Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
87114 utenti
Registrati


#da non perdere

L'amministratore di condominio può partecipare all'assemblea di condominio in veste di segretario?L'amministratore di condominio può partecipare...

Condominio e competenze avvocati. Come ripartire le speseCondominio e competenze avvocati. Come ripartire le spese

Albo amministratori di condominio. Esiste?Albo amministratori di condominio. Esiste?

Nulla la cartella di pagamento della TARSU se non preceduta dall'avviso di accertamentoNulla la cartella di pagamento della TARSU se non preceduta...

Il portale N.1 sul Condominio
Arbitrato obbligatorio solo se previsto dal regolamento condominiale?

Arbitrato obbligatorio solo se previsto dal regolamento condominiale?

Quando nel regolamento contrattuale è specificato che le liti devono essere sottoposte al giudizio di uno o più arbitri

È improponibile qualsiasi domanda formulata davanti al giudice ordinario se nel regolamento contrattuale i condòmini si sono impegnati a sottoporre le loro liti al giudizio di uno o più arbitri.

Cosi ha stabilito la sentenza del Tribunale di Milano n. 12843 del 16 novembre 2015. Il giudice lombardo ha dichiarato improponibile l'impugnazione della delibera assembleare presentata dal condòmino direttamente al tribunale senza prima avviare l'arbitrato previsto dal regolamento.La delibera riguardava l'approvazione del rendiconto consultivo relativo al piano di ripartizione e saldi finali dei condòmini.

Nella sentenza si precisa cheè ammissibile e vincolante la clausola compromissoria contenuta in un regolamento condominiale che deroghi quanto stabilito dall'art. 1137 c.c., in quanto è da ritenere che anche la materia delle deliberazioni condominiali, siccome attinenti a diritti soggettivi patrimoniali disponibili, sia devolvibile ad arbitri”.

La clausola compromissoria è valida anche se non approvata specificatamente per iscritto dal compratore. È sufficiente che il regolamento di condominio che la contiene sia stato allegato al rogito.

=> Regolamento condominiale giudiziale

Come sappiamo, l'arbitrato è un meccanismo alternativo di risoluzione delle controversie previsto dall'art. 806 del codice di procedura civile. L'obiettivo è quello di velocizzare la soluzione della controversia evitando le aule di giustizia.

Si fonda sulla c.d. “clausola compromissoria", un accordo con il quale le parti si impegnano a rivolgersi ad uno o più privati cittadini terzi, detti appunto arbitri, per risolvere più velocemente le questioni che insorgeranno tra di loro.

La decisione degli arbitri, detta “lodo arbitrale”, a determinate condizioni, sostituisce la sentenza del giudice.

In ambito condominiale, i condòmini possono inserire la clausola compromissoria nel regolamento. Tale impegno diventa una condizione di procedibilità della domanda: se il condòmino interessato, invece di avviare il procedimento arbitrale, si rivolge direttamente al giudice, questi potrà respingere la domanda dichiarandola improcedibile.

Nel caso oggetto della sentenza in commento, l'art. 34 del regolamento di condominio prevedeva che “tutte le controversie insorgenti tra i condòmini e tra essi e l'amministratore, sia per l'interpretazione della legge che per il presente regolamento, dovranno essere sottoposte a uno o tre arbitri, che potranno decidere …”.

=> La sottoscrizione di clausole compromissorie nell'interesse del condominio costituisce atto di straordinaria amministrazione

Secondo il Tribunale di Milano si tratta di una clausola compromissoria assolutamente valida, contenuta in un regolamento di natura contrattuale. Il regolamento in questione, infatti, predisposto dall'originario costruttore dell'edificio, era stato allegato ai rogiti di acquisto delle singole unità immobiliari e, dunque, accettato da tutti i condòmini.

Dunque, la clausola compromissoria in esso contenuta è valida ed opera i suoi effetti anche se non specificatamente approvata per iscritto dal singolo condòmino al momento dell'acquisto.

L'arbitrato può rivelarsi un ottimo strumento per la risoluzione delle liti condominiali, in termini di risparmio di tempo e di denaro. E se il regolamento non contempla la questa possibilità? In questo caso le parti coinvolte nella controversia possono comunque decidere di ricorrere ad arbitri stipulando un apposito accordo, detto “compromesso arbitrale”.

Potrebbe interessarti anche:
=> Cassazione n. 22596/10: l'interpretazione del regolamento condominiale è compito spettante al giudice chiamato a decidere della causa

Scarica Tribunale di Milano, n. 12843 del 16 novembre 2015

Cerca: risoluzione controversie clausola compromissoria

Commenta la notizia, interagisci...

Cerchi un amministratore?

In Evidenza

Dello stesso argomento

Inquilino moroso? Non paghi le tasse per il canone d'affitto non riscosso

Inquilino moroso? Non paghi le tasse per il canone d'affitto non riscosso

La dichiarazione e tassazione dei canoni di affitto è dovuta fino a quando risulta "in vita" il relativo contratto. La dichiarazione e tassazione dei canoni di affitto è dovuta fino a quando risulta

Risoluzione del contratto di compravendita se l'inquilino non libera l'immobile

Risoluzione del contratto di compravendita se l'inquilino non libera l'immobile

Vuoi cacciare l'inquilino? Puoi chiedere la risoluzione del contratto di compravendita se lo specifichi nel preliminare. Il Tribunale di Napoli ha individuato una soluzione ad una ipotesi più che probabile

Provvigione all'agente immobiliare solo quando si conclude l'affare

Il diritto alla provvigione spetta solo in caso di conclusione dell'affare

Provvigione all'agente immobiliare solo quando si conclude l'affare. Cosa succede quando il rapporto obbligatorio sorto fra le parti, si risolve diritto a fronte di una specifica clausola prevista dal contratto?