Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
100461 utenti
Registrati
Il portale N.1 sul Condominio
L'assemblea non può deliberare su una spese individuale del condomino
Problema condominiale? Inviaci un quesito

L'assemblea non può deliberare su una spese individuale del condomino

È affetta da nullità la delibera che ponga a totale carico del condomino le spese del legale per una procedura iniziata contro di lui

Avv.to Maurizio Tarantino - Foro di Bari  

"In tema di condominio, è affetta da nullità la deliberazione dell'assemblea condominiale che incida sui diritti individuali di un condomino, come quella che ponga a suo totale carico le spese del legale del condomino per una procedura iniziata contro di lui, in mancanza di una sentenza che ne sancisca la soccombenza, e detta nullità, a norma dell'art. 1421 cod. civ., può essere fatta valere dallo stesso condominio che abbia partecipato all'assemblea ancorché abbia espresso voto favorevole alla deliberazione, ove con tale voto non si esprima l'assunzione o il riconoscimento di una sua obbligazione".

Questo è il principio di diritto espresso dal Tribunale di Belluno con la pronuncia n.3189 dell'11 marzo 2016 in merito alla nullità della delibera condominiale.

I fatti di causa. Il Condominio con citazione proponeva appello avverso la sentenza del GdP di Milano che, accogliendo la domanda proposta da Tizia, aveva annullato la delibera condominiale relativamente all'addebito alla stessa di una determina somma, con condanna del Condominio a restituire l'importo suddetto oltre interessi.

Con l'impugnazione in esame, il Condominio affermava la legittimità dell'addebito all'appellata (Tizia) dell'importo della delibera, in quanto relativo a spese sostenute dall'appellante (Condominio) per la ricerca di un guasto, che aveva causato infiltrazioni in danno del condomino Caio; infiltrazioni provenienti dall'unità immobiliare di proprietà di Tizia.

Costituendosi in giudizio, l'appellata Tizia, eccepiva il difetto di legittimazione processuale dell'Amministratore e, nel merito, insisteva per la conferma della sentenza impugnata.

La legittimazione ad agire dell'amministratore. L'amministratore di condominio, nei limiti delle attribuzioni conferite dall'art. 1130 c.c. ovvero dal regolamento di condominio o, ancora, dall'assemblea, ha la rappresentanza del condominio e può agire in giudizio sia contro i condòmini sia contro i terzi.

Per quanto riguarda la legittimazione attiva secondo l'interpretazione tradizionale, il legislatore ha inteso riferirsi ai soli atti materiali (riparazioni di muri portanti, di tetti e lastrici) e giudiziali (azioni contro comportamenti illeciti posti in essere da terzi) necessari per la salvaguardia dell'integrità dell'immobile (Cass. n. 8233/2007), cioè ad atti meramente conservativi.

Resta, invece, esclusa la possibilità di esperimento di azioni reali contro i singoli condomini o contro terzi dirette ad ottenere statuizioni relative alla titolarità o al contenuto di diritti su cose e parti dell'edificio (Cass. n. 3044/2009 e Cass. n. 5147/2003).

Nel caso di legittimazione passiva se, dal lato attivo, non occorre la partecipazione di tutti i condomini nei giudizi promossi a tutela dell'utilizzazione e del godimento dei beni comuni, non diversamente deve ritenersi per quanto concerne la legittimazione passiva dell'amministratore, che è prevista dall'art. 1131 c.c., comma 2.

Tale legittimazione ha portata generale in quanto estesa a ogni interesse condominiale, essendo la ratio della norma diretta a evitare il gravoso onere a carico del terzo o del condomino, che intenda agire nei confronti del condominio, di evocare in giudizio tutti i condomini.

Premesso ciò, in assenza di regolare autorizzazione o di ratifica, l'amministratore risulterebbe privo di legittimazione ad agire, o a resistere, in giudizio, con la conseguenza che la stessa si tradurrebbe nella mancanza della titolarità del rapporto giuridico fatto valere in giudizio, per inesistenza dello stesso o per essere di pertinenza di un terzo(Cass. civ., 22/04/2009, n. 9558).

=> I limiti della legittimazione processuale dell'amministratore di condominio

Addebito spese individuali in condominio. Devono considerarsi illegittime tutte quelle spese individuali che si è provveduto ad addossare al condomino senza un accertamento da parte dell'Autorità Giudiziaria o comunque senza una sua espressa accettazione.

Si pensi alle spese legali per il sollecito di pagamento o a costi di riparazione di parti comuni asseritamente danneggiate dalla condotta del condomino cui sono state imputate.In questi casi la legge non consente l'addebito diretto, ma per addivenire a tale risultato richiede o il riconoscimento della controparte (il condomino) oppure l'accertamento e la condanna da parte dell'Autorità Giudiziaria.

=> L'incauto amministratore che agisce o resiste in giudizio senza il consenso dell'assemblea paga di tasca sua.

Il ragionamento del Tribunale di Belluno. A seguito dell'istruttoria, il tribunale adito ha evidenziato che l'amministratore non aveva provveduto a richiedere e ad ottenere dall'assemblea la necessaria ratifica dell'impugnazione proposta, sicché l'impugnazione è risultata inammissibile.

Tra l'altro, l'appello è risultato anche infondato nel merito, attesa l'evidente nullità della delibera che ha preteso di addebitare alla condomina Tizia in sede di riparto del consuntivo, una spesa personale (spese legali).

Sull'argomento in esame, lo stesso Tribunale con una precedente pronuncia(sent. n. 10247 dell'11 settembre 2015), aveva evidenziato che nel caso di addebito (nella specie costo del sollecito scritto da parte dell'avvocato, addebitatogli quale voce di spesa individuale senza alcun riconoscimento da parte sua), l'ordinamento non riconosce all'assemblea alcun potere di autotutela, sicché, costi individuali discendenti da comportamenti asseritamente illegittimi possono essere addebitati al responsabile solamente nel caso di accertamento giudiziale.Nello specifico, si legge in sentenza, le delibere di addebito di spese individuali non dovute, nei termini qui spiegati devono essere considerate nulle.

Le conclusioni. Alla luce di tutto quanto innanzi esposto, il Tribunale di Milano, con la pronuncia in commento ha dichiarato inammissibile l'appello e ha confermato l'impugnata sentenza.

=> Nullità delle delibere condominiali e poteri del giudice

=> Condominio e competenze avvocati. Come ripartire le spese

Scarica Tribunale di Milano n.3189 dell'11 marzo 2016

Cerca: nullità della delibera condominiale

Commenta la notizia, interagisci...

    in evidenza

Dello stesso argomento