Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
87019 utenti
Registrati


#da non perdere

Per le infiltrazioni dal lastrico paga un terzo il proprietario esclusivo e il resto il condominio.Per le infiltrazioni dal lastrico paga un terzo il...

Accesso ai documenti amministrativi. E' necessaria l'autorizzazione dell'assemblea.Accesso ai documenti amministrativi. E' necessaria...

Gravi difetti edifici. Quando effettuare la denuncia?Gravi difetti edifici. Quando effettuare la denuncia?

Agevolazione fiscale "prima casa". I lavori straordinari non bloccano i beneficiAgevolazione fiscale "prima casa". I lavori...

Il portale N.1 sul Condominio
Ecco come potete «bloccare» i bed and breakfast in condominio

Ecco come potete «bloccare» i bed and breakfast in condominio

Stop all'attività di bed and breakfast in condominio

Stop al bed and breakfast se arreca un danno imminente. Per interrompere l'attività occorre la prova concreta di un pregiudizio grave all'intera collettività condominiale.

Per ottenere la cessazione in via cautelare urgente dell'attività di bed & breakfast, il Condominio deve dimostrare l'effettiva e concreta messa in pericolo della tranquillità e sicurezza dei condòmini all'interno degli spazi comuni per via dell'espletamento dell'attività ricettiva. È questo il principio espresso dal Tribunale di Roma con l'ordinanza del 4-10 febbraio 2016.

Secondo i giudici capitolini, l'avvio dell'attività ricettiva non rappresenta un pregiudizio in re ipsa per gli altri condòmini. Non è decisivo nemmeno il divieto di adibire l'unità immobiliare ad usi diversi da quello abitativo, previsto nel regolamento di condominio.Ai fini dell'emissione del provvedimento cautelare urgente di interruzione dell'attività di b&b,l'interessato deve dimostrare l'esistenza concreta di un pregiudizio grave ed irreparabile alla tranquillità e sicurezza dei condòmini.

Nel caso preso in esame, il Condominio aveva agito in via cautelare urgente ex art. 700 c.p.c. contro la proprietaria ed il conduttore di un monolocale, al fine di impedire loro l'utilizzo di detto immobile a scopo di bed & breakfast.

Secondo il Condominio, infatti, l'attività intrapresa era contraria al regolamento di condominio e, inoltre, tale da menomare la tranquillità e sicurezza degli altri condòmini, a causa del continuo via vai a tutte le ore del giorno e della notte di soggetti estranei alla compagine condominiale.

Il Giudice di prime cure aveva rigettato il ricorso per carenza di prova in ordine al pregiudizio grave ed imminente, ragione per cui il Condominio riproponeva la domanda davanti al tribunale in funzione collegiale, il quale ha però confermato la decisione di primo grado.

In effetti, si legge nell'ordinanza, l'attività di affittacamere e/o di break & breakfast che la proprietaria ed il conduttore del monolocale hanno avviato si pone in contrasto con quanto stabilito dal regolamento di condominio.

Tuttavia, tale considerazione non è sufficiente ad accogliere la domanda cautelare del Condominio, poiché manca nella fattispecie il requisito del pregiudizio imminente ed irreparabile richiesto dall'art. 700 c.p.c. per la tutela cautelare.

In particolare, il Condominio non ha fornito alcun elemento da cui desumere la effettiva e concreta messa in pericolo della tranquillità e sicurezza dei condòmini all'interno degli spazi comuni a causa dell'espletamento dell'attività di affittacamere e di bed & breakfast.

Alcune recenti sentenze hanno affrontato la questione dei b&b in condominio, soffermandosi soprattutto sulla possibilità di esercitare tale attività ricettiva in presenza di un divieto contenuto nel regolamento di condominio di natura contrattuale.

La Corte di Cassazione, sentenza n. 109 del 7 gennaio 2016, compiendo un ripensamento rispetto al passato, ha assunto una posizione molto rigorosa. Essa considera tutte e tre le attività di affittacamere, alberghi e b&bincompatibili con la destinazione ad uso abitativo dell'immobile, per cui tali attività ricettive non possono essere avviate se il regolamento di condominio vieta genericamente usi diversi da quello abitativo.

Si tratta di un orientamento non condiviso da tutti, tant'è che molti giudici di merito (da ultimo Tribunale di Verona 22 aprile 2015 e Tribunale di Roma 18303 del 17 settembre 2015) assumono una posizione più morbida, affermando che l'attività di bed & breakfast è sempre consentita, a meno che il regolamento non la vietiespressamente.

Secondo l'ordinanza in esame, invece, ai fini della interruzione in via cautelare dell'attività di b&b non è decisivo il divieto contenuto nel regolamento, ma occorre invece la prova di una effettiva e concreta messa in pericolo della tranquillità e sicurezza dei condòmini.

Pregiudizio che manca nel caso in esame, tenuto conto anche delle modeste dimensioni del monolocale all'interno del quale viene svolta l'attività ricettiva, delle modalità operative con cui la stessa è espletata (desunte dal materiale estrapolato dal sito in cui viene pubblicizzato l'immobile), nonché del complessivo stato dei luoghi.

=> Come aprire un Bed and breakfast in condominio

Scarica Tribunale di Milano, sez. XIII Civile, ordinanza 4 - 10 febbraio 2016

Cerca: bed and breakfast limiti

Commenta la notizia, interagisci...
Mario
Mario martedì 16 febbraio 2016 alle ore 13:45

Leggendo con attenzione il dispositivo, si rileva che il tribunale ha condannato solo la "richiesta cautelare d'urgenza" avendo invocato l'art. 700, lasciando aperta invece la porta ad un procedimento che dimostri il pericolo della tranquillità e sicurezza dei condòmini. Quindi la sentenza della Cassazione citata nell'articolo ha pieno fondamento.

Maurizio
Maurizio venerdì 19 febbraio 2016 alle ore 19:47

Credo che ci sia qualcosa di sbagliato o erroneamente riportato nell'articolo, in quanto un bed&breackfast presuppone che il proprietario viva nel B&B, e metta a disposizione dei clienti una stanza e come fa in un monolocale?
delle due l'una o non era un monolocale o non era B&B

Mpr
Mpr giovedì 07 aprile 2016 alle ore 16:49

scusate ma in testa all'articolo si cita una sentenza del tribunale di roma (che anche io avevo visto e cercato oggi) mentre allegate quella del tribunale di milano....
sarei interessato a quella di roma ;)
grazie

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

Se il regolamento vieta la destinazione dei locali ad attività alberghiera il b&b si può aprire.

Si può aprire un B&B se il regolamento del condominio vieta esclusivamente l'apertura di pensioni e alberghi

Se il regolamento vieta la destinazione dei locali ad attività alberghiera il b&b si può aprire. È legittima l'apertura di un b&b all'interno del Condominio se il regolamento condominiale vieta espressamente

B&B in condominio, quando non si può fare

No al B&B in condominio. La Cassazione ci ripensa

B&B in condominio, quando non si può fare. Non si può destinare un appartamento ad affittacamere, attività alberghiera o di bed and breakfast se il regolamento di condominio vieta destinazioni d'uso diverse

Aprire un B&B in condominio nonostante il divieto di destinazione diversa da quella abitativa

Aprire un B&B in condominio nonostante il divieto di destinazione diversa da quella abitativa

Il divieto di destinazione diversa da quella abitativa è compatibile con l'apertura di un B&B. Il regolamento condominiale contrattuale, che proibisce di dare agli immobili destinazioni d'uso diverse da quella