Condominio Web: Il portale N.1 sul condominio
121358 utenti
Registrati
chiudi
Inviaci un quesito

Comunicazione spese detraibili all'agenzia delle entrate e compenso per l'amministratore di condominio

In capo all'amministratore di condominio un nuovo adempimento fiscale
Avv. Alessandro Gallucci Avv. Alessandro Gallucci 

Il decreto del Ministero delle Finanze datato 1 dicembre 2016 ha posto in capo all'amministratore di condominio un nuovo adempimento fiscale.

Com'è noto, salvo proroghe, entro il 28 febbraio l'amministratore dovrà inviare all'agenzia delle entrate una comunicazione utile ai fini del successivo invio della dichiarazione dei redditi precompilata ai contribuenti.

L'art. del suddetto decreto specifica che "gli amministratori di condominio trasmettono in via telematica all'Agenzia delle entrate, entro il 28 febbraio di ciascun anno, una comunicazione contenente i dati relativi alle spese sostenute nell'anno precedente dal condominio con riferimento agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni di edifici residenziali […]"

La comunicazione - come prosegue la norma - è riferita anche "all'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici finalizzati all'arredo delle parti comuni dell'immobile oggetto di ristrutturazione. Nella comunicazione devono essere indicate le quote di spesa imputate ai singoli condomini".

L'agenzia delle entrate, con successivi provvedimenti, ha indicato le modalità operative della predetta comunicazione, chiarendo anche i casi di esenzione. Si tratta, sostanzialmente, dei piccoli condòmini (quelli con un numero fino ad otto partecipanti) non provvisti di amministratore.

Chiaramente nessun obbligo nemmeno per quei condomini rispetto ai quali pur essendo obbligatoria la nomina non si è mai provveduto. Ragione? Manca il soggetto deputato all'adempimento.

Si badi: l'obbligo di comunicazione grava su chi era in carica al 31 dicembre e non sull'eventuale nuovo nominato tra questa data e quella di comunicazione.

In questo contesto, ci è stato domandato se l'amministratore, al momento della presentazione del rendiconto, possa richiedere un ulteriore compenso per l'adempimento non inserito nel preventivo in quanto non esistente al momento della sua approvazione.

Il perché di questa domanda risiede nel disposto del quattordicesimo comma dell'art. 1129 c.c. a mente del quale "l'amministratore, all'atto dell'accettazione della nomina e del suo rinnovo, deve specificare analiticamente, a pena di nullità della nomina stessa, l'importo dovuto a titolo di compenso per l'attività svolta".

Innanzitutto, è evidente, non può essere considerata omessa la voce di compenso rispetto ad adempimenti non esistenti al momento della nomina. È vero, l'art. 1130 n. 5 c.c. fa riferimento alla esecuzione degli adempimenti fiscali, ma al momento dell'approvazione del compenso, rispetto a tale voce non era previsto l'obbligo in esame.

Fatturazione compenso dell'amministratore

Come dire: non si può imputare alcuna negligenza all'amministratore. Né, ad avviso di chi scrive, il contratto di mandato è contratto aleatorio che possa portare a concludere sull'assunzione del rischio da parte del mandatario in relazione ad adempimenti non previsti. Comunque l'introduzione nell'ordinamento di nuove disposizioni vincolanti non rappresenta alea in termini contrattuali.

Ed allora?

Ad avviso di chi scrive, alcuna contestazione, ai sensi dell'art. 1129 XIV comma, c.c. può essere avanzata all'amministratore che, al momento della presentazione del rendiconto richieda ulteriore compenso per l'adempimento in esame. Qualora l'assemblea non dovesse riconoscerglielo, egli avrebbe possibilità di agire ai sensi dell'art. 1709 c.c.

Più articolata la questione nel caso in cui l'amministratore decida di rivolgersi ad un intermediario abilitato all'invio: l'adempimento di cui trattasi, infatti, non rappresenta attività riservata, essendo possibile al contribuente (nel nostro caso l'amministratore per conto del condominio), inviare la comunicazione in proprio.

Per questa modalità, quindi, è consigliabile munirsi della preventiva autorizzazione assembleare.

Le spese per gli adempimenti fiscali: gli adempimenti dell'amministratore di condominio e la ripartizione dei costi

Cerca: amministratore adempimento fiscale

Commenta la notizia, interagisci...
Nicoletta
Nicoletta 21-02-2017 21:41:42

La legge parla di dichiarazione precompilata.Esiste una maniera per il cittadino di portare a detrazione le spese condominiale s nza che l'amministratore debba fare la comunicazione,in considerazione del fatto che le detrazioni son un diritto del cittadino e non un dovere da retribuirsi all'amministratore?
Grazie

rispondi
Concetto
Concetto 08-05-2017 13:06:55

Buon giorno
avevo un quesito
nel caso un amministratore non avesse inviato la comunicazione dei dati per i lavori di ristrutturazione a quali sanzioni incorre.
grazie

rispondi
VINCENZO CIONINI
VINCENZO CIONINI 15-04-2018 22:01:17

Vorrei sapere se è giusto corrispondere alla Amministratore, che lo chiede, il compenso di € 18,30 per la elaborazione e la trasmissione dei dati fiscali all'Agenzia delle Entrate a fronte di un recupero in 10 anni di € 12,00 per il recupero del patrimonio edilizio. Se un condomino non vuole recuperare alcunché in sede di dichiarazione dei redditi è libero di farlo oppure no ? Vi sembra di buon senso tutto ciò ? Saluti e grazie Vincenzo Cionini

rispondi
Annulla

  1. in evidenza

Dello stesso argomento