Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
99202 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Inquinamento elettromagnetico. Nuovi vincoli per l'assorbimento delle onde da parte degli edifici.
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Inquinamento elettromagnetico. Nuovi vincoli per l'assorbimento delle onde da parte degli edifici.

Come cambiano i valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture edilizie?

Avv.to Maurizio Tarantino - Foro di Bari  

"In Italia aumentano per decreto i limiti di esposizione previsionali ai campi elettromagnetici di impianti di telecomunicazioni".

=> Un nuovo business per i condomini. Le antenne per la telefonia mobile di nuova generazione

Il Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti ha firmato il decreto ministeriale che stabilisce i valori di assorbimento del campo elettromagnetico da parte delle strutture edilizie.

Cosa cambia con il nuovo decreto?

Nel dettaglio si tiene conto delle differenti proprietà schermanti offerte da diversi materiali, in funzione della frequenza. Tre i fattori di riduzione presi in esame:

  • Limite di 6 decibel per pareti e coperture senza finestre o altre aperture simili in prossimità di impianti di trasmissione superiori a 400 Mhz;
  • Limite di 3 decibel per pareti e coperture senza finestre o simili in presenza di segnali inferiori ai 400 Mhz;
  • Soglia pari a 0 decibel per l'esposizione nella condizione a finestre aperte, indipendentemente dalla frequenza di funzionamento degli impianti

In quest'ultimo caso, ed esclusivamente nelle situazioni di criticità legate alla progettazione e realizzazione di reti mobili, il gestore può utilizzare fattori di attenuazione diversi da zero, compresi comunque nell'intervallo tra 0 e 3 decibel solo ed esclusivamente attraverso una motivazione documentata.

Quindi dal punto di vista pratico?

Se la facciata non contiene finestre, questa sarebbe in grado di attenuare le onde elettromagnetiche di:

  • 3 dB per frequenze inferiori a 400 MHz (esempio Radioamatori, radio FM, TV VHF);
  • 6 dB per frequenze superiori a 400 MHz (esempio TETRA, TV UHF, telefonia mobile, radar, Wi-Max, etc.);

Se la facciata contiene finestre, il parametro di assorbimento predefinito è di zero dB (in quanto si ritiene che la facciata non assorbe le onde elettromagnetiche), tuttavia,all'operatore in tal caso è concessa la possibilità a sua discrezione di utilizzare un fattore di attenuazione da 0 a 3 dB, dando una motivata giustificazione tecnica di tale scelta.

Quali saranno i poteri dei gestori di telecomunicazioni? In generale, i gestori di impianti di telecomunicazioni sono tenuti a presentare al comune una istanza di autorizzazione per l'impianto che vogliono installare o potenziare.

A questa istanza deve essere allegata una relazione dello stesso gestore che valuta l'impatto elettromagnetico dell'impianto sui recettori che si trovano attorno all'impianto stesso.

I recettori sono notoriamente le case, le strutture ricreative, gli edifici pubblici, gli ospedali, le scuole, i parchi, le piazze, le strade e in generale tutti i siti in cui può essere prevista la presenza umana.

Per le case di civile abitazione, deve essere osservato il valore di attenzione, pari a 6 Volt su metro per il campo elettromagnetico in radiofrequenza (limite da rispettare in corrispondenza di qualunque casa vicina).

Premesso ciò, oggi, con il nuovo decreto, i gestori di impianti di telecomunicazioni, potranno usare dei valori di riferimento predefiniti di assorbimento delle facciate delle case, "ipotizzando" che le stesse assorbano in qualche misura le onde elettromagnetiche.

In sintesi l'introduzione di questi fattori di attenuazione si traduce in un aumento dei valori di campo elettromagnetico permessi da ora in poi in corrispondenza della facciata di una qualunque abitazione nei calcoli previsionali delle esposizioni di campo elettromagnetico effettuati nelle istanze.

Quali saranno le conseguenze di questo nuovo decreto sull'impatto elettromagnetico?

Preliminarmente, come già sostenuto da molti tecnici, in particolare dal CemLab Sicilia (Laboratorio, consulenza e misure di campo elettromagnetico) le facciate delle case non assorbono allo stesso modo le onde elettomagnetiche e che l'eventuale schermatura "dipende dal materiale di costruzione, dallo spessore delle mura, dalla presenza di aperture nella facciata, anche piccole quanto l'apertura di una cappa da cucina, da fenomeni di onde stazionarie che si vengono a creare, come appurato anche durante le prove preliminari effettuate in proposito dagli organi tecnici pubblici italiani".

(Ad esempio la plastica, il vetro e le strutture in legno usate in bioarchitettura sono del tutto trasparenti alle onde elettromagnetiche in radiofrequenza).

La diretta conseguenza è la "consapevolezza" per i gestori di ritenere le facciate degli edifici in grado di attenuare l'impatto elettromagnetico.

Sul punto il Prof. Livio Giuliani, portavoce della Commissione internazionale per la Sicurezza dei campi elettromagnetici, ha precisato che con il nuovo decreto

"Alzano i valori limite e di attenzione dei campi elettromagnetici nell'ambiente senza modificare i disposti del Regolamento recante i tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana - DM 381/1998 in attuazione dell'art. 1 comma 6 lett. a) n. 15 della legge 249/1997- e confermati dal decreto ambientale DPCM 8/7/2003, ma dando disposizioni (per legge!) su come si fanno le misure"

=> Un nuovo decreto per regolamentare la selva di antenne

In conclusione, l'autoproclamato passo in avanti del Ministro nei calcoli previsionali si traduce in un generoso lascito alla discrezionalità dei gestori telefonici che, attraverso una motivata relazione tecnica da depositare negli uffici comunali, avranno il diritto di certificare una previsione potenziale sul tasso di assorbimento elettromagnetico di un'abitazione, tenendo presente non le sue caratteristiche strutturali, né le diverse tipologie di costruzioni sul raggio d'azione dell'antenna, bensì la sola presenza di aperture o coperture (valutate come filtri murari), tralasciando ogni perizia sul materiale di costruzione degli abitati

=> Se le antenne per telefonia cellulare sono troppo rumorose l'impresa proprietaria dell'apparato è tenuta al risarcimento

Cerca: valori di assorbimento campo elettromagnetico

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento


agevolazioni

agevolazioni. Una delle principali novità nel panorama delle agevolazioni messe in campo dal Governo nella legge di Stabilità sono le agevolazioni per l'acquisto di beni strumentali per professionisti e imprese