che dovranno attestare se l'amministratore ha le carte in regola per lavorare. In pratica, si attribuirebbe una veste "istituzionale" a quell'attestazione dei requisiti del professionista che realtà come l'ANAMMI svolgono quotidianamente, provvedendo alla formazione di base e all'aggiornamento periodico.

E' noto, infatti, quanto pesano sulla categoria le carenze, mai colmate, della precedente Legge 220 del 2012 e del DM 140 del 2013 che, dettando regole poco chiare sugli enti formatori degli amministratori condominiali, consentono sul web lo smercio di falsi attestati di formazione periodica, a danno degli operatori onesti.

Un Registro, da solo, non può risolvere questo problema, limitandosi a creare una sorta di "anagrafe" degli operatori del settore.

In questo modo, riusciremmo a tutelare seriamente gli iscritti alle associazioni, che si sono sottoposti ad un percorso di "legittimazione" professionale attraverso la formazione di base e l'aggiornamento periodico, come imposto dalla riforma del condominio e dal DM 140.

Insomma, le associazioni di categoria diventerebbero, in maniera ufficiale, i "controllori" della professionalità nella categoria. Questo nostro coinvolgimento ci consentirebbe di porre un freno al problema più sentito dai professionisti: la concorrenza sleale di chi ottiene attestati "tarocchi" grazie a finti corsi sul web, venduti da associazioni altrettanto finte.

Siamo quindi disponibili a collaborare e dialogare con il Ministero della Giustizia, ma a condizione di introdurre ufficialmente il ruolo delle associazioni come enti di attestazione dei requisiti professionali. Su questo, non intendiamo mollare.

Giuseppe Bica

Presidente ANAMMI

Cerca: anammi registro

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento


Consultazione del registro di contabilità

Consultazione del registro di contabilità. Buongiorno amici di Condominioweb! Mi trovo ad affrontare questa situazione relativa al registro di contabilità.Mi spiego: con alcuni miei vicini abbiamo necessità