Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
98914 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Strategia Energetica Nazionale (SEN). Introduzione di un eco-prestito, revisione delle detrazioni fiscali, fondi di garanzia e controlli sulle caldaie
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Strategia Energetica Nazionale (SEN). Introduzione di un eco-prestito, revisione delle detrazioni fiscali, fondi di garanzia e controlli sulle caldaie

Pubblicato il documento sulla Strategia Energetica Nazionale (SEN). Un mese di tempo per inviare commenti, segnalazioni e proposte

Redazione Condominioweb.com  

Verso un nuovo paradigma. Dopo una lunga attesa, la Sen è stata lanciata dai Ministri Calenda e Galletti con il principale obiettivo di coprire la metà dei consumi elettrici con fonti verdi entro il 2030 (per ulteriori approfondimenti si veda il pdf in allegato). Per raggiungere tale risultato, sarà essenziale far assumere un ruolo fondamentale all' efficientamento energetico del settore immobiliare.

=> Una nuova proposta di legge per incentivare la riqualificazione energetica e il rinnovo edilizio.

=> Ecco le modifiche introdotte alla normativa vigente sul risparmio energetico.

I principali obiettivi. Nell'ambito dell'efficienza energetica, l'obiettivo della SEN 2017, è quella di favorire le iniziative per la riduzione dei consumi col miglior rapporto costi/benefici nonché di dare impulso alle filiere italiane che operano nel contesto dell'efficienza energetica a partire dal settore dell'edilizia e della produzione ed installazione di impianti.

Le iniziative in ambito residenziale rappresentano la priorità di intervento della SEN 2017, in quanto rappresentano un segmento di consumo ad alto potenziale, ma in cui gli interventi di efficienza energetica sono ostacolati:

  • dalla scarsa consapevolezza da parte dei consumatori sui potenziali benefici del risparmio energetico
  • dall'elevato costo degli investimenti iniziali
  • dagli strumenti di incentivazione in essere presentano un rapporto costo-efficacia particolarmente elevato

Gli strumenti. Al fine di promuovere gli interventi di efficienza energetica nel settore edile si prevede di ottimizzare il meccanismo delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica e per il recupero edilizio. . Gli interventi di miglioramento del meccanismo saranno volti:

  • modulare la percentuale di detrazione;
  • accoppiare lo strumento con altri meccanismi di incentivazione;
  • valorizzare i risparmi generati dalle detrazioni fiscali per il recupero edilizio;
  • estendere la portabilità del titolo di credito di imposta coinvolgimento degli operatori, compresi gli Istituti finanziari;
  • stabilizzare il meccanismo per gli interventi di riqualificazione energetica che interessino in maniera integrata l'intero edificio

I venditori dell'energia. Per perseguire tali obiettivi si valuterà l'introduzione di un regime obbligatorio di risparmio in capo ai venditori dell'energia, i quali hanno un contatto diretto con i clienti finali e di conseguenza una maggiore capacità di proporre interventi di risparmio energetico e di fare leva sui meccanismi di incentivazione del settore (e.g. detrazioni fiscali) e stipulare accordi privati con il consumatore per definire le modalità di rimborso.

Nuovi strumenti di supporto economici. Per promuovere l'efficienza energetica nel settore residenziale è inoltre importante combinare strumenti di supporto economico (come le detrazioni fiscali) a strumenti di natura finanziaria (come eco-prestito).

A l fine di sostenere i piccoli consumatori nel realizzare interventi ad alto investimento iniziale, si prevedrà di ampliare il campo di interventi del costituendo fondo di garanzia per stimolare i finanziamenti per l'efficienza energetica da parte degli istituti di credito.

=> Ecobonus in condominio anche per gli incapienti. Cessione della detrazione anche a banche

=> Agevolazioni fiscali per la trasformazione dei lastrici solari in tetti verdi

Maggiori controlli sulle caldaie. Il documento dedica anche spazio agli impianti di riscaldamento e raffrescamento con lo specifico intento di sostituire progressivamente gli impianti altamente emissivi (quali caldaie a gasolio e impianti a biomasse non efficienti) con tecnologie a bassa emissione ed alta efficienza.

In questo contesto saranno rafforzate le verifiche sul rispetto di normative e standard, intensificando l'attività di monitoraggio delle ore di funzionamento degli impianti di riscaldamento, al fine di verificare che non ci siano anomalie rispetto ai limiti di utilizzo.

=> Smog. In arrivo il «decreto-caldaiette». 700 milioni di euro destinati ai privati per la sostituzione degli impianti più inquinanti

=> Sembra prevalere la volontà di circoscrivere l'ambito degli interventi ammissibili alla detrazione del 65%.

Scarica

Strategia_Energetica_Nazionale_2017

Cerca: strategia energetica nazionale

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento