Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
120916 utenti
Registrati
chiudi
Inviaci un quesito

Responsabile il proprietario dell'immobile se il conduttore avvia una attività turistico-ricettiva in contrasto con il regolamento condominiale

Deve cessare la destinazione dell'immobile ad attività ricettiva se risulta in contrasto con il regolamento condominiale
Avv. Vito Sola del Foro di Roma 

Il fatto. Un Condominio adiva il Tribunale di Roma al fine di far accertare l'avvenuta violazione, da parte di un condomino, del regolamento condominiale per aver destinato il proprio immobile ad attività turistico-ricettiva e, per l'effetto, cessare l'attività illegittimamente intrapresa ed inibirne eventuali future ripetizioni.

Il regolamento condominiale, infatti, vieta di destinare gli appartamenti a strutture turistico-ricettive e, in generale, qualsiasi altro uso che possa turbare la tranquillità del Condominio.

Sì all'attività di affittacamere in condominio se il divieto del regolamento non è stato espressamente accettato dal proprietario

Bed and breakfast, locazioni turistiche e affittacamere in condominio. Un focus di approfondimento da non perdere

Nel corso dell'istruttoria, infatti, era emerso come nell'immobile si svolgesse attività di affittacamere (circostanza provata mediante la produzione di documenti attestanti la pubblicità via internet tramite le note piattaforme digitali).

La convenuta, tuttavia, eccepiva in via preliminare il proprio difetto di legittimazione passiva poiché non era lui a svolgere l'attività contestata bensì un terzo soggetto al quale l'immobile era stato concesso in locazione.

Il Tribunale di Roma, riconosciuta la fondatezza della domanda spiegata dal Condominio, ha condannato la convenuta alla cessazione dell'attività illegittimamente intrapresa.

Le questioni giuridiche. La sentenza in commento si inserisce tra le numerose pronunce sul tema della legittima destinazione degli immobili a struttura turistico-ricettiva negli stabili condominiali in presenza di clausole regolamentari che la vietino.

Case vacanze sì, affittacamere no in condominio. Questo è il dilemma.

Il proprietario risponde delle violazioni regolamentari del conduttore. In via preliminare, pare di interesse affrontare la questione dell'individuazione del soggetto passivamente legittimato a stare in giudizio nel caso in cui l'attività turistico-ricreativa sia posta in essere dal conduttore dell'immobile e non dal proprietario.

 Continua [...]

Per continuare a leggere la notizia gratuitamente clicca qui...

Cerca: affittacamere divieto condominio

Commenta la notizia, interagisci...
Annulla

  1. in evidenza

Dello stesso argomento