Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
109788 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Valore Aggiunto. Favorevole ad un vero e proprio albo con accesso alla professione di amministratore di condominio tramite esame di stato
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Valore Aggiunto. Favorevole ad un vero e proprio albo con accesso alla professione di amministratore di condominio tramite esame di stato

Albo o registro telematico, purché sia controllato dallo Stato ed abbia la funzione di accertamento pubblico dell'idoneità del professionista

Redazione Condominioweb 

Accogliendo l'invito del Sottosegretario, On. Jacopo Morrone, Valore Aggiunto, nell'intento di dare voce agli amministratori e ai gestori immobiliari qualificati, che puntano a differenziarsi in un mercato distorto, privo di tutela sia per gli utenti finali che per la stessa categoria, si dichiara favorevole ad un vero e proprio albo con accesso alla professione di amministratore di condominio tramite esame di stato, perché ritiene che la nostra professione meriti di avere dignità e rispetto pari a quella delle professioni ordinistiche.

Non si teme di "alzare troppo l'asticella" perché si ha la convinzione che questo sia il solo modo di riequilibrare il mercato con un'offerta selezionata, individuabile per competenza, formazione e abilitazione.

Si ritiene fallimentare ed inadeguata l'attuale normativa , figlia di una riforma non al passo con i tempi (se così non fosse non sarebbe stato necessario il tavolo di lavoro) e non si nutre assolutamente fiducia in un sistema che lascia carta bianca (in assenza di qualsiasi controllo) alle associazioni di categoria, che per lo più hanno il solo interesse di fare business con il numero degli iscritti e l'incasso delle quote associative.

Valore Aggiunto vuole tutelare gli interessi degli amministratori di condominio professionisti e non quelli delle associazioni di categoria. Valore Aggiunto vuole l'amministratore al centro di una riforma che ne tuteli la professione.

Tuttavia, alla luce dei risultati emersi al tavolo di lavoro del 9 maggio, Valore Aggiunto si rende perfettamente conto che, purtroppo, i tempi per una vera riforma risolutiva dei problemi della categoria non sono ancora maturi: sono troppo gli interessi in gioco, per lo più di chi ha tutto l'interesse affinché le cose rimangano in questo clima torbido e di incertezza.

In mancanza di albo, siamo favorevoli, in seconda battuta, al registro telematico, purché sia controllato dallo Stato ed abbia la funzione di accertamento pubblico dell'idoneità del professionista ; riteniamo che il ruolo delle associazioni debba limitarsi all'assistenza propedeutica alla formazione degli amministratori, che però dovrà essere valutata da una commissione statale, tramite esame di abilitazione.

Ciò dovrà comportare la modificazione dell'attuale art. 71 disp.att. c.c., subordinando l'esercizio professionale all' iscrizione obbligatoria a tale Registro.

In merito ad eventuali criticità della materia, avremmo molto da obiettare, ma per ragioni di sintesi ci soffermiamo su quello che riteniamo essere di carattere prioritario, come richiesto dal sottosegretario.

In tema di riforma della l. 220/12 siamo favorevoli ad una sostanziale modifica, che

comprenda, tra le altre cose di:

? stabilire la personalità giuridica del condominio;

? prevedere un unico modello fiscale unificato del condominio;

? stabilire un equo compenso dell'amministratore, proporzionale ai rischi ed alle responsabilità;

? avere certezza della durata del mandato, escludendo la revoca senza giusta causa;

? prevedere equo trattamento previdenziale con una cassa al pari delle professioni ordinistiche;

? imporre una polizza professionale obbligatoria dell'amministratore.

? eliminare la figura dell'amministratore interno, figura anacronistica in un mercato moderno teso alla professionalità ed alla specializzazione.

In tema di riforma del d.m. 140/14, siamo favorevoli a:

? innalzare la formazione iniziale ad almeno 300 ore;

? prevedere l'aggiornamento periodico sulla base dell'anno solare;

? innalzare la formazione periodica a 40 ore annue, senza necessità di esame;

? accreditare presso il Ministero i Responsabili Scientifici e gli enti di formazione;

? istituire controlli e sanzioni da parte del Ministero per l'inottemperanza alla norma sia nella formazione che nell'erogazione della stessa.

Dott.ssa Daniela Zeba - Coordinatore Nazionale Valore Aggiunto

Cerca: valore aggiunto albo professione

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento