Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
99366 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
Sostituzione di delibera, soccombenza virtuale e compensazione delle spese
Problema condominiale? Inviaci un quesito

Sostituzione di delibera, soccombenza virtuale e compensazione delle spese

Sostituzione delibera contestata, soccombenza virtuale e spese di lite

Avv. Alessandro Gallucci  

Se una deliberazione dell'assemblea condominiale, astrattamente annullabile viene sostituita dalla stessa assemblea prima dell'inizio del giudizio e nel suo corso si verificherà la così detta cessazione della materia del contendere.

In ambito condominiale tale cessazione - ossia la fine del giudizio per mancanza dell'oggetto da giudicare - non fa venire meno l'interesse ad una pronuncia sulle spese, ossia all'esito della causa come se nulla fosse avvenuto ai soli fine della regolazione delle spese di lite: si tratta della così detta soccombenza virtuale.

La conclusione del procedimento non deve necessariamente coincidere con la condanna di una delle parti, ben potendosi giungere ad una sentenza che provvede ad una compensazione delle spese di lite.

Tale compensazione è legittima e non censurabile in Cassazione, ove la motivazione di fatto sia logica e fondata sul contegno delle parti anche nella fase stragiudiziale precedente alla instaurazione del contraddittorio.

Questa, nella sostanza, la conclusione cui è giunta la Suprema Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 16607 pubblicata mediante deposito in cancelleria il 5 luglio 2017.

Il caso che ha potato alla pronuncia dei giudici di piazza Cavour è di quelli molto ricorrenti: una condòmina impugnava il verbale dell'assemblea condominiale chiedendo che venisse invalidato in ragione della sua omessa convocazione.

L'assemblea del condominio sostituiva la delibera contestata con una successiva osservante di tutte le disposizioni concernenti la regolare convocazione dei condòmini.

La causa, come si diceva in principio, andava avanti per la soccombenza virtuale. In questi casi si fa applicazione dell'art. 2377, ottavo comma, c.c. non si può annullare una delibera sostituita da altra presa in conformità alla legge, ma il giudice provvede sulle spese di lite.

=> Importanti istruzioni per la sostituzione della delibera assembleare.

Per le società, dice la norma citata, si provvede solitamente ponendole a carico dalla società medesima, ma per i condòmini - spiega la Cassazione - la valutazione va fatta di caso in caso.

E tra gli elementi utili e da prendere in considerazione si deve anche tenere conto di come si sia arrivati a quella lite.

Nel caso di specie, si legge nell'ordinanza, tra le ragioni che possono portare ad una decisione di compensazione delle spese «può certamente ricondursi anche il comportamento preprocessuale delle parti, ovvero, come nel caso deciso, la condotta dell'attrice che non abbia fatto alcunché per evitare l'instaurazione della controversia [...]».

In particolare, nel caso di specie era emerso come la parte attrice «non avesse in nessuno modo sollecitato stragiudizialmente il Condominio a revocare la deliberazione del 26 gennaio 2011, prima di intraprendere la causa, tant'è che lo stesso Condominio, meno di un mese dopo aver ricevuto la notifica della domanda, aveva sanato l'illegittimità denunciata con la successiva deliberazione del 10 marzo 2011».

Come dire: quando s'impugna una delibera anche se si sta dalla parte della ragione è bene sollecitare la propria controparte a ravvedersi bonariamente.

Sebbene non esista un vero e proprio istituto dell'autotutela condominiale, in questo caso la Corte di Cassazione ci dice che è utile fare in modo che il condominio possa ravvedersi prima della causa.

Fatto, aggiungiamo noi, ad oggi possibile anche in ragione dell'esistenza del tentativo obbligatorio di conciliazione sancito dal d.lgs n. 28 del 2010.

Scarica Cass. 5 luglio 2017 n. 16607

Cerca: sostituzione delibera contestata

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento